Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Stanno tutti bene

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Tornatore, Giuseppe - Stanno tutti bene

  1. #1
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Tornatore, Giuseppe - Stanno tutti bene

    TRAMA:
    Matteo è un anziano signore che abita in un piccolo paese della Sicilia. Un giorno, siccome non vede i figli da diverso tempo, decide di mettere mano alla valigia e di andarli a trovare. Dalla Sicilia risale a Napoli, poi a Roma, poi a Firenze, quindi a Milano e a Torino, non sarà la bella vacanza che si era immaginato...

    C'è chi la definiva la patria del cuore, chi la vedeva come un'azienda, chi, più semplicemente, preferiva stendere un velo pietoso, ognuno ha da dire la sua quando si parla di famiglia ed è ciò che Tornatore fa nel suo terzo film, dice la sua. Ci racconta una realtà, ci mostra la vita, i rapporti e la sorte di una famiglia che potrebbe essere la nostra o quella del nostro vicino, un ritratto non molto incoraggiante ma veritiero sotto certi aspetti.
    Nella famiglia di papà Matteo non si parla, non si comunica, o meglio, i figli, tutti dispersi, chi su, chi giù, in Italia, si confidano tra loro ma tengono il loro padre ben lontano dalla realtà, lo escludono volontariamente ed ermeticamente dalle loro vite. Tuttavia, gli costruiscono un mondo alternativo, dove hanno tutti raggiunto il successo, dove tutto va bene, dove il solo non smette mai di splendere e tutti sono felici. E Matteo per un bel pò ci crede e se da una parte si comprende il motivo per cui i figli mentono e nascondono segreti su segreti, dall'altra non si capisce se il protagonista è solamente ingenuo o se ritiene più saggio fingere, a sua volta, di non vedere come stanno realmente le cose... e questo perché?? Perché, come genitore, è doloroso vedere un figlio cadere e fallire o perché è una delusione vederlo seguire una strada diversa da quella che si aveva immaginato per lui, perché non si è rivelato all'altezza delle aspettative, perché non è stato il figlio brillante e straordinario che si desiderava ma è rimasto un uomo normale con i suoi problemi, le sue speranze e le sue preoccupazioni?
    Il personaggio di Matteo, interpretato da un bravissimo Marcello Mastroianni, l'ho trovato un pò "ambiguo" sotto questo punto. Mi spiego. Mi sembra che il regista abbia voluto "usare" questo anziano, armato di valigia e foto di famiglia, che non ha paura di affrontare la grande città e chiacchiera con la moglie defunta, per instillare compassione e tenerezza nello spettatore e così, per me, lo è stato all'inizio. Tuttavia, nel finale, quando dopo aver toccato con mano l'amara verità mormora quelle tre tragiche parole, che altro non sono che il titolo, mi è venuta solo una gran tristezza.
    La famiglia dovrebbe essere il primo rifugio, dovrebbe essere un luogo dove poter essere sinceri e leali, dove poter contare sull'aiuto e l'affetto di chi ti vuol bene. Un figlio non dovrebbe vivere con la paura costante di non essere abbastanza per il proprio padre o madre o provare vergogna perché non ha realizzato le speranze che i genitori riponevano su di lui e un genitore dovrebbe almeno provare a fare il genitore, non fingere di esserlo.
    Film che si poggia tutto sul talento di Mastroianni, gli altri al confronto spariscono.
    Non so se consigliarlo, in alcuni momenti perde un pò il ritmo e la noia prova ad avanzare, però fa pensare.

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18788
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    l'ho visto quando era uscito diversi anni fa e mi ha fatto tanta tenerezza il protagonista, sicuramente Mastroianni c'ha messo del suo alla grande e riconosco che a livello emotivo potrebbe ispirare tristezza però la frase detta dal protagonista è anche il modo con cui ci inganniamo per credere che vada tutto bene, se niente si può fare tanto vale non guardare in faccia la realtà e illudersi. Lo trovo sotto questo aspetto un film molto "umano", per umano intendo che attiene alla realtà umana.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1573
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    11
    Thanked in
    8 Posts

    Predefinito

    Si il protagonista è uno scofitto perché cede alla rassegnazione,all'idea che niente possa cambiare .....
    essere vecchi è proprio questo,credo,rinunciare all'idea che ciò che facciamo possa influenzare
    chi ci sta intorno...

  4. #4
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    755
    Thanks Thanks Given 
    549
    Thanks Thanks Received 
    352
    Thanked in
    247 Posts

    Predefinito

    Questo è un film dove Mastroianni per me è strepitoso (insieme a "Sostiene Pereira"), davvero una grande interpretazione.
    Il film è incentrato tutto intorno al suo personaggio, un padre che vuole illudersi che i suoi figli siano rimasti gli stessi di quando erano bambini e stiano "tutti bene", cioè tutti come lui desidera che siano, felici, professionalmente affermati, con una bellissima famiglia, un padre che non conosce affatto i suoi figli.
    Amaro nella sua realtà e fastidiosamente snob per ambientazione e per le aspettative che questo padre aveva per il futuro dei suoi figli, dove molta importanza si dà all'apparenza sociale.

Discussioni simili

  1. Tornatore, Giuseppe - La sconosciuta
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 05-23-2016, 05:36 PM
  2. Tornatore, Giuseppe - Baarìa
    Da isola74 nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 01-27-2014, 07:26 PM
  3. Tornatore, Giuseppe - Malèna
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-25-2013, 12:19 AM
  4. Jones, Kirk - Stanno tutti bene
    Da velvet nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-11-2011, 12:40 PM
  5. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 04-23-2011, 05:14 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •