Il 20 Marzo 2013 muore a soli 63 anni Antonio Manganelli, il "poliziotto con il sorriso" come lo definivano in molti. Avellinese di nascita, studi in giurisprudenza e criminologia, poi questore di Palermo e Napoli, capo della Polizia, medaglia d'oro al valor civile. Una vita dedicata a combattere il crimine, in particolare le mafie. Due mesi dopo, nel Maggio dello stesso anno, il presidente del senato presenta a palazzo Giustiniani "il sangue non sbaglia". Il romanzo raccoglie l'esperienza di una vita a combattere il crimine, come lo stesso autore afferma nell'introduzione. Il protagonista di una vicenda di delitti l'ispettore Galasso, dietro al quale non po nascondersi a lungo lo stesso autore. La vicenda intrigante, il libro si legge molto facilmente, certo non la penna del grande narratore, in alcuni punti un arzigogolato e prolisso, ma tutto sommato efficace.