Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Bartleby e compagnia

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Vila-Matas, Enrique - Bartleby e compagnia

  1. #1
    Re Shulgi di Ur
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Mesopotamia meridionale
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Vila-Matas, Enrique - Bartleby e compagnia

    Un impiegato metà Pessoa e metà Kafka scrive un diario fatto di note a piè di pagina a commento di un testo fantasma. Con piglio pacato e una raffinata stringatezza stilistica va a caccia di "bartleby", esseri che ospitano dentro di sé una profonda negazione del mondo e prendono il nome del famoso scrivano di Melville che preferiva non fare e non parlare. I bartleby finiscono per non scrivere nulla pur avendo tutto il talento necessario, oppure, se esordiscono, rinunciano presto alla scrittura. Un libro ironico ma anche incantato dal sortilegio della parola.


    Un piccolo capolavoro, ma piccolo solo per il numero di pagine contenuto.
    Vila-Matas si diverte a cercare e a narrare aneddoti sulle vite di scrittori mai nati e su scrittori che a un certo momento della loro vita hanno deciso (o non hanno potuto) esercitare più il loro mestiere. Vediamo così il precocissimo Rimbaud che a 19 anni termina già la sua opera poetica e fugge in Africa, troviamo Guy De Maupassant che in preda a deliri di onnipotenza non scrisse più nulla perché si considerava immortale, e raggiungiamo lo scrittore messicano Juan Rulfo, che dopo il suo capolavoro Pedro Paramo cadde in un silenzio letterario senza fine e alla domanda sul perché non scrivesse più rispondeva a tutti "E' morto mio zio Celerino, era lui che mi raccontava quelle storie".
    Un libro di un grande romanziere che è prima di tutto un eccezionale lettore, capace di districarsi agilmente tra centinaia di citazioni e squarci di vita dove i protagonisti si chiamano Kafka, Musil, Menville, Henry Roth, Pynchon, London e molti altri ancora.

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14059
    Thanks Thanks Given 
    838
    Thanks Thanks Received 
    636
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    Ho letto il nome di Pessoa e mi si è accesa la curiosità...hai mica letto Il libro dell'inquietudine? Sapresti dirmi se c'è attinenza? Grazie!

  3. #3
    Re Shulgi di Ur
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Mesopotamia meridionale
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Si, lo ho letto qualche anno fa, e Pessoa è un altro scrittore a cui Vila-Matas fa riferimento mentre si preoccupa di scovare autori affetti dalla sindrome di Bartleby

  4. #4
    giovaneholden
    Guest

    Predefinito

    Splendido libro,come tutti quelli di Vila-Matas,riesce con un nulla a tessere riferimenti di grande vastità culturale,in questo mi ricorda il grandissimo Sebald.

  5. #5
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14059
    Thanks Thanks Given 
    838
    Thanks Thanks Received 
    636
    Thanked in
    460 Posts

    Predefinito

    L'ho finito qualche giorno fa.
    Diverso da come me l'aspettavo (avrei voluto un po' più di Pessoa ), ma molto interessante, soprattutto perché mi ha fatto conoscere e approfondire diversi autori che in futuro leggerò o continuerò a leggere.
    Mi sono anche divertita a cercare in rete i nomi degli sconosciuti.

    Queste riportate di seguito sono solo alcune delle citazioni che mi hanno più colpita:

    Le parole non hanno assolutamente alcuna possibilità di esprimere nulla. Nel momento in cui iniziamo a tradurre i nostri pensieri in parole e frasi, va tutto in malora. (Melville)

    Abbiamo tutti dentro un libro, forse un grande libro, che però nel tumulto della nostra vita interiore raramente emerge oppure lo fa così in fretta che non ci dà il tempo di arpionarlo. (Ribeyro)

    Ho scritto il mio romanzo solo per recuperare logori ricordi che brillavano soavemente nella mia memoria.
    (Henry Roth...quindi sono 3 i Roth)

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Melville, Herman - Bartleby lo scrivano
    Da Ariel nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 06-06-2016, 06:21 PM
  2. Benni, Stefano - La compagnia dei celestini
    Da Meri nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 12-28-2010, 11:58 AM
  3. Laura Bono - La mia discreta compagnia
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Albumeroteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-10-2010, 01:41 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •