Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La Farisea

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Mauriac, Francois - La Farisea

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2299
    Thanks Thanks Given 
    33
    Thanks Thanks Received 
    159
    Thanked in
    96 Posts

    Predefinito Mauriac, Francois - La Farisea

    Questo libro mi è piaciuto solo in parte. Bella, ben riuscita la prima parte in cui Mauriac descrive in modo magistrale ed implacabile Brigida Pian (la farisea del titolo), una donna molto religiosa, che conosce a memoria ogni versetto delle Sacre Scritture, e che si erige a giudice attento del proprio e dell'altrui comportamento, mostrandosi altrettanto inflessibile nel condannarne ogni più piccola mancanza. Ma a ben guardare sotto questa fervente religiosità, ci si accorge che Brigida Pian è una di quelle persone bigotte, che proprio nella loro intransigenza, nella loro mancanza di pietà cristiana e di senso del perdono, hanno smarrito il vero senso della Fede. Per dirla con le parole che Mauriac mette in bocca all'abate Calou, Brigida Pian è "una di quelle persone che scelgono Dio, ma che Dio, da parte sua, può darsi che non sceglie affatto". In effetti Dio probabilmente non vorrebbe come "avvocato" della propria causa, una donna che con i suoi giudizi inflessibili con le sue condanne rovina la vita a chi gli sta vicino.
    Ho trovato meno riuscita, invece, la descrizione dell'abate Calou, che dovrebbe rappresentare l'aspetto buono e positivo della religione, il vero aspetto della Fede. Invece io ho trovato questo religioso troppo passivo, troppo legato alle sue messe, ai suoi breviari, ai suoi silenzi, come se questo potesse bastare ad aiutare le persone negli affanni delle loro vite.
    Tanto la prima parte del libro è accurata, precisa, tanto le ultime venti pagine sono approssimative, a volte si ha quasi l'impressione che Mauriac voglia arrivare in fretta alla parola fine. Molti fatti vengono, infatti, solo accennati o lasciati intendere, per altri si rimanda ad un futuro, ipotetico, libro che la voce narrante dovrebbe scrivere, molti rapporti, inoltre, vengono lasciati in sospeso o non risolti, nonostante nel libro abbiano avuto un peso non irrilevante.
    Perciò direi bella la prima parte del libro che perde, forse un po' troppo, nelle ultime pagine, restando comunque una lettura valida ed interessante.
    Ultima modifica di elisa; 09-12-2013 alle 05:33 PM. Motivo: format titolo

Discussioni simili

  1. Mauriac, François - Groviglio di vipere
    Da SALLY nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 06-28-2013, 04:30 PM
  2. Mauriac, François - Thérèse Desqueyroux
    Da fernycip nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-18-2012, 01:09 PM
  3. De Closets, François - Zéro faute
    Da jeanne nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 04-10-2011, 09:18 AM
  4. Bègaudeau, François - La classe
    Da Palmaria nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-14-2009, 03:10 PM
  5. Poesie di Francois Villon
    Da zaratia nel forum Poesia
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-15-2007, 04:58 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •