Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Caduto fuori dal tempo

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Grossman, David - Caduto fuori dal tempo

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4327
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    722
    Thanks Thanks Received 
    445
    Thanked in
    300 Posts

    Predefinito Grossman, David - Caduto fuori dal tempo

    Probabilmente posso
    capire solo cose
    che sono dentro il tempo. Persone,
    per esempio, o pensieri, o dolore
    o gioia, cavalli, cani,
    parole, amore. Anche la mia nostalgia di te
    è imprigionata nel tempo. Il dolore
    si fa antico
    con gli anni, ma ci sono giorni in cui è nuovo,
    fresco.
    Così anche la rabbia per tutto ciò di cui
    sei stato privato. Ma tu
    non ci sei più...non ci sei
    più. Sei fuori dal tempo.
    (...)
    E tu sei così: sei caduto fuori dal tempo,
    (...)


    Difficile trovare parole per un libro così.
    E' semplice come l'evidenza, terribile come l'assoluto. Poesia in gocce di fuoco. Ad ogni parola puoi solo pensare: "ecco, è così, questa è la verità".
    Sembra scritto da sempre.
    Un capolavoro assoluto

    5/5

  2. The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:


  3. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    anch'io trovo difficile commentare questo libro, il mio giudizio è un secco 5/5, ma qualunque cosa io possa dire, risulterebbe banale...

  4. #3
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    132
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    mmm... ultima possibilità che potrei dare al Grossman tanto amato da ragazzina?

  5. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4327
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    722
    Thanks Thanks Received 
    445
    Thanked in
    300 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    mmm... ultima possibilità che potrei dare al Grossman tanto amato da ragazzina?
    Io non conosco gli altri suoi lavori (solo "Qualcun con cui correre", che è un romanzo delicato ma non un capolavoro assoluto), ma credo che qui siamo su un piano diverso. Grossman tratta dell'esperienza più atroce che possa capitare all'essere umano - e che lui ha vissuto sulla sua pelle.
    Penso possa piacere come no, ma se ti prende lo leggi con i brividi addosso.

  6. #5
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10197
    Thanks Thanks Given 
    378
    Thanks Thanks Received 
    412
    Thanked in
    293 Posts

    Predefinito

    Provare a scrivere qualcosa su questo libro sembra quasi invadenza, intrusione nel dolore. Ci si chiede come sia possibile dar voce a un dolore così assurdo e innaturale, invece lo è. Grossman l'ha fatto in modo diverso, corale. Un susseguirsi di frasi, un misto di prosa e versi, più voci che sono una sola voce.
    Atroce, terribile, ma non fa piangere, agghiaccia. Eppure è dolce e delicato. Ogni parola, ogni frase è quella giusta ed è espressa nel modo giusto, nel senso che nessun'altra parola, nessun'altra frase potrebbe creare quell'empatia tra scrittore e lettore, che viene colpito come se ricevesse una pugnalata, ma allo stesso tempo è lievemente rasserenato dal fatto che una sofferenza così immensa possa essere in qualche modo espressa, quasi esorcizzata con la forza delle parole.
    Non esiste un termine che definisca un genitore che ha perso un figlio, come, che so, orfano, vedovo. Perché non è una cosa naturale.
    L'eterna ricerca di un "laggiù", il punto di incontro tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Un ciclo che si chiude e allo stesso tempo resta sempre aperto.

  7. The Following User Says Thank You to alessandra For This Useful Post:


Discussioni simili

  1. Grossman, David - L'abbraccio.
    Da Frundsberg nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-14-2011, 08:46 PM
  2. Goyer, David S. - Time X: fuori tempo massimo
    Da skitty nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-01-2011, 05:42 PM
  3. Recensioni di libri: le Peggiori (AL DI FUORI dal Forum)
    Da Carcarlo nel forum Salotto letterario
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 01-02-2011, 07:08 PM
  4. Piccioni, Giuseppe - Fuori dal mondo
    Da Apart nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-15-2009, 01:08 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •