Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 3 di 3 PrimoPrimo 123
Mostra risultati da 31 a 35 di 35

Discussione: Coincidenze Letterarie

  1. #31

    Predefinito

    Ho tentato anche coi numeri del lotto ma non ho ottenuto nessun effetto tangibile. La sincronicità sembra incompatibile col vil denaro.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #32

    Predefinito Sincronicità

    Citazione Originariamente scritto da miciaccio Vedi messaggio
    Ho tentato anche coi numeri del lotto ma non ho ottenuto nessun effetto tangibile. La sincronicità sembra incompatibile col vil denaro.
    Hahaha purtroppo è vero! Grande...

  • #33
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5112
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1456
    Thanks Thanks Received 
    854
    Thanked in
    571 Posts

    Predefinito

    Ho fatto il liceo classico, eppure mi non conoscevo affatto l'episodio in cui Serse (suppongo si parli dell'imperatore persiano...)ha fatto percuotere con le verghe il mare , reo di avergli provocato una sconfitta. Non lo conoscevo, né l'avevo mai sentito nominare, finché non l'ho trovato citato ne "I vicerè" (lo ricordo perché mi aveva incuriosito) e, due giorni dopo, anche ne "La prigioniera" di Proust

    Giorni fa parlo con un'amica di religione e teologia. Lei mi nomina il biblista Alberto Maggi, mi propone di leggerlo. Casualmente, il giorno dopo passo dalla Feltrinelli (è un evento!), perciò ne approfitto, compro un libro di Maggi e la sera ne parlo con mio marito. Ora, mio marito e la teologia non è che siano proprio amici. Lui però sembra interessato, mi ascolta, chiacchieriamo un po', poi va ad aprire il suo quotidiano preferito e... ci trova un'intervista ad Alberto Maggi, in doppia pagina. "Nell'inserto che non leggo mai", specifica pure

  • The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:


  • #34

    Predefinito

    Sarà l’influenza del Mondiale in Russia ma in questi giorni ho ripreso in mano un libro che avevo iniziato qualche anno fa e che tratta proprio del mio rapporto col mondo del calcio. Grazie a Flaminia Nucci ho trovato anche lo spunto per l’introduzione al libro.

    "...qualche tempo fa mi ha preso sta fissa dello scrivere e partecipando ad un forum dedicato al mondo dei libri sono finito in una discussione intitolata “coincidenze letterarie”. Tratta di quei casi in cui due eventi distanti tra di loro combaciano senza un’apparente spiegazione, come spesso mi capita di constatare nella vita di tutti i giorni. Una utente del forum ha commentato i miei post tirando in ballo il concetto di “sincronicità”. Carl Gustav Jung, il famoso psicoanalista svizzero, introdusse nel 1950 il concetto di sincronicità definendolo “un principio di nessi causali”, ovvero un legame tra due eventi che avvengono in contemporanea, connessi tra loro ma non in maniera causale, cioè che l'uno non influisca materialmente sull'altro ma appartenenti allo stesso contesto come due orologi che siano stati sincronizzati su una stessa ora. Marie-Louise Von Franz, allieva di Jung approfondì il concetto spingendosi oltre, affermando che i fenomeni sincronici, non essendo legati ad eventi causali non sono prevedibili, tuttavia essi si manifestano soprattutto nei casi di forte eccitazione psichica come la morte di una persona o un grande amore. L’introduzione dell’aspetto passionale riferito alla sincronicità potrebbe spiegare il manifestarsi di determinati eventi che mi sono capitati nel corso degli anni e che riguardano la sfera calcistica, notoriamente fonte di smisurata passione e coinvolgimento emotivo. Grazie a Jung posso così spiegarmi come sia possibile che nella tarda primavera del 1982 dopo aver disputato a otto anni la prima partita di calcio della mia vita, qualche mese dopo la Nazionale italiana è riuscita a trionfare al Mondiale in Spagna dopo quasi cinquant’anni di digiuno e figuracce. Si spiega anche come è potuto accadere che nel 1989 dopo aver varcato per la prima volta i cancelli dello stadio “Galleana”, (oggi “Garilli”) per assistere ad una partita di serie C del Piacenza Calcio, sono diventato testimone tre anni dopo della prima storica promozione in serie A dei biancorossi, a coronamento di una straordinaria scalata iniziata proprio nel ‘89. Risulta poi chiaro come nella primavera del 2012 affezionandomi al Club Atletico San Lorenzo de Almagro siano avvenute in successione una salvezza impensabile, l’approvazione della “ley de restitucion historica”, il ritorno al successo nel campionato argentino e a seguire la conquista della prima storica Copa Libertadores. Senza dimenticare che nel febbraio 2013 Jorge Mario Bergoglio, tifoso acclarato del San Lorenzo, è stato eletto Papa col nome di Francesco. Non voglio dire che sono stato io l’artefice di tutto questo, ma se vogliamo dar credito all’allieva di Jung, forse un po’ di merito ce l’ho avuto anch’io perché, lo confesso, mi sono innamorato di tutte e tre queste squadre."

    Scrivo oggi perché in queste ore è venuto a mancare all’età di 81 anni il “Titta” Rota. Giambattista Rota, bergamasco, prese possesso della panchina del Piacenza nel lontano 1983 quando la squadra era appena precipitata nell’allora serie C2. Proprio di questo stavo scrivendo in questi giorni. Ha ottenuto due promozioni e una storica salvezza in serie B. Ero poco più che un bambino e allo stadio ancora non andavo ma non posso scordare le foto sul giornale di quel faccione rubicondo coi baffetti alla Peppone. Ciao Titta.
    Ultima modifica di miciaccio; 07-10-2018 alle 05:48 PM.

  • #35
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14752
    Thanks Thanks Given 
    1236
    Thanks Thanks Received 
    1004
    Thanked in
    703 Posts

    Predefinito

    Ieri pomeriggio durante la mia quasi quotidiana passeggiata ho incontrato 2 bambine di un paio di anni che erano in compagnia delle nonne, una delle due mi ha chiesto come mi chiamavo ed io l'ho chiesto a lei. Ha risposto Ela (il nome intero sarebbe Michela). Stamattina mentre leggevo Il Dio dei viventi mi imbatto in una scena simile: uno dei protagonisti incontra una bambina che dice di chiamarsi Ella (il nome intero è Raffaella)

  • Pagina 3 di 3 PrimoPrimo 123

    Discussioni simili

    1. Allergie letterarie
      Da Dory nel forum Salotto letterario
      Risposte: 34
      Ultimo messaggio: 11-22-2017, 09:23 AM
    2. Lista temi Sfide Letterarie
      Da Minerva6 nel forum Sfide letterarie
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 04-06-2012, 06:15 PM
    3. Collane letterarie
      Da fabiog nel forum Salotto letterario
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 10-19-2010, 11:12 PM
    4. Notizie letterarie!
      Da elydark nel forum Salotto letterario
      Risposte: 19
      Ultimo messaggio: 05-31-2009, 08:46 PM
    5. esistono ancora le riviste letterarie?
      Da Faskyo nel forum Salotto letterario
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 01-12-2009, 09:44 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •