"Ieri ascoltammo il re scoreggione,
era dolce come torrone,
e benché non fosse granché in voce,
rumoreggiava in modo atroce."

http://www.focus.it/Allegati/2011/3/...zart_41654.pdf

Tutti i migliori sono matti, diceva il cappellaio di Alice nel Paese delle Meraviglie.
Ecco, dietro al genio indiscusso di Mozart, vi è un lato infantile, schiocchino, sporcaccione, divertente.
Queste lettere, inviate alla cugina, sono la testimonianza più chiara e lampante della personalità fuori dalle righe di uno dei più grandi musicisti di sempre.