Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

la vendetta è un gusto

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Ibba, Giancarlo - La vendetta è un gusto

  1. #1
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4197
    Thanks Thanks Given 
    21
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    7 Posts

    Predefinito Ibba, Giancarlo - La vendetta è un gusto

    In una Cagliari invernale e cupa, un professore universitario viene ritrovato sezionato in settantasei pezzi, nel suo appartamento, ma questo è solo il primo di una serie di misteriosi, efferati delitti.
    Perché tutto ciò? Chi mai può essere capace di tanta violenza? E, soprattutto, con quali motivazioni? I protagonisti della storia sono degli studenti universitari come tanti, come il protagonista, Lorenzo, i suoi compagni di appartamento, la sua ragazza July, che convive con l’amica Betta, e Stella, grande amica e compagna di Lorenzo alla Facoltà di Scienze Naturali. Ragazzi assolutamente normali, e pure ordinaria e banale è la Facoltà che frequentano, affollata di animali impagliati e scaffali con barattoli pieni di liquido in cui si conservano repellenti cadaverini traslucidi e mollicci, sale buie e un po’ tetre, un grande Acquario debolmente illuminato in cui nuotano pigramente cernie e murene. Ma, anche nella tranquilla quotidianità, follia e desiderio di vendetta sono pulsioni sempre in agguato nel più profondo della mente umana e pronte a esplodere, basta il giusto innesco...



    Romanzo breve che si legge in due sessioni. La brevità non permetteva un approfondimento psicologico dei personaggi che infatti, in alcuni casi, rimane solo in superficie (su tutti lo stesso prof. Sforza). Non voglio sindacare sulla verosimiglianza della trama (la polizia e Ris inesistenti, la facilità di esecuzione dei delitti come se nulla fosse, il sangue che viene pulito via come se si avesse una bacchetta magica); mi limito a dire che è una lettura tutto sommato godibile, senza grosse pretese, scritta con uno stile ironico, caustico, a volte compiaciuto ma che calza a pennello su uno studente universitario un po' fantozziano, ecco.
    L'ambientazione mi è piaciuta, permette l'immedesimazione facilmente per chi ha frequentato l'università. Mi ha ricordato l'insofferenza che provai anch'io per l'atmosfera che si respirava e per certi opinabili atteggiamenti accademici.
    Per un attimo ho temuto che l'autore fosse ricorso al trito escamotage dello sdoppiamento della personalità ma per fortuna mi sono dovuto ricredere. Unico neo, forse, il fatto che l'assassino, essendo così pochi i personaggi, si intuisca agevolmente.
    Il colpo di scena finale è invece apprezzabile.
    Voto 3

  2. #2

    Predefinito

    Corcondo con la tua analisi del mio libro. In effetti, è un pò sopra le righe, poco realistico in certi passaggi e troppo breve per una descrizione migliore dei personaggi. In effetti, quando l'ho scritto, tutto immaginavo tranne che una futura pubblicazione. Questo ha comportato, inevitabilmente, una scrittura meno indirizzata al "lettore". In ogni caso, la mia intenzione era quella di scrivere una storia breve, di facile lettura, divertente e sarcastica. Ammetto di non aver mai pensato allo "sdoppiamento della personalità"... ne supponevo di poter suscitare questo "sospetto"! Per quanto riguarda polizia, Ris, sangue, mi avvalgo della licenza poetica. Ad ogni modo ti ringrazio di aver speso un pò del tuo tempo per commentare la mia opera. Ogni critica costruttiva è ben accetta.

  3. #3
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4197
    Thanks Thanks Given 
    21
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    7 Posts

    Predefinito

    ciao Giancarlo, benvenuto e complimenti, sia per i risultati che per l'umiltà nell'accettare le critiche.
    In bocca al lupo per il futuro

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Ford, Jamie - Il gusto proibito dello zenzero
    Da SeRena! nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 09-27-2017, 11:02 AM
  2. Tsai Ming-liang - Il gusto dell'anguria
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 04-26-2013, 11:03 PM
  3. Tona, Sinigaglia, Delle Donne - Gusto Italiano
    Da Fra_Pi nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 05-28-2012, 11:52 AM
  4. AA.VV. - Il gusto del delitto
    Da Ambra nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 01-12-2009, 10:00 AM
  5. Pasquali, Elisabetta - Il gusto del picchio.
    Da Lord Xeddy nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-29-2008, 04:13 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •