Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

 La sconosciuta

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Tornatore, Giuseppe - La sconosciuta

  1. #1
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Tornatore, Giuseppe - La sconosciuta

    TRAMA:
    Irena è una giovane donna, arrivata in Italia anni prima dall'Ucraina. La ragazza è alla ricerca di un lavoro e di un modo per ricominciare la propria vita, dimenticando il passato. Non cerca un'occupazione a caso, fa di tutto infatti per trovare un lavoro come domestica in un palazzo di fronte al quale è andata ad abitare, perché lì vi abita una famiglia di orafi, gli Adacher, per cui nutre un grande interesse...

    Per me, La sconosciuta, vincitore di ben cinque David di Donatello, è uno dei migliori film di Tornatore; regista che, e questa non vuole essere una critica, preferisco(e che mi stupisce sempre favorevolmente) quando si "allontana" dalla sua Sicilia.
    Qui, in una grigia, nebbiosa e non bene identificata città del nord, Tornatore ambienta la storia di questa infelice, che cerca in ogni modo di andare oltre il suo tragico passato per riconquistarsi la possibilità di vivere un presente felice e sereno. E' una storia cupa, sofferta, che il regista ci racconta a piccoli sorsi tramite l'uso frequente di flashback che sono dei veri e propri pugni nello stomaco. Si parla di sfruttamento della prostituzione, di criminalità, violenza, tematiche che si guardano da un diverso punto di vista, nel "dopo", nella strada verso la "redenzione".
    Col tema affrontato, dramma e suspense si fondono insieme, creando una sorta di thriller che non perde mai ritmo, intenso, crudo e ben congeniato, che mi ha incuriosita fino alla fine.
    Bravissima la protagonista, Ksenia Rappoport, ha uno sguardo che buca lo schermo!

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1420
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Lo vidi anni fa in una specie di cineforum organizzato dalla scuola a cui si poteva partecipare volontariamente. Ricordo che ne rimasi molto, molto scossa. Dopo la visione, non si aveva il coraggio di dire una sola parola. Non credo di aver mai visto una stanza piena di ragazzi così silenziosa...
    Non so se sia stata colpa della mia sensibilità di ragazzina che non ha mai potuto soffrire la violenza sulle donne e le prevaricazioni in genere, ma lo ricordo come un film durissimo da digerire, di fronte al quale ci si sente impotenti. Un ottimo film.
    Ultima modifica di Lin89; 01-06-2014 alle 11:46 PM.

  3. #3
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10198
    Thanks Thanks Given 
    378
    Thanks Thanks Received 
    413
    Thanked in
    293 Posts

    Predefinito

    Concordo con Lin sul fatto che è difficile da digerire e lo è anche da adulti, eccome, soprattutto se si è donne. Agghiacciante. Tornatore qui va oltre la poesia di Nuovo cinema Paradiso e La leggenda del pianista sull'oceano e ci trascina dentro una storia spietata, che parla di sfruttamento delle donne considerato sotto un aspetto forse inusuale in un film e che fa ovviamente rabbrividire, aspetto che non svelo anche se, forse, di fronte a una storia del genere l'idea di "spoiler" passa in secondo piano.
    Dapprincipio la protagonista trova lavoro presso un elegante palazzo di una tristissima città, dove viene assunta per la pulizia delle scale da un portiere piuttosto ambiguo. Ma non è esattamente questo il lavoro che lei vuole ... Perché? Da qui parte una trama piuttosto complessa e, malgrado tutto, coinvolgente, in un susseguirsi di eventi inframmezzati da flashback chiarificatori. Alla fine il cerchio, a suo modo, si chiude; resta impressa la figura di questa donna con cui la vita è stata così crudele e il pensiero doloroso che certe cose non capitano solo nei film, ma anche la sua personalità, la sua capacità di andare avanti e di combattere in tutti i sensi, la poesia del suo rapporto con la bambina co-protagonista del film, talvolta duro ma profondo. Forse di primo acchito ho preferito altri lavori del regista, ma è comunque un film bellissimo, che non si dimentica.

Discussioni simili

  1. Tornatore, Giuseppe - Nuovo Cinema Paradiso
    Da mado84 nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 03-02-2016, 04:56 PM
  2. Tornatore, Giuseppe - Una pura formalità
    Da asiul nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 08-10-2014, 05:03 PM
  3. Tornatore, Giuseppe - La migliore offerta
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 07-07-2014, 02:57 PM
  4. Tornatore, Giuseppe - Baarìa
    Da isola74 nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 01-27-2014, 07:26 PM
  5. Tornatore, Giuseppe - Malèna
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-25-2013, 12:19 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •