Nonostante gli innumerevoli tentativi di vivere come una ragazza normale, Evie non riesce proprio a stare lontana dai guai: per lei è impossibile liberarsi del suo dono (vedere i mostri!) e del suo passato decisamente fuori dal comune. Non le resta che continuare il suo lavoro all'Agenzia per il Contenimento del Paranormale, dove è in carica un nuovo direttore. Ma stanno accadendo strane cose intorno a Evie, preoccupanti eventi che travolgono non solo il mondo fatato, ma che si ripercuotono pericolosamente anche su quello degli umani. Ci sono voci sempre più insistenti fra le creature sovrannaturali che indicano proprio Evie come la prescelta per salvare il loro universo dalla distruzione. È tempo di affilare le armi, o meglio, per la nostra frizzante e improbabile eroina, è tempo di ricaricare l'inseparabile taser rosa-confetto e affrontare il suo destino. Del resto lei è "troppo speciale per essere normale".

Quando arrivo alla fine di una serie che mi ha appassionato, alla curiosità di sapere come andrà a finire e che destino avranno i personaggi che mi hanno tenuto compagnia in diversi libri, si aggiunge sempre un po' di tristezza, pensando che non leggerò più di loro e delle loro avventure.
In questo caso, inoltre, mi dispiacerà molto non leggere più di tutte le situazioni, circostanze e battute divertenti che Evie, con la sua personalità effervescente, ha fatto emergere in questa spiritosa trilogia, che è costantemente riuscita a mettermi molta allegria.
Alle parti divertenti si intrecciano però anche gli eventi più seri, soprattutto riguardo a presunti tradimenti e cambiamenti di fronte, alla natura di Evie, al suo ruolo nei confronti dell' AICP, che in questo romanzo finale prenderà una nuova svolta, al suo rapporto con Preston ed al loro futuro (che sia insieme o meno). Di importanza centrale sono anche le sorti degli esseri paranormali, a cui stanno succedendo cose terribili. Evie è l' unica in grado di aiutarli, ma non vuole questa enorme responsabilità e ancora non è a conoscenza di ciò a cui dovrà rinunciare per fare quello che le viene chiesto.

Reth mi infastidisce moltissimo, non si capisce mai quali siano le sue vere intenzioni, ma invece di essere misterioso ed intrigante a me risulta solo viscido, subdolo e megalomane.
Invece Jack, pur avendo fatto cose anche peggiori, almeno fa ridere. É talmente squilibrato che ogni cosa che dice e fa è imprevedibile...e molto divertente. É un personaggio geniale!
Di Evie e Preston mi è piaciuto tanto che, nonostante tutto, siano sempre stati sicurissimi dei propri sentimenti e di quelli dell' altro...decisamente molto più sicuri di come sono stata io mentre leggevo questa trilogia!
Le scene tra loro sono meravigliose e mi hanno entusiasmato, perchè ormai tra loro ci sono e ci devono essere anche discorsi più profondi (comunque io ricordo con estrema tenerezza anche i momenti nei quali hanno iniziato a conoscersi ed il loro amore è nato, nel primo romanzo).
In diverse occasioni, per un motivo o per l' altro, Evie deve agire senza Preston e la sua mancanza si sente. Questo mi ha fatto pensare che alcune di queste situazioni, create per aumentare la tensione, il coinvolgimento e l' aspettativa, avrebbero potuto portare ad un libro in cui lui non sarebbe stato molto presente. In realtà invece c'è spazio per tutti e per tutto. Le varie questioni si intrecciano bene ed il tutto funziona ed ha senso.

Dopo certi eventi un po' inquietanti ammetto che ho fatto veramente fatica per trattenermi dall' andare in fono al libro per leggere la fine (cosa che faccio rarissimamente, ma che, confesso, qualche volta è capitata). Volevo essere rassicurata...o nel peggiore dei casi, mettermi almeno il cuore in pace. Mi sono sforzata di resistere sapendo che sarebbe stato tutto più bello se mi fossi lasciata sorprendere dagli avvenimenti al momento giusto. Ma è stato difficile. Davvero. Ero troppo curiosa e preoccupata!
Ne è comunque valsa la pena, infatti la parte finale è favolosa, il meglio dell' intera trilogia. C'è tutto quello che ci doveva essere ed anche di più, è piena di emozioni, è veramente travolgente e mi ha fatto davvero immergere completamente in questo mondo ed in questa bellissima storia.