Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Olivier Follmi

  1. #1
    maredentro78
    Guest

    Predefinito Olivier Follmi

    Fotografo incredibile di pesaggi e delle persone che li abitano.Mi ero innamorata una 10 di anni fa della parte relativa al Nepal,dove è rimasto per molto tempo e ha anche adottato un bambino.

    http://http://www.follmispirit.com/

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner

  • #2
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1495
    Thanks Thanks Given 
    1070
    Thanks Thanks Received 
    902
    Thanked in
    622 Posts

    Predefinito

    Olivier Follmi:
    "Arrivo nelle città come nei Paesi più remoti con la macchina fotografica rigorosamente chiusa nella zaino. Scelgo un luogo centrale, mi siedo, e quando un bambino si avvicina inizio a fare qualche piccolo gioco di prestigio. Un mini kit per i trucchi è parte integrante della mia attrezzatura. Amo il magico, perché mi dà la possibilità di offrire qualcosa che è allo stesso tempo semplice e meraviglioso. Poco a poco, infatti, la gente del villaggio mi si raccoglie intorno. È solo quando tutti i trucchetti sono stati ripetuti all'infinito che comincio a pensare di poter fare qualche foto. Così, quello scatto diventa una continuazione del magico, l'ultima scena della mia messinscena. E tutti vogliono far parte dello show, con il villaggio al centro del palcoscenico e gli attori che si confondono con gli spettatori. È questo il percorso fotografico che mi guida nel cuore della vita". La sua strada come professionista dell'immagine Olivier, l'ha trovata da tempo, e l'ha portato in Asia. Nel 1975, una borsa di studio in tasca, arriva in Afghanistan, a 6000 metri, sul Mir-Sa-Mir. Un anno dopo, invece, è la volta dello Zanskar, in Ladakh, tra le più isolate regioni del mondo, nel cuore dell'Himalaya indiano (vi tornerà più e più volte prima di dare alle stampe Two Winters in Zanskar, Editions Olizane, Geneve, 1983, e Zanskar, Edition Nathan, Paris, 1987), dove si dedicherà anche a lungo all'attività di guida attraverso India e Nepal per viaggiatori curiosi della cultura tibetana.
    È in quegli anni che incontra Danielle, che ha appena iniziato a studiare medicina. In un lampo, e nonostante i molti via-vai, decidono di sposarsi. Lui riparte subito per il Nepal, lei, dopo una specializzazione in anestesia, rianimazione e cardiochirurgia, si unisce a Médicins sans Frontières e inizia a lavorare in Laos, in Cambogia, a Panama. La famiglia Follmi cresce con l'adozione di Motup, Diskit, Pema e Yvan, tutti e quattro, neppure a dirlo, bambini tibetani. "L'impresa più difficile, nel mio mestiere, è conciliare la famiglia con le esigenze del lavoro. Il problema è trovare il tempo da trascorrere con i tuoi. Sarebbe facile mettere la professione al primo posto. Ma alla lunga, sarebbe un errore madornale. Il successo ha senso solo se si ha qualcuno con cui condividerlo", sostiene Olivier. Quello arrivato insieme a premi ambiti (tra cui il Grand Prix al Festival Internazionale di diaporama di Chatel, e il Grand Prix al Festival du film d'adventure di Royan) lui l'ha diviso, concretamente, con Danielle. L'ultimo libro, "Offerte" è co-firmato: alle immagini di Olivier sono affiancati i pensieri dei maestri buddhisti e tibetani scelti dalla coppia. Insieme hanno anche fondato Hope (Himalayan Organisation for People and Education) un'associazione laica e apolitica con sede in Svizzera che ha lo scopo di preservare l'armonia culturale del Tibet senza trascurare, però, concrete possibilità di sviluppo per i suoi abitanti. Fino a oggi, i coniugi Follmi hanno finanziato soprattutto scuole, studenti e laboratori tessili, in parte con fondi provenienti dalla vendita dei loro libri.
    Le foto sono rigorose ma suggestive, perché intrise dei colori netti di un paesaggio carico e, spesso, modellato da un raggio di luce improvvisa, immagini evocative della spiritualità armonica di un popolo che i Follmi conoscono bene. Su tutto, domina la percezione dell'uomo e dei luoghi filtrati attraverso la consapevolezza della loro finitezza rispetto all'immensità della natura. "Quello che trovo sempre sorprendente sull'Himalaya", dice Olivier, "è questa accettazione del fatto che sull'uomo, sulla natura, regna sempre qualcosa di più grande".


  • The Following User Says Thank You to Ondine For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Dahan, Olivier - La vie en rose
      Da elisa nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 04-30-2017, 04:08 PM
    2. Nakache, Olivier; Toledano, Eric - Quasi amici - Intouchables
      Da alessandra nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 13
      Ultimo messaggio: 07-20-2016, 03:26 PM
    3. Assayas, Olivier - Carlos
      Da fabiog nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 05-27-2011, 11:50 PM
    4. Olivier, Laurence - Amleto
      Da elisa nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 06-13-2010, 08:25 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •