Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 2 di 3 PrimoPrimo 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 41

Discussione: Murakami, Haruki

  1. #16
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    nel mondo
    Messaggi
    1076
    Thanks Thanks Given 
    27
    Thanks Thanks Received 
    157
    Thanked in
    71 Posts

    Predefinito Murakami Haruki

    Ho scoperto Murakami Haruki per la prima volta un paio d'anni fa leggendo 1Q84 (libro 1 e libro 2).
    Diciamo che mi ha spiazzato. Non lo conoscevo prima di quel momento. Mi ha spiazzato perche', non conoscendolo, mi ero fatto una certa idea di 1Q84 creandomi false aspettative del romanzo. Il mio primo giudizio era stato abbastanza scettico. Mi aspettavo un thriller (cosa totalmente sbagliata) e quindi ho iniziato il libro con certe aspettative che poi non sono state accontentate.
    Mi e' sembrato un libro abbastanza ripetitivo, prolisso, ma comunque scritto molto bene (e tradotto pure bene). Ho quindi letto anche 1Q84 libro 3 perche' sono stato incuriosito e volevo leggere il seguito.

    Dopo una pausa di riflessione (mi sono chiesto se fossi io che non avevo capito nulla), lessi "A Sud del Confine ad Ovest del sole" ed iniziai ad apprezzarlo sotto altri aspetti. Ho appena terminato "La Ragazza dello Sputnik" (letto in un giorno e mezzo) ed ora sto leggendo "L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio".

    Che dire? E' molto, molto bravo. Sa scrivere bene (e pure il traduttore deve essere bravo nel riuscire a tradurre un simile autore), sa creare immagini pennellandole con cura.
    La descrizione dell'isola greca (non citata con il vero nome) in la Ragazza dello Sputnik e' terribilmente realistica (io amo la Grecia ed ho visitato numerose isole), il sole, il rumore dei sassolini mossi dall'acqua del mare, l'atmosfera che si respira nelle isole greche (anche se e' solo un pretesto e non lo scopo del libro) e' da grande scrittore (bravo il traduttore ovviamente).

    Le descrizioni oniriche dei suoi libri (il fatto di non sapere se l'autore stia sognando o se stia vivendo la realta') sono da grande scrtittore.

    Un'altro aspetto che amo sono le descrizioni (o meglio dire le citazioni) in campo musicale. La musica e' sempre presente e partecipe della vita dei protagonisti sia che si tratti di jazz o di Elvis Presley o di musica classica.
    La sinfonietta di Janáček in 1Q84, oppure la musica Jazz in A sud del Confine ad Ovest del sole, oppure la musica classica in la Ragazza dello Sputnik oppure Liszt: Années de Pèlerinage citato in Tazaki Tsukuru.

    Forse in alcuni casi, la capacita' descrittiva, le citazioni in vari campi mettono in secondo piano la trama stessa ma mi piace leggere i suoi libri per le sensazioni che sa creare. Quando leggo un suo libro devo evitare di dare un puro giudizio alla storia in se' o alla trama in se (che alla fine diventa un puro pretesto) ma i suoi scritti hanno la capacita' di prendere il lettore, di portarlo in un mondo parallelo in cui il sogno e la realta' di mescolano, la fantasia e la realta' si fondono, la scrittura, l'arte, la musica, la filosofia, la psicologia e la natura diventano parti integranti dei suoi libri.

    E sono pure scritti (e tradotti) molto bene.
    Ultima modifica di apeschi; 08-18-2014 alle 12:07 AM.

  2. #17
    Scimmia ballerina
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3071
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    19 Posts

    Predefinito

    In arrivo nel 2015 in nuovo libro di Murakami.

    Un ragazzo, una biblioteca e un mare di libri. È l'ambientazione del nuovo romanzo di Haruki Murakami, "The Strange Library" (la strana biblioteca). Uscito in Giappone nel 2008, verrà pubblicato negli Stati Uniti e in Inghilterra a dicembre di quest'anno. Gli italiani dovranno aspettare un po': Einaudi lo pubblicherà l'anno prossimo. Secondo quanto scrive il New York Times, il romanzo è "surreale e sperimentale": la storia narra di un ragazzino che viene rapito sulla strada del ritorno da scuola e rinchiuso in una biblioteca. Un uomo lo prende in ostaggio e lo costringe a imparare a memoria un altissimo numero di libri. Dopo un po', il ragazzo si rende conto che il suo rapitore vuole assorbire le informazioni imparate mangiandogli il cervello. Con l'aiuto di una strana ragazza e un uomo-pecora, il protagonista escogita un piano per fuggire - See more at: La biblioteca di Murakami - Rai News

  3. #18

    Predefinito

    Io ho amato "Norvegian wood" e "Kafka sulla spiaggia". Autore delicato, civile, insomma giapponese, ma intriso di cultura europea, forse per sprovincializzarsi. Mantiene la sua identità nazionale ma si apre ad altre realtà. Davvero una scelta intelligente la sua.

  4. #19
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10400
    Thanks Thanks Given 
    477
    Thanks Thanks Received 
    487
    Thanked in
    343 Posts

    Predefinito

    Ho letto Norwegian wood, che mi è piaciuto molto e, di recente, Kafka sulla spiaggia, che mi ha conquistato. Apparentemente molto diversi: l'uno realistico, l'altro surreale e fantasioso, ma con alcuni temi in comune seppure possa non sembrare così. Soprattutto, in comune hanno lo stile dello scrittore, la sua sensibilità nel descrivere persone e situazioni verosimili o meno, e quel senso di dolcezza e ineluttabilità insieme, tipicamente orientale. Per me, bravissimo. Leggerò altro.

  5. #20
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2696
    Thanks Thanks Given 
    195
    Thanks Thanks Received 
    257
    Thanked in
    170 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ugly Betty Vedi messaggio
    In arrivo nel 2015 in nuovo libro di Murakami.

    Un ragazzo, una biblioteca e un mare di libri. È l'ambientazione del nuovo romanzo di Haruki Murakami, "The Strange Library" (la strana biblioteca). Uscito in Giappone nel 2008, verrà pubblicato negli Stati Uniti e in Inghilterra a dicembre di quest'anno. Gli italiani dovranno aspettare un po': Einaudi lo pubblicherà l'anno prossimo. Secondo quanto scrive il New York Times, il romanzo è "surreale e sperimentale": la storia narra di un ragazzino che viene rapito sulla strada del ritorno da scuola e rinchiuso in una biblioteca. Un uomo lo prende in ostaggio e lo costringe a imparare a memoria un altissimo numero di libri. Dopo un po', il ragazzo si rende conto che il suo rapitore vuole assorbire le informazioni imparate mangiandogli il cervello. Con l'aiuto di una strana ragazza e un uomo-pecora, il protagonista escogita un piano per fuggire - See more at: La biblioteca di Murakami - Rai News
    Riguardo a "La strana bibblioteca" avevo letto qualcosa nel saggio "I segreti di Murakami".. non è un romanzo vero e proprio ma un racconto illustrato (fiaba per bambini), lo stile è tipo quello di Hayao Miyazaki.

    Piccola curiosità riguardo l'uomo-pecora: Murakami ha scritto diverse fiabe illustrate per bambini dove appare come personaggio l'uomo-pecora il quale viene dipinto come personaggio debole per far presa sui bambini. Nei romanzi viene presentato come personaggio completamente diverso dotato di forte potere spirituale.

    "Nel nostro tempo, in cui le storie sono diventate sempre più complesse, può darsi che la gente stia cercando fondamentalmente racconti più semplici e infantili." Haruki Murakami

  6. #21

    Predefinito

    Che ne pensate di questo autore? Non lo conosco,ma ho letto pareri molto cpntrastanti, alcuni lo considerano un genio, altri lo trovano insopportabile

  7. #22
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2232
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kasparlo Vedi messaggio
    Che ne pensate di questo autore? Non lo conosco,ma ho letto pareri molto cpntrastanti, alcuni lo considerano un genio, altri lo trovano insopportabile
    direi che se leggi sopra noi siamo quelli che votano per il genio

  8. #23
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    nel mondo
    Messaggi
    1076
    Thanks Thanks Given 
    27
    Thanks Thanks Received 
    157
    Thanked in
    71 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kasparlo Vedi messaggio
    Che ne pensate di questo autore? Non lo conosco,ma ho letto pareri molto cpntrastanti, alcuni lo considerano un genio, altri lo trovano insopportabile
    Io non lo so giudicare. Chi sono io per poterlo giudicare? So forse scrivere meglio di lui?

    Penso che non sia un genio in quanto non mi pare abbia ancora scritto 'IL' capolavoro della sua vita.

    Io l'ho scoperto con 1Q84 (il primo romanzo, composto dai primi due libri) e mi ha completamente spiazzato.

    L'ho odiato, amato, volevo smettere di leggerlo, volevo vedere come sarebbe finito, ho dato giudizi negativi e poi positivi. Mi e' sembrato prolisso, molto ripetitivo, lungo, mi sono sentito preso in giro...

    Mi ha spinto pero' a leggere il secondo volume di 1Q84 (che in realta' e' il terzo libro). Mi scoraggio solo se mi stanco di leggere un certo romanzo, mentre non e' stato il caso di 1Q84 (anche se non e' il suo miglior romanzo).

    Ho cambiato atteggiamento ed ho iniziato ad accettarlo e ad apprezzarlo.


    Ho poi letto A sud del confine, a ovest del sole e mi e' piaciuto molto.

    Quest'estate ho letto di seguito: La ragazza dello Sputnik; L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio; Norwegian Wood (tra agosto e settembre, durante le ferie estive).

    Poi (per ora) mi sono fermato.

    E' un autore molto particolare, genialoide, (genio? forse, non so, forse si', forse no).

    A me piacciono molto le sue descrizioni (in alcuni casi sono un po' prolisse e ripetitive), mescola fantasia, visioni irreali, immagini oniriche, e realta'.
    Per apprezzarlo bisogna leggerlo. Se ci si ferma alla prima impressione si rischia di dare un giudizio superficiale ed incompleto.

    Come mi pare di aver gia' scritto in altri interventi, e' molto bravo a creare sensazioni, a descrivere le sensazioni provate in un certo posto, in un certo contesto, sa mescolare la musica (dalla classica, al jazz che mi pare sia una sua passione, ai Beatles) ai personaggi del romanzo, alle situazioni. Spesso i suoi romanzi sono legati a quel particolare disco di quell'autore. (Musica ascoltata in un certo contesto, in una certa situazione, suonata in una certa occasione). Sono romanzi che oserei chiamare multimediali. La musica e' fondamentale.

    Non mancano descrizioni anche sessuali a volte molto particolareggiate, ma sempre in un contesto descrittivo particolare, mai fini a se stesse o volgari, ci sono perche' ci devono essere, come la brezza marina, il calore del sole, il rumore del mare, le sensazioni musicali, i sensi di colpa dei personaggi, e tutti i vari aspetti umani descritti nei suoi romanzi.

    Ha una visione (secondo me, ma potrei sbagliarmi non essendo un esperto) tipicamente giapponese (come modo di affrontare i problemi, il sesso, l'amore, le relazioni, l'amicizia, le bevute alcooliche a volte esagerate, l'onore, i sensi di colpa ed altri aspetti).

    E' un genio? Forse.

    Puo' non piacere? E' possibile.

    A me piace molto, ma dopo un po' vado in overdose e devo leggere altro per un po' (overdose dopo tre suoi romanzi consecutivi in pochi giorni).

    Lo consiglierei? Sicuramente (ma con l'accortezza di non dare giudizi sommari al primo romanzo letto ma prima di leggere anche altri suoi romanzi).

  9. #24
    Gabriel
    Guest

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    Io non lo so giudicare. Chi sono io per poterlo giudicare? So forse scrivere meglio di lui?

    Penso che non sia un genio in quanto non mi pare abbia ancora scritto 'IL' capolavoro della sua vita.

    Io l'ho scoperto con 1Q84 (il primo romanzo, composto dai primi due libri) e mi ha completamente spiazzato.

    L'ho odiato, amato, volevo smettere di leggerlo, volevo vedere come sarebbe finito, ho dato giudizi negativi e poi positivi. Mi e' sembrato prolisso, molto ripetitivo, lungo, mi sono sentito preso in giro...

    Mi ha spinto pero' a leggere il secondo volume di 1Q84 (che in realta' e' il terzo libro). Mi scoraggio solo se mi stanco di leggere un certo romanzo, mentre non e' stato il caso di 1Q84 (anche se non e' il suo miglior romanzo).

    Ho cambiato atteggiamento ed ho iniziato ad accettarlo e ad apprezzarlo.


    Ho poi letto A sud del confine, a ovest del sole e mi e' piaciuto molto.

    Quest'estate ho letto di seguito: La ragazza dello Sputnik; L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio; Norwegian Wood (tra agosto e settembre, durante le ferie estive).

    Poi (per ora) mi sono fermato.

    E' un autore molto particolare, genialoide, (genio? forse, non so, forse si', forse no).

    A me piacciono molto le sue descrizioni (in alcuni casi sono un po' prolisse e ripetitive), mescola fantasia, visioni irreali, immagini oniriche, e realta'.
    Per apprezzarlo bisogna leggerlo. Se ci si ferma alla prima impressione si rischia di dare un giudizio superficiale ed incompleto.

    Come mi pare di aver gia' scritto in altri interventi, e' molto bravo a creare sensazioni, a descrivere le sensazioni provate in un certo posto, in un certo contesto, sa mescolare la musica (dalla classica, al jazz che mi pare sia una sua passione, ai Beatles) ai personaggi del romanzo, alle situazioni. Spesso i suoi romanzi sono legati a quel particolare disco di quell'autore. (Musica ascoltata in un certo contesto, in una certa situazione, suonata in una certa occasione). Sono romanzi che oserei chiamare multimediali. La musica e' fondamentale.

    Non mancano descrizioni anche sessuali a volte molto particolareggiate, ma sempre in un contesto descrittivo particolare, mai fini a se stesse o volgari, ci sono perche' ci devono essere, come la brezza marina, il calore del sole, il rumore del mare, le sensazioni musicali, i sensi di colpa dei personaggi, e tutti i vari aspetti umani descritti nei suoi romanzi.

    Ha una visione (secondo me, ma potrei sbagliarmi non essendo un esperto) tipicamente giapponese (come modo di affrontare i problemi, il sesso, l'amore, le relazioni, l'amicizia, le bevute alcooliche a volte esagerate, l'onore, i sensi di colpa ed altri aspetti).

    E' un genio? Forse.

    Puo' non piacere? E' possibile.

    A me piace molto, ma dopo un po' vado in overdose e devo leggere altro per un po' (overdose dopo tre suoi romanzi consecutivi in pochi giorni).

    Lo consiglierei? Sicuramente (ma con l'accortezza di non dare giudizi sommari al primo romanzo letto ma prima di leggere anche altri suoi romanzi).
    Sono al primo romanzo di Murakami (Kafka sulla spiaggia) e alle sole prime 100 pagine. Evidentemente troppo poco per esprimermi in modo definitivo.

    Leggendo il tuo bellissimo post, mi è venuto spontaneo farti sapere che mi trovo nelle tue stesse condizioni.

    Lo amo? Lo odio? Genialoide? Ha qualcosa da dire?

    Sicuramente è capace di scrivere e intrigare.

    Mi piacerebbe commentare con te tra qualche tempo, quando avrò qualche nozione in più.

  10. #25

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio

    L'ho odiato, amato, volevo smettere di leggerlo, volevo vedere come sarebbe finito, ho dato giudizi negativi e poi positivi.
    Normale
    Citazione Originariamente scritto da apeschi Vedi messaggio
    A me piacciono molto le sue descrizioni (in alcuni casi sono un po' prolisse e ripetitive), mescola fantasia, visioni irreali, immagini oniriche, e realta'.
    .
    Se è questo ci vado a nozze

  11. #26

    Predefinito norwegian wood

    appena iniziato Norwegian Wood...ho fatto bene ?

  12. #27
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3019
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    591
    Thanks Thanks Received 
    726
    Thanked in
    371 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da catoate Vedi messaggio
    appena iniziato Norwegian Wood...ho fatto bene ?

    io di Murakami ho letto solo "Kafka sulla spiaggia" e l'ho trovato assolutamente delizioso...uno degli autori più interessanti che abbia letto negli ultimi tempi


    mi si dice da più parti che N.Wood sia addirittura meglio...

  13. #28
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2696
    Thanks Thanks Given 
    195
    Thanks Thanks Received 
    257
    Thanked in
    170 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da catoate Vedi messaggio
    appena iniziato Norwegian Wood...ho fatto bene ?
    Se cercavi un romanzo realistico e straziante hai scelto bene!

  14. #29

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bonadext Vedi messaggio
    Se cercavi un romanzo realistico e straziante hai scelto bene!
    allora ho scelto BENISSIMO

  15. #30
    Member
    Data registrazione
    Jun 2013
    Messaggi
    64
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    E' un buon autore per cimentarsi nella letteratura contemporanea dopo aver letto i classici?

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Murakami, Haruki - 1Q84
    Da Mary70 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 11-07-2017, 11:53 PM
  2. Murakami, Haruki - La ragazza dello Sputnik
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 03-01-2017, 05:17 PM
  3. Murakami, Haruki - After Dark
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 07-31-2016, 11:31 PM
  4. Consiglio su Haruki Murakami
    Da Knight nel forum Sto cercando un libro che parli di...
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 06-19-2014, 12:55 PM
  5. XVIII G.L. - Norwegian Wood - Murakami Haruki
    Da Brethil nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 42
    Ultimo messaggio: 06-16-2009, 09:58 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •