Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

joyland

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: King, Stephen - Joyland

  1. #1
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4197
    Thanks Thanks Given 
    22
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    7 Posts

    Predefinito King, Stephen - Joyland

    Estate 1973, Heavens Bay, Carolina del Nord. Devin Jones è uno studente universitario squattrinato e con il cuore a pezzi, perché la sua ragazza lo ha tradito. Per dimenticare lei e guadagnare qualche dollaro, decide di accettare il lavoro in un luna park. Arrivato nel parco divertimenti, viene accolto da un colorito quanto bizzarro gruppo di personaggi: dalla stramba vedova Emmalina Shoplaw, che gli affitta una stanza, ai due coetanei Tom ed Erin, studenti in bolletta come lui e ben presto inseparabili amici; dall'ultranovantenne proprietario del parco al burbero responsabile del Castello del Brivido. Ma Dev scopre anche che il luogo nasconde un terribile segreto: nel Castello, infatti, è rimasto il fantasma di una ragazza uccisa macabramente quattro anni prima. E così, mentre si guadagna il magro stipendio intrattenendo i bambini con il suo costume da mascotte, Devin dovrà anche combattere il male che minaccia Heavens Bay. E difendere la donna della quale nel frattempo si è innamorato.

    E' ormai un King con le "pantofole", edulcorato e annacquato. Qui si cimenta in una sorta di detective story infarcita di un pizzico di paranormale. Siamo in Carolina del Nord, in un luna park il cui nome è già tutto un programma (la terra della gioia) ma la cui cronistoria è macchiata di sangue: c'è stato un brutale omicidio all'interno dell'attrazione più emblematica del parco, il Tunnel dell'orrore. Una matricola col cuore spezzato si farà assumere per la stagione estiva e farà della risoluzione del caso (e della liberazione del fantasma di Linda) la sua personale missione.
    A mio parere il romanzo si trascina stancamente per almeno duecento pagine. C'è qualche guizzo vitale qua e là (la performance di Devin nei panni di Howie, la mascotte del parco, il salvataggio eroico della bimba, le sempre interessanti conversazioni enigmatiche con Madame Fortuna) ma il libro non decolla mai effettivamente. Neanche quando potrebbe - incredibile che Stefano salti a piè pari il viaggio dei 3 ragazzi all'interno del tunnel, per poi farli parlare della "visione" a posteriori, solo una volta usciti.
    La svolta narrativa avviene con l'incontro tra Devin e Mike e Annie Ross: la scelta di introdurre il personaggio di un bambino sulla sedia a rotelle che non può fare cento metri per divertirsi a Joyland, sarebbe potuta scadere in un facile pietismo o smielato buonismo. Invece Stefano ne fa un personaggio dotato di una grande forza di carattere e una notevole pragmaticità (la promessa che strappa alla madre sul finale mi ha fatto venire la pelle d'oca).
    Il dettaglio che ci fa scoprire l'omicida non mi ha fatto impazzire, perché "sporcato" dall'aver accennato in precedenza a Eddie Parks, il personaggio più antipatico e scorbutico del parco, come possibile colpevole. Non posso spoilerare nè dire di più per far capire cosa voglio dire; la sorpresa, l'aspettativa di scoprire l'identità del killer, almeno per me, è stata rovinata da questa anticipazione non necessaria.
    Lo stile è indubbiamente sempre quello a cui ci ha abituato: Stefano è il re del "show don't tell" e in effetti la narrazione è molto visiva, sembra di essere lì al luna park. Personaggio migliore secondo me rimane Madame Fortuna: poteva essere il solito cliché della zingara che prevede il futuro, e invece King ne fa una donna di vita vissuta davvero originale e credibile.
    Do voto 4 per il finale strappalacrime che mi ha fatto commuovere, l'indubbia buona penna e il plot interessante. Resta però l'amaro in bocca perché temo di aver avvertito, da suo grande fan, che Il Re, quello che ti incollava alle pagine e ti faceva "star male", si sia accomodato in poltrona con tanto di pantofole e plaid, sforzandosi di timbrare il cartellino ogni tanto.
    P.s: il gergo della "Parlata" alla lunga mi ha fatto più innervosire che sorridere.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11971
    Thanks Thanks Given 
    555
    Thanks Thanks Received 
    629
    Thanked in
    308 Posts

    Predefinito

    Allora: Se compro un libro del buon Stephen mi aspetto determinate "emozioni", mi aspetto di saltare sulla sedia non dico girando ogni pagina ma quasi, mi aspetto scene "forti" e un finale da brivido, chiariamo subito che in Joyland tutto ciò non c'è. Ho come il sospetto che, come dice Ger, il buon Stephen abbia esaurito le risorse e si sia rilassato e per me che sono cresciuta con le emozioni sopracitate è senza dubbio una delusione. Non sarebbe un brutto libro, la storia è carina, si legge in un soffio e come tutti gli Stephen che si rispettino è molto "visiva" e ti tiene incollata alle pagine per vedere "se andando avanti succede "qualcosa", il punto è proprio questo, quel "qualcosa" che ti aspetti visto che in copertina c'è scritto "Stephen King" non succede mai, sì, d'accordo, c'è il colpo di scena finale, l'assassino è chi meno ti aspetteresti e il fantasma che aspetti invano per 300 e passa pagine non è quello che ti aspetteresti ma sinceramente a me non basta per promuoverlo. Gli do la sufficienza per il finale commovente e per alcuni personaggi ben caratterizzati: la sensitiva Rozzie, Michael il bimbo malato ma eroe e il cane Milo che fa anche lui la sua parte. Voto 3/5

  3. #3
    Junior Member
    Data registrazione
    Jul 2013
    Località
    Carpi (Mo)
    Messaggi
    3
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    A me è piaciuto parecchio: scritto bene e molto scorrevole.
    Adoro quando King parla di adolescenza, crescita e scorci di vita americana.
    Un buon libro, ma lontano dalle tematiche horror e dagli ultimi ottimi lavori del re, primo tra tutti 22/11/63

  4. #4
    Member
    Data registrazione
    Jan 2016
    Località
    Udine
    Messaggi
    66
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    4
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito 'nsomma

    Sono tornato a leggere King dopo qualche anno da 22/11/'63 pensando che con Joyland si stesse riavvicinando alle care vecchie storie di quando era il re del brivido. Invece la trama sul retro di copertina mi ha un po ingannato, anche se avevo comunque capito che di horror ce ne sarebbe stato poco.
    Tutto sommato è un romanzo sentimentale/paranormale scritto bene ma mi sembra anche un bel racconto annacquato. Nella prima metá del libro non succede quasi niente di significativo ai fini della trama e alla fine, scremando tutto il superfluo ne uscirebbe un ottimo racconto fra le 50 e 100 pagine.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. King, Stephen - 22 / 11 / '63
    Da AlessandroVG nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 11-14-2017, 06:49 PM
  2. King, Stephen - It
    Da Pezzo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 82
    Ultimo messaggio: 11-08-2017, 04:17 PM
  3. King, Stephen
    Da Sir_Dominicus nel forum Autori
    Risposte: 164
    Ultimo messaggio: 07-09-2016, 02:21 AM
  4. 82° Minigruppo - Joyland di Stephen King
    Da GermanoDalcielo nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 78
    Ultimo messaggio: 07-22-2013, 02:13 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •