Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Rinaldo e Armida

Hybrid View

Messaggio precedente Messaggio precedente   Messaggio successivo Messaggio successivo
  1. #1
    e invece no
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    Savignano sul Rubicone
    Messaggi
    411
    Inserimenti nel blog
    16
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito Rinaldo e Armida



    Nicolas Poussin, Rinaldo e Armida, Londra, Dulwich College


    Ma quando in lui fissò lo sguardo e vide
    come placido in vista egli respira,
    e ne’ begli occhi un dolce atto che ride
    ben che sian chiusi (or che fia s’ei li gira?),
    pria s’arresta sospesa, e gli s’asside
    poscia vicina, e placar sente ogn’ira
    mentre il risguarda; e ’n su la vaga fronte
    pende omai sì che par Narciso al fonte.

    E quei ch’ivi sorgean vivi sudori
    accoglie lievemente in un suo velo,
    e con un dolce ventilar gli ardori
    gli va temprando de l’estivo cielo.
    Così (chi ‘l crederia?) sopiti ardori
    d’occhi nascosi distemprar quel gelo
    che s’indurava al cor più che diamante:
    e di nemica ella divenne amante.


    Egli al lucido scudo il guardo gira
    onde si specchia in lui qual siasi e quanto
    con delicato culto adorno spira
    tatto odori e lascivie il crine e il manto;
    e il ferro, il ferro aver, non ch'altro, mira
    del troppo lusso effeminato a canto:
    guernito è sì ch'inutile ornamento
    sembra, non militar fero instrumento.

    Qual uom da cupo e grave sonno oppresso
    dopo vaneggiar lungo in sé riviene,
    tale ei tornò nel rimirar se stesso,
    ma se stesso mirar già non sostiene:
    giù cade il guardo, e timido e dimesso,
    guardando a terra, la vergogna il tiene.
    Si chiuderebbe e sotto il mare e dentro
    il foco per celarsi, e giù nel centro.



    Da La Gerusalemme Liberata, T. Tasso




    Francesco Hayez





    Jan Soens




    Francois Boucher

  2. The Following User Says Thank You to LowleafClod For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1429
    Thanks Thanks Given 
    1012
    Thanks Thanks Received 
    838
    Thanked in
    580 Posts

    Predefinito

    Che bella, non ricordavo la loro storia.


  • Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •