Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il ventre di Parigi

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 18

Discussione: Zola, Emile - Il ventre di Parigi

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito Zola, Emile - Il ventre di Parigi

    Un libro che ho amato e che continuo ad amare molto, anche nelle riletture-non sempre è così, a volte i riavvicinamenti letterari deludono-

    Siamo nelle formicolanti Halles, i mercati generali di Parigi nella seconda metà dell'ottocento. La meticolosità della descrizione sembra far uscire dalle pagine del romanzo un groviglio di colori odori...fetori; così la protagonista, la bella e morbida Lisa, fa pizzicare le narici, -del lettore- quando con le dita golose, e durante un percorso minuzioso, porta alle labbra un bel pezzo di sanguinaccio bollente...una lettura che sazia e disgusta, bellissima.

    Molto belli dello stesso autore anche
    L'ammazzatoio,La bestia umana, Nanà...
    Ultima modifica di elisa; 08-31-2010 alle 03:08 PM. Motivo: edit caratteri

  2. #2
    scrittore
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    1348
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    zola non l'ho mai letto. una lacuna che vorrei colmare.

  3. #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18798
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    632
    Thanked in
    377 Posts

    Predefinito

    Di Zola ho letto solo Teresa Raquin e mi era piaciuto

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    anche io lo conosco poco..ho un libro che parla dei grandi magazzini di parigi ma nn ricordo il titolo...

  5. #5

    Predefinito Re: Zola, Emile - Il ventre di Parigi

    Citazione Originariamente scritto da darida
    Un libro che ho amato e che continuo ad amare molto, anche nelle riletture-non sempre è così, a volte i riavvicinamenti letterari deludono-

    Siamo nelle formicolanti Halles, i mercati generali di Parigi nella seconda metà dell'ottocento. La meticolosità della descrizione sembra far uscire dalle pagine del romanzo un groviglio di colori odori...fetori; così la protagonista, la bella e morbida Lisa, fa pizzicare le narici, -del lettore- quando con le dita golose, e durante un percorso minuzioso, porta alle labbra un bel pezzo di sanguinaccio bollente...una lettura che sazia e disgusta, bellissima.

    Molto belli dello stesso autore anche
    L'ammazzatoio,La bestia umana, Nanà...
    A me è rimasto impresso per lo stesso tuo motivo, la descrizione dei mercati generali di Parigi credo non si possa dimenticare faoilmente.
    Tutte le opere di Zola per un motivo o un altro non si dimenticano, c'è un crudo realismo che s'imprime indelebilmente.
    E' uno dei miei 3 autori prediletti, è un piacere immenso direi quasi fisico, per me leggere le sue pagine e lo consiglio a tutti quelli che non lo conoscono. Ne vale davvero la pena.
    Ultima modifica di elisa; 08-31-2010 alle 03:09 PM. Motivo: edit caratteri

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito Re: Zola, Emile - Il ventre di Parigi

    Citazione Originariamente scritto da angel_eyes
    Citazione Originariamente scritto da darida
    Un libro che ho amato e che continuo ad amare molto, anche nelle riletture-non sempre è così, a volte i riavvicinamenti letterari deludono-

    Siamo nelle formicolanti Halles, i mercati generali di Parigi nella seconda metà dell'ottocento. La meticolosità della descrizione sembra far uscire dalle pagine del romanzo un groviglio di colori odori...fetori; così la protagonista, la bella e morbida Lisa, fa pizzicare le narici, -del lettore- quando con le dita golose, e durante un percorso minuzioso, porta alle labbra un bel pezzo di sanguinaccio bollente...una lettura che sazia e disgusta, bellissima.

    Molto belli dello stesso autore anche
    L'ammazzatoio,La bestia umana, Nanà...
    A me è rimasto impresso per lo stesso tuo motivo, la descrizione dei mercati generali di Parigi credo non si possa dimenticare faoilmente.
    Tutte le opere di Zola per un motivo o un altro non si dimenticano, c'è un crudo realismo che s'imprime indelebilmente.
    E' uno dei miei 3 autori prediletti, è un piacere immenso direi quasi fisico, per me leggere le sue pagine e lo consiglio a tutti quelli che non lo conoscono. Ne vale davvero la pena.
    Si, molto azzecata questa tua affermazione di "piacere fisico", la condivido. Anche per me è uno dei tre preferiti -ce ne sono molti altri naturalmente, ma il numero tre è ricorrente nelle mie passioni, ma sto divagando...- Gli altri sono Victor Hugo, perchè mi strazia con la sua prosa struggente, Piero Chiara perchè è aria di casa, per chè gli spaccati di provincia sono tra le mie storie preferite.
    Mi piacerebbe sapere quali sono gli altri tuoi due prediletti...
    Ultima modifica di elisa; 08-31-2010 alle 03:09 PM. Motivo: edit caratteri

  7. #7

    Predefinito Re: Zola, Emile - Il ventre di Parigi

    Citazione Originariamente scritto da darida

    Si, molto azzecata questa tua affermazione di "piacere fisico", la condivido. Anche per me è uno dei tre preferiti -ce ne sono molti altri naturalmente, ma il numero tre è ricorrente nelle mie passioni, ma sto divagando...- Gli altri sono Victor Hugo, perchè mi strazia con la sua prosa struggente, Piero Chiara perchè è aria di casa, per chè gli spaccati di provincia sono tra le mie storie preferite.
    Mi piacerebbe sapere quali sono gli altri tuoi due prediletti...
    Ho come l'impressione che entrambe abbiamo una passione per i francesi!
    Un altro dei miei autori prediletti è Honorè De Balzac per le sue storie piene d'intrighi, d'imbrogli e di varia umanità buona e cattiva. Ci sono alcuni personaggi che nella loro cattiveria mi hanno conquistata per il fascino dovuto alla grande intelligenza nello sviluppare le trame per il perseguimento dei propri interessi.
    Un' altro autore che amo particolarmente è Charles Dickens, anche lui un realista, brwvissimo nel descrovere le miserie del proletariato inglese e autore di libri memorabili.
    Ce ne sarebbero tanti altri...ma rischiamo di andare off topic.
    Ultima modifica di elisa; 08-31-2010 alle 03:10 PM. Motivo: edit caratteri

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito Re: Zola, Emile - Il ventre di Parigi

    Citazione Originariamente scritto da angel_eyes
    Citazione Originariamente scritto da darida

    Si, molto azzecata questa tua affermazione di "piacere fisico", la condivido. Anche per me è uno dei tre preferiti -ce ne sono molti altri naturalmente, ma il numero tre è ricorrente nelle mie passioni, ma sto divagando...- Gli altri sono Victor Hugo, perchè mi strazia con la sua prosa struggente, Piero Chiara perchè è aria di casa, per chè gli spaccati di provincia sono tra le mie storie preferite.
    Mi piacerebbe sapere quali sono gli altri tuoi due prediletti...
    Ho come l'impressione che entrambe abbiamo una passione per i francesi!
    Un altro dei miei autori prediletti è Honorè De Balzac per le sue storie piene d'intrighi, d'imbrogli e di varia umanità buona e cattiva. Ci sono alcuni personaggi che nella loro cattiveria mi hanno conquistata per il fascino dovuto alla grande intelligenza nello sviluppare le trame per il perseguimento dei propri interessi.
    Un' altro autore che amo particolarmente è Charles Dickens, anche lui un realista, brwvissimo nel descrovere le miserie del proletariato inglese e autore di libri memorabili.
    Ce ne sarebbero tanti altri...ma rischiamo di andare off topic.
    Direi di si!, Balzac lo metto sicuramente al quarto posto, magari a pari merito con un altro paio

    sorry fine o.t. ma questa risposta era dovuta come trascurare le affinità lletterarie proprio qui?...
    Ultima modifica di elisa; 08-31-2010 alle 03:10 PM. Motivo: edit caratteri

  9. #9
    Remember
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    roma
    Messaggi
    691
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Concordo con chi mi ha preceduto; l'interprete principale di questo romanzo notevole sono i mercati generali di Les Halles; descritti in modo mirabile da Zola, sembra quasi di vedere, come in una pittura, i colori delle merci esposte nei negozi, sulle bancarelle, di sentire gli odori, talora nauseabondi degli alimenti, del pesce, quelli penetranti dei formaggi.
    In questa cornice si inseriscono i vari personaggi; per la maggior parte si tratta della classe medio-borghese, commercianti benestanti, rispetto agli operai, ai piccoli impiegati; sono persone che si sono costruiti una posizione, per quanto piccola essa possa essere, e cercano di tenersi stretti il loro status quo, contro tutto ciò che possa cambiare la società. Non hanno ideali, interessi al di fuori del loro commercio. In questo ambiente reazionario si inserisce una voce fuori dal coro, Florent, magro(e per questo sicuramente poco raccomandabile), in un ambiente di grassi, per nulla interessato al denaro, con la voglia di cambiare la società.
    Tra tutti i personaggi incontrati nella lettura, i 2 che mi hanno particolarmente colpito sono Cadine e Marjolin; figli di Les Halles, la loro è una storia di amore puro, pulito, senza blocchi morali ed etici, come può esserlo quello tra due anime sempici prive di ogni colpevole malizia; si amano ovunque, tra le piume degli uccelli spennati, tra le ceste vuote.
    Bellissima la frase con cui si conclude il libro:
    "Che canaglia, la gente onesta!"

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6016
    Thanks Thanks Given 
    150
    Thanks Thanks Received 
    230
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da lillo Vedi messaggio
    Concordo con chi mi ha preceduto; l'interprete principale di questo romanzo notevole sono i mercati generali di Les Halles; descritti in modo mirabile da Zola, sembra quasi di vedere, come in una pittura, i colori delle merci esposte nei negozi, sulle bancarelle, di sentire gli odori, talora nauseabondi degli alimenti, del pesce, quelli penetranti dei formaggi.
    In questa cornice si inseriscono i vari personaggi; per la maggior parte si tratta della classe medio-borghese, commercianti benestanti, rispetto agli operai, ai piccoli impiegati; sono persone che si sono costruiti una posizione, per quanto piccola essa possa essere, e cercano di tenersi stretti il loro status quo, contro tutto ciò che possa cambiare la società. Non hanno ideali, interessi al di fuori del loro commercio. In questo ambiente reazionario si inserisce una voce fuori dal coro, Florent, magro(e per questo sicuramente poco raccomandabile), in un ambiente di grassi, per nulla interessato al denaro, con la voglia di cambiare la società.
    Tra tutti i personaggi incontrati nella lettura, i 2 che mi hanno particolarmente colpito sono Cadine e Marjolin; figli di Les Halles, la loro è una storia di amore puro, pulito, senza blocchi morali ed etici, come può esserlo quello tra due anime sempici prive di ogni colpevole malizia; si amano ovunque, tra le piume degli uccelli spennati, tra le ceste vuote.
    Bellissima la frase con cui si conclude il libro:
    "Che canaglia, la gente onesta!"
    santocielo, ogni volta che qualcuno ne parla, vado a ripescare questo romanzo dalle pagine consunte, questa sera mi rifaccio un giro di qualche pagina ai mercati generali de Les Halles

  11. #11
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Ho iniziato a leggerlo ieri.......prime pagine......posso solo dire......incredibilmente grande Zola !!!!!!!!!!!!!

  12. #12
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    santocielo, ogni volta che qualcuno ne parla, vado a ripescare questo romanzo dalle pagine consunte, questa sera mi rifaccio un giro di qualche pagina ai mercati generali de Les Halles
    Ora che ho terminato la lettura, comprendo il tuo desiderio di rifare un giro per i mercati di Le Halles ogni volta che qualcuno parla di questo libro: è semplicemente stupendo !!!
    Diversi sono gli aspetti che mi hanno entusiasmato.
    Prima di tutto la capacità descrittiva di questi variopinti mercati: alcune immagini sono così vive e delicate che anche il mercato del pesce sembra un luogo degno di poesia. Bellissimo come Zola introduce l'esposizione del pesce "Alla rinfusa le alghe degli abissi, là dove dorme la vita misteriosa degli oceani, avevano ceduto il loro tesoro alla rete.......".
    O anche la parte in cui viene presentata la piccola Cadine, che compone i mazzetti di fiori in base all'umore del giorno, accostando colori violenti, nei giorni trubolenti, o usando tinte tenui e delicate nei giorni sereni.
    Ma anche il senso di solitudine ed emarginazione nei confronti di chi viene percepito come "diverso" rispetto all'ambiente che lo circonda.
    Bello, bello, bello

    Voto 5/5

  13. #13
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18798
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    632
    Thanked in
    377 Posts

    Predefinito

    Ho ancora il ricordo della recente bellissima esperienza con Nanà, per cui il prossimo Zola sarà sicuramente questo

  14. #14

    Predefinito

    Mi ricollego a questa vecchia discussione perchè ho appena finito di leggere "Il ventre di Parigi".

    Un bellissimo libro. Con un linguaggio semplice ma ricco, Zola ha saputo rendere davvero l'idea di quelle che erano les Halles di un tempo. E soprattutto l'umanità non è mai cambiata: gli stessi sotterfugi, le stesse bugie, calunnie e maldicenze di adesso.

    Leggerò tutto il ciclo completo dei Rougon-Maquart e poi vi saprò dire

  15. #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    674
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Recensioni stuzzicanti, sono curiosa.

Discussioni simili

  1. Zola, Emile - Thérèse Raquin
    Da Marzia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 05-15-2014, 09:10 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •