Roberto Calasso ci fa da guida nell'affascinante mondo pittorico di Giambattista Tiepolo, "l'ultimo soffio di felicità in Europa" che lascia ai posteri affreschi che spaziano nei palazzi e nelle chiese di Udine, Venezia, Milano, Madrid e Wurzburg, quadri di grande pregio e gli Scherzi e Capricci, opere non su commissione, che racchiudono uno dei misteri ancora insoluti dell'arte pittorica ma anche del profilo umano di Tiepolo. Quasi dimenticato per secoli, bistrattato in modo livoroso da Roberto Longhi a beneficio di Caravaggio, recuperato nella sua grandezza nelle mani di Calasso il suo mondo diventa quasi un'opera in giallo più che in rosa.

Per tutti gli appassionati di pittura e che non si accontentano ma vogliono andare a fondo di uno dei pittori meno conosciuti a livello autobiografico e che ci ha lasciato delle opere tra loro apparentemente contraddittorie e che invece con questo saggio impareremo a riconoscere in modo da ridare all'artista veneziano il posto che gli spetta, tra la Verità e il Tempo, che lui aveva riprodotto in modo così meraviglioso.