La morte per overdose di una minorenne, di cui la polizia non riesce astabilire l'identità, si intreccia con la scomparsa di Massimo Verga, il libraio amico del commissario Ferrara, coinvolto in un caso di omicidio in Versilia. Il capo della mobile di Firenze deve districarsi tra le due indagini, che lo portano a misurarsi con due realtà altrettanto micidiali: il diffondersi della droga a Firenze e l'espandersi subdolo e irrefrenabile delle mafie su tutto il territorio toscano. In un crescendo di tensione e colpi discena, Ferrara dovrà imporre le sue scelte a dispetto delle incomprensioni edelle manovre di oscuri burattinai che tentano in ogni modo di ostacolare le indagini.

Questo libro anche racconta una storia a sè stante è virtualmnte il seguito di Scarabeo. Stesso protagonista (molto somigliante all'autore) e stesse dinamiche per quanto riguarda le indagini. Solo ch qua si esagera forse un po' con gli elementi: massoneria, mafia, droga e chi più ne ha più ne metta.
Riman comunque un libro interessanteper gli appassionati de genere, soprattutto vista l'esperienza riguardo alle indagini poliziesche di chi l'ha scritto.