Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Fight club

Pagina 5 di 5 PrimoPrimo 12345
Mostra risultati da 61 a 67 di 67

Discussione: Palahniuk, Chuck - Fight Club

  1. #61
    Junior Member
    Data registrazione
    Mar 2011
    Località
    roma
    Messaggi
    6
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da tavololaici Vedi messaggio
    non ho letto il<libro.
    vidi il film,lo trovai interessante e bello ma con tesi molto forzate(anche il libro?)e assai intrise di un niccianesimo un po'....semplicistico e romanzesco.
    Ma interessante il tutto,senza dubbio.

    T.
    si diciamo che anche il libro è abbastanza forzato, con tesi molto nichiliste e di distruzione del mondo inteso come civiltà e cultura, ma fantastico con le sue ripetizioni e con le sue denunce a questo nuovo mondo corrotto... comunque consiglio vivamente di leggerlo

  2. #62
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4224
    Thanks Thanks Given 
    45
    Thanks Thanks Received 
    67
    Thanked in
    27 Posts

    Predefinito

    Uno dei pochi casi in cui libro e film sono sullo stesso, altissimo livello. Le prime 30 pagine sono state una tribolazione: stile spezzato, psichedelico, allucinato, tortuoso e martellante. Fastidioso, ecco. Poi dal momento in cui Tyler e la voce narrante fanno a botte per la prima volta, mi sono mangiato questo libro in 5 ore. Geniale! Una critica dissacrante all'apatia sociale e al consumismo che ti logora e ti corrode dall'interno, un'autodistruzione necessaria per risorgere dalle proprie ceneri e guardare la vita con occhi diversi e nella giusta prospettiva ("perché solo distruggendo me stesso posso aspirare al più alto valore del mio spirito").
    Menzione di merito per la parte in cui il narratore anonimo e Tyler "condiscono" e insaporiscono le pietanze ai catering a cui servono come camerieri e il capitolo in cui fanno ammutolire il direttore dell'hotel e il capo dell'ufficio con la minaccia di sputtanare quello che avevano fatto. Fantastici.
    Voto 3/5

  3. #63
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19653
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    335
    Thanks Thanks Received 
    976
    Thanked in
    626 Posts

    Predefinito

    da un mini gdl, riporto:

    Le ultime cinquanta pagine hanno risollevato l'andamento della lettura che si stiracchiava da troppi giorni senza riuscire a dare un senso alle parole lette. Certo il soggetto raccoglie molti umori giovanili e non, una ricerca di senso e di significato che paradossalmente diventa reale solo nel momento in cui si sentono le sensazioni forti sul proprio corpo fino al dolore, al sangue, alle ferite causate dai combattimenti del sabato notte. Ma è anche un po' il manifesto della dissociazione, del doppio Tyler notturno e diurno, del doppio in tutto, tanto da creare continui parallelismi, che differenza c'è tra la liposuzione e la distruzione dei connotati? tra il dolore vero dei partecipanti ai gruppi di auto aiuto e quello di Marla che vi partecipa abusivamente? è un continuo rimando ad abitudini disgustose come quelle dei camerieri che forse ancora hanno presa sui giovanottini finto perbenino che si occupano di grafica e di informatica e di pubblicità e di promozioni e che sognano come ultimo atto quello di non andar più a lavorare? ma che poi sono altro e altro ancora...troppa carne al fuoco, troppo grasso che sfrigola, sangue che gocciola, nasi rotti e buchi nelle guance, duecento pagine di troppo, un racconto lungo avrebbe avuto la medesima efficacia.

  4. #64

    Predefinito

    Semplicemente bellissimo

  5. #65
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2924
    Thanks Thanks Given 
    46
    Thanks Thanks Received 
    41
    Thanked in
    27 Posts

    Predefinito

    Era da molto che volevo leggere questo libro perché Soffocare l'avevo trovato originale e geniale.
    Con questo,invece,mi sono completamente ricreduta sulle qualità dell'autore...un libro assurdo, incomprensibile, infantile e nauseante, un delirio dall'inizio alla fine.
    Mai letto niente di peggio. Orrendo!

  6. #66
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    la leggendaria terra dei Consulenti
    Messaggi
    1235
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    rileggo fight club a intervalli regolari. Sono sicura di aver gia' espresso il mio entusiasmo atavico.
    e ogni volta, al momento del Colpo di Scena (che tutti coloro che hanno letto sanno benissimo quale sia) mi sorprendo ancora, pur sapendo del suo arrivo.
    quest'uomo sa scrivere storie intessute di cavi di alta tensione, schegge di vetro e seta che ti entrano sottopelle.
    peccato gli ultimi libri stiano calando un po'.

  7. #67
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10884
    Thanks Thanks Given 
    795
    Thanks Thanks Received 
    744
    Thanked in
    519 Posts

    Predefinito

    All'inizio lascia un po' sconcertati, ma è quel tipo di sconcerto che porta a desiderare di non staccarsi dal libro.
    Ci si chiede dove voglia andare a parare, Chuck. Dove porteranno quelle frasi taglienti e geniali, quella violenza (gratuita?), la descrizione di un'insoddisfazione che non trova soluzione né riscatto se non nel "toccare il fondo", nel distruggere tutto quanto circonda i protagonisti, per poi giungere al totale annientamento di se stessi. La risposta a questa domanda non si trova, se non nel Colpo di Scena (come l'avete definito voi, spero che sia lo stesso ) che dà un senso, a suo modo (ma si fa sempre per dire!), al delirio del protagonista e che costituisce il vero pugno nello stomaco (stavolta metaforico) all'interno del romanzo. Mi chiedo come sia stato possibile riprodurlo nel film. Mi sa che devo proprio vederla, questa trasposizione.
    Potrei dire che è un libro giovanile ma in realtà, se l'avessi letto a vent'anni, non sarei riuscita ad apprezzarlo,anzi mi avrebbe turbato forse troppo per portare avanti la lettura.
    Oggi dico solo che le parole per descrivere questo libro mi mancano. E' stata una lettura fatta più che altro di sensazioni, è come se fossi incappata per qualche sera in un genio tragico del quale non riesco a parlare.
    Ho adorato le parti grottesche, come la scena del ristorante e quelle delle riunioni dei Comitati dei malati, uniche situazioni in cui si percepisce un minimo di solidarietà umana. Tra tutti spicca un unico personaggio davvero vivo, quello di Marla.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Palahniuk, Chuck - Soffocare
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 09-10-2017, 07:10 PM
  2. Palahniuk, Chuck
    Da better57 nel forum Autori
    Risposte: 42
    Ultimo messaggio: 08-26-2016, 11:43 PM
  3. Palahniuk, Chuck - Invisible Monster
    Da iriciola nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 11-13-2015, 11:01 AM
  4. Palahniuk, Chuck - Survivor
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 02-05-2011, 04:27 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •