Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Le onde

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 20

Discussione: Woolf, Virginia - Le onde

  1. #1
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito Woolf, Virginia - Le onde

    Parto con una premessa: sono sempre più convinta che Virginia Woolf sia come uno di quei luoghi (sempre più rari, al giorno d’oggi) non ancora stuprati dal turismo, quei luoghi a cui è difficile accedere (vuoi perché non sono così pubblicizzati, vuoi perché per raggiungerli occorre uno sforzo reale, fisico) e che per questo conservano ancora intatti la loro bellezza originaria, il loro incanto. Nel commentare questo romanzo, non ho lo scopo di convincere quanta più gente possibile a leggerlo o a riscoprire l’eccezionale valore di questa scrittrice... innanzitutto perché Virginia Woolf non è per tutti (e, credetemi, non lo dico con arroganza: è questione di empatia, non di “bravura”) e poi perché, se lo diventasse, perderebbe gran parte della sua bellezza e del suo fascino.

    Non a caso paragono Virginia Woolf a un luogo... tale è per me. Non tanto una scrittrice, quanto un “ambiente” da esplorare, da vivere: vento che accarezza il viso, luce che avvolge, suoni, colori, il contatto con la terra... Virginia Woolf non va capita, va percepita. In modo istintuale, quasi “animalesco” (ho trovato questa espressione in un’altra recensione e l’ho trovata calzante).
    E questo romanzo, il più sperimentale dell’autrice in quanto a lingua e struttura, è in assoluto l’apice di questo tipo di approccio, così impegnativo, così difficile... e per questo così appagante! Non esiste trama in questo libro: sei amici si alternano in un monologo tutto interiore. Alcuni passaggi sono pura lirica, non tutti sono facilmente comprensibili, ma non ha importanza. “Leggere significa anche questo: essere sommersi dall’onda di una lingua che ci travolge. Non dobbiamo sempre capire. V’è una conoscenza che si forma nell’incomprensione, nell’urto con le difficoltà”, scrive Nadia Fusini nella sua bellissima prefazione.

    Il vero soggetto di questo libro sono il tempo e la voce. Il tempo non è kronos, il tempo che scorre indifferenziato, ma rythmos: in questo caso il moto ripetitivo, incessante e oscillatorio delle onde. Questo continuo andare e venire, dilatarsi e contrarsi, è il filo conduttore che attraversa a vari livelli tutta l’opera.
    Vi è poi la voce, anzi, le voci. Ognuna definisce un carattere diverso, che impariamo a conoscere e riconoscere pagina dopo pagina: Rhoda, la “ninfa delle sorgenti”, che non ha una forma propria ma è come “la schiuma che precipita a riva”; Susan, la madreterra, che vive di amore e odio e di “felicità naturale”; Jenny, la cui “bellezza è fatta di carne, materia”; Louis, “scolpito nella roccia, statuario”, la cui vocazione è di “riportare tutti all’ordine”; Neville, “tagliente come le forbici, preciso”, che respinge “l’orrore dell’informe” e Bernard, colui che inventa storie: “la mia sola misura è la frase”. Vi è infine un settimo personaggio, Percival, il quale non è dotato di voce propria ma che vive attraverso la coscienza dei suoi amici: a lui è legato il tema fondamentale della vita e della morte.

    A questo coro di voci è affidato il compito di esprimere, e contraddire, il concetto di individualità, e persino di identità, la quale non è data in modo unico e finito – una sostanza solida, della forma di un globo, che si possa rigirare tra le dita e offrire agli altri come si offre un frutto – bensì è materia plasmata dal contatto continuo con altri individui, in special modo coloro con cui si condivide parte della propria vita (così i sei amici, l’uno per l’altro).
    Benchè tutti, in modo diverso, incarnino questa consapevolezza, una voce si eleva sulle altre e si fa veicolo principale del cuore di questo libro: si tratta di Bernard. In lui mi sembra di leggere Virginia stessa; lui, che (come Virginia) conosce il potere creativo e generativo della parola (“una bella frase mi sembra abbia una sua esistenza autonoma”), lui, più degli altri, è colui che non può fare a meno di entrare in contatto col mondo e con le altre coscienze. Lui, che vive di storie, sa che non potrebbe esistere se non in continua osmosi con la vita, fatta di cose reali, concrete – “la mente mi si riempie di qualsiasi cosa sia contenuta in una stanza, in uno scompartimento di treno, al modo in cui una penna si intinge di inchiostro”, “mi piace l’aspetto copioso, informe, caldo, non troppo intelligente, ma estremamente facile, e piuttosto grossolano, della realtà” – e con le altre persone – “per essere me stesso (noto) ho bisogno della luce che viene dagli occhi altrui, e perciò non sono affatto sicuro di chi sono veramente”, “non sono una persona sola, sono molte persone. Nè saprei distinguere la mia vita dalla loro.

    Per questa ragione, alla voce di Bernard, che più degli altri necessita del contatto col mondo per definire la propria identità, è attribuita la percezione del tempo quale lo abbiamo descritto prima: un continuo andare e venire, perdersi, annullarsi fino a raggiungere uno stato di contemplazione simile all’estasi (nella quale si perde coscienza di sè per sentirsi parte del tutto) per poi rientrare in se stessi, richiamati alla vita (e alla propria individualità) dalla percezione di un suono, di un’immagine, di un evento che ha il potere di richiamarci al mondo reale. Può essere il rumore della natura o il frastuono del traffico... non ha importanza: è la vita che riprende il sopravvento. Vorremmo poter isolare quel momento, fermare il tempo – “se quella nuvola celeste restasse così per sempre; se quest’attimo durasse per sempre” – ma non è possibile: “ecco come torno in me stesso. Perché non sono un mistico, c’è sempre qualcosa che mi afferra – la curiosità, l’invidia, l’ammirazione, l’interesse per i parrucchieri, sì, cose del genere mi riportano in superficie.

    E’ la seduzione della vita, della “felicità naturale”, a cui Virginia, nonostante la sua natura così fragile, non ha mai saputo resistere (in questo mi ricorda tantissimo Robert Walser). Ed è per questo che la amo così tanto, è per questo che quando la leggo non posso fare a meno di entrare in perfetta sintonia con lei e di farmi trasportare in quel luogo, dipinto da lei, che è lei, in cui tutto è poesia.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2014
    Località
    Tra il fuoco e il mare
    Messaggi
    129
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Se il libro è coinvolgente quanto la tua recensione, allora è assolutamente imperdibile.
    Complimenti, in ogni riga si capisce quanto ti sia piaciuto questo romanzo.
    Grazie per avermi sicuramente innescato la curiosità di leggerlo.

  3. #3
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Concordo, infatti mi hai messo tanta curiosità; insieme al titolo che, dato il soggetto, non può che attrarmi.
    Inizio a leggerlo oggi stesso.

  4. #4

    Predefinito

    Ayu, non sarà stato il tuo scopo convincere qualcuno a leggerlo, ma sappi che è difficile resistere ad un commento simile
    Questo libro è schizzato direttamente in cima alla wishlist

  5. #5
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Wow... ragazze, che dire? mi fa tanto piacere... però sappiate che è davvero un libro difficile... non c'è trama, sono pensieri che si susseguono l'uno dopo l'altro. Però vale la pena... Virginia Woolf chiede tanto e in cambio, secondo me, dà tutto. Resta il fatto che questo è il suo libro più sperimentale, e come primo approccio all'autrice io forse consiglierei Gita al faro o ancora meglio La signora Dalloway. Anche Orlando (pure questo molto molto particolare) mi ha folgorata... spero che il mio entusiasmo per questa scrittrice sarà condiviso!

  6. #6
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Ho letto la prima ventina di pagine e c'è una cosa che mi ha stupito e una che mi ha lasciato perplessa.
    La prima è che è la prima volta che leggo la Woolf ma non me l'aspettavo proprio una scrittura di questo tipo, mi aspettavo qualcosa di più tipo la Austen o Dickens, e invece il suo stile mi ricorda un po' la Tempesta di Sheakespeare e un po' la Sylvie di de Nerval, onirico e bucolico.
    La seconda, sul quale forse ayuthaya mi puoi illuminare, è che tutto questo mondo di sogno mi si è sgretolato tra le mani quando ho letto la frase (detta da Susan) 'io sono una bambina'.
    Non so spiegare esattamente perché, ma penso che queste creature, le voci narranti, si percepisce che sono, come dire, degli 'infanti', ma non avrei usato la parola 'bambini' perché li denota troppo smaccatamente come 'esseri umani', strappando l'alone di sogno, allegorico, che permea la storia e facendo perdere al tutto un po' di credibilità.
    Almeno a me ha fatto proprio questo effetto, cioè, quando ho letto 'io sono una bambina' è come se mi fossi svegliata da un sogno e mi sono sentita delusa.
    Ho controllato anche nella versione in inglese, dice proprio 'I am a child', quindi non è un errore di traduzione.
    Comunque, a parte la mia pignoleria che a volte raggiunge vette di assurdità che mi spaventano (e bambini a parte ) il libro mi sta piacendo molto.
    E grazie ayuthaya per avermi fatto scoprire questa meravigliosa scrittrice.

  7. #7
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Allora... vediamo se riesco a risponderti. Premesso che devi essere dotata di una grande sensibilità per aver provato quello che dici solo per aver letto "sono una bambina" (), credo di aver capito ciò che intendi e, se è così, sei già entrata nel "vivo" della questione.
    Il fatto è che se da una parte lo stile della Woolf (soprattutto in questo romanzo) è lirico, onirico, dall'altra in tutte le sue opere persiste un fortissimo radicamento nella "materia"... è esattamente questo che me la rende così irresistibile! verso la fine del mio commento ho cercato di esprimere proprio questo (ma non è facile), e cioè che c'è un continuo andare e venire, perdersi nello "spirito" e tornare alla "terra" e questo, secondo me, per la semplice ragione che Virginia Woolf era profondamente innamorata della vita (come forse lo può essere solo una persona tormentata, disadattata, irriducibile e irrisolta... - non per niente facevo riferimento a Walser -), e non del "concetto" di vivere, ma proprio della vita, del suo aspetto naturale, sensoriale.
    Oltretutto (te ne accorgerai andando avanti) Susan è proprio il personaggio che incarna questo attaccamento alla materialità della terra, lei stessa si definisce "grezza" (ad esempio nel paragonarsi a Jenny), elementare... Comunque è proprio così: il libro non è un trascendere la realtà... vero che ho parlato di "monologo tutto interiore" ma è anche vero che questo monologo prende spunto da fatti concreti, e anzi spesso è la trasposizione in parole di vere e proprie sensazioni... Spero di averti un po' aiutato, buona prosecuzione!

    PS e io che mentre scrivevo il commento pensavo "questo qui è certo che non lo legge nessuno..."

  8. #8
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    ...trasposizione in parole di vere e proprie sensazioni...
    Se ho capito bene quello che vuoi dire, questa frase dovrebbe esserne il nocciolo, e in questo caso, mi è tutto chiaro.
    Non so se si tratta proprio di 'sensibilità', è che leggere la frase 'sono una bambina', mi ha portato automaticamente a pensare 'non è possibile che dei bambini parlino in questo modo!'

    In una dimensione onirica, allegorica, di favola, può essere credibile che dei bambini parlino in quel modo, ma quella frase stona con questa dimensione e ti riporta in quella reale, dove di bambini che parlano in quel modo non ce ne sono e non ce possono essere. Però, se penso che quello che i bambini dicono nel libro, non sono in realtà le loro parole, ma le loro sensazioni, allora tutto torna. I bambini sono capaci di pensieri e sensazioni più complesse e sfaccettate degli adulti, ma chi li osserva spesso non riesce a rendersene conto, perché loro non hanno proprietà di linguaggio sufficienti per spiegarle. Dopo tutto, neppure la maggior parte delle persone adulte le ha, queste sono proprio dote e prerogativa dei grandi scrittori.

  9. #9
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    PS forse la questione è ancora più semplice... il tuo dubbio è proprio "anagrafico"? in questo senso penso che Susan si riferisse non alla sua età, ma al suo sentire... come ti dicevo, lei è la più "semplice" per certi versi... non ha detto già più volte che vive di amore e odio, proprio come fanno i bambini?
    in ogni caso credo che nella prima parte del libro (poichè lo snodo temporale è piuttosto ampio) i sei ragazzi debbano avere fra i 16- 17 anni... (frequentano un collegio)

  10. #10
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    PS forse la questione è ancora più semplice... il tuo dubbio è proprio "anagrafico"? in questo senso penso che Susan si riferisse non alla sua età, ma al suo sentire... come ti dicevo, lei è la più "semplice" per certi versi... non ha detto già più volte che vive di amore e odio, proprio come fanno i bambini?
    in ogni caso credo che nella prima parte del libro (poichè lo snodo temporale è piuttosto ampio) i sei ragazzi debbano avere fra i 16- 17 anni... (frequentano un collegio)
    Ah, mah, allora forse è il caso che lo rilegga da capo, oppure è solo che devo andare più avanti. Fin dall'inizio, prima che leggessi quella frase, non so bene perché, ho immaginato che fossero piccoli, tipo 'piccoli folletti e fatine del bosco', non gli avrei mai dato 16 anni.
    Del resto, questo genere di creature fantastiche non hanno una vera e propria età, o sono giovani o sono vecchi.

  11. #11
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio
    Ah, mah, allora forse è il caso che lo rilegga da capo, oppure è solo che devo andare più avanti. Fin dall'inizio, prima che leggessi quella frase, non so bene perché, ho immaginato che fossero piccoli, tipo 'piccoli folletti e fatine del bosco'...
    Domanda: ma se all'inizio ti sei meravigliata che Susan avesse dichiarato di essere una "bambina", perchè ora ti meravigli che siano ragazzi (che poi questo è quello che ho dedotto io...)?
    Comunque al posto tuo non sarei così "rigida"... lasciati andare, credo che l'età anagrafica dei personaggi alla fine non sia così importante! secondo me dovresti fare due tipi di operazione "mantale": una è quella di considerarli comunque persone*, perchè come ti dicevo la componente "materica" è trasfigurata ma imprescindibile; l'altra è di entrare nell'ottica che, trattandosi di un libro sul tempo che scorre e sulle voci, i "fatti" e la successione temporale così come la intendiamo noi sono assolutamente secondari... Non a caso io all'inizio non mi sono racapezzata molto su alcune sequenze: prima sembra che stiano per lasciare il collegio, poi c'è la cerimonia di apertura, e poi di nuovo quella conclusiva... che sia proprio il movimento delle onde, avanti e indietro anche nel tempo? il fascino del dubbio in un romanzo in cui non tutto può essere spiegato (secondo me)...

    * PS dopo averlo scritto ci ho pensato... è anche vero una cosa, e cioè che, sebbene ogni personaggio sia diverso dall'altro e abbastanza ben caratterizzato (a parte Neville, con cui ho fatto una faticaccia bestiale!!!! ), è anche vero che come è scritto nella prefazione (prima o poi leggila, è bellissima) alla Woolf in quest'opera non interessavano le personalità in quanto tali... Per cui sì, in un certo senso si può dire che non sono "persone" a tutti gli effetti, ma quasi entità in continuo movimento e divenire, i cui contorni (l'uno rispetto all'altro) a volte non sono così definiti. (Più ne parlo e più mi rendo conto che è davvero un libro complesso, sarò felicissima di parlarne ancora con te quando lo avrai finito!)
    Ultima modifica di ayuthaya; 03-26-2014 alle 01:57 PM.

  12. #12
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Chiarisco un attimo il discorso 'anagrafico': per me non è importante definire un'età dei protagonisti.
    Il mio disappunto era dovuto solo all'uso di un termine che li collocava precisamente nel modo umano, mentre avrei preferito che il fatto che fossero o meno umani fosse lasciato nel dubbio, oppure svelato in seguito. Ma questo è solo un mio gusto personale, dettato dalle prime impressioni. Può darsi che rileggendolo o comunque leggendolo tutto, la mia prospettiva cambi.
    Per ora ho pensato di sospenderlo per finire 2666 (che è mentalmente abbastanza impegnativo) entro questa settimana, perché il primo aprile inizia la sfida letteraria.
    Ma appena finisco Bolano lo riprendo e lo rileggo dall'inizio.

  13. #13
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio
    Chiarisco un attimo il discorso 'anagrafico': per me non è importante definire un'età dei protagonisti.
    Il mio disappunto era dovuto solo all'uso di un termine che li collocava precisamente nel modo umano, mentre avrei preferito che il fatto che fossero o meno umani fosse lasciato nel dubbio, oppure svelato in seguito. Ma questo è solo un mio gusto personale, dettato dalle prime impressioni. Può darsi che rileggendolo o comunque leggendolo tutto, la mia prospettiva cambi.
    Per ora ho pensato di sospenderlo per finire 2666 (che è mentalmente abbastanza impegnativo) entro questa settimana, perché il primo aprile inizia la sfida letteraria.
    Ma appena finisco Bolano lo riprendo e lo rileggo dall'inizio.
    ok, allora avevo capito bene all'inizio e (per quella che è la mia opinione) rimando a quello che avevo scritto in quel post! e ora basta sennò diventa un commento da minigruppo!!!!

  14. #14

    Predefinito

    Mi rigiro in testa questa recensione da qualche giorno, senza avere ancora avuto il coraggio nemmeno di provare ad avvicinare le dita alla tastiera.
    Io Virginia Woolf l'avevo letta solamente nel suo saggio "Una stanza tutta per sé", e m'era parso che potesse essere un'autrice con tanto da darmi. Ma mai avrei pensato che in un romanzo avrei trovato tutto questo.
    Avevo anche pensato di iniziare da qualche altra cosa per conoscere la sua prosa, perché mi dicevo che forse cominciare dalla sua opera più sperimentale sarebbe stato difficile, mi dicevo che avrei fatto meglio a cercare di andare per gradi. Poi però sono inciampata quasi per caso in una recensione bellissima, così piena di entusiasmo ed ammirazione che non ho potuto fare meno di buttarmi, e cominciare proprio da qui. In questa recensione si dice che Virginia Woolf non è un'autrice da capire, ma piuttosto è da percepire, e su questo non posso che concordare. Certo, all'inizio, per una cinquantina di pagine circa ho cercato comunque di affiancare la comprensione alla percezione, strenuamente, e sì, ho apprezzato il testo spiazzante, ma con qualche difficoltà. Con un po' di affanno, come se non riuscissi a stare dietro a tutto. E allora ho provato semplicemente a lasciarmi andare, a lasciar perdere la compensione, le riflessioni, la "teoria", per abbracciare solamente la parte più irrazionale ed istintiva. E, sembra paradossale, lo so, ma solo così ho iniziato a comprendere di più. Non voglio dire di aver compreso tutto, non mi azzarderei nemmeno a dire di aver compreso molto, anzi, forse sono riuscita a cogliere soltanto una minima parte di tutto quello che Virginia ha incastonato in questa prosa così poetica. Ma, e questo sì, lo voglio dire, ho percepito tanto. Molto di tutto questo credo sia rimasto a livello inconscio, è stato un percepire molto istintivo, dato da sensazioni e fluire (ondeggiare, mi verrebbe da dire) di emozioni e stati d'animo.
    Per questo mi è così difficile parlare di questo romanzo: tutto quello che più mi ha colpito, lo ha fatto ad uno stadio diverso da quello della percezione della trama o del piacere tratto da una prosa meravigliosa, o anche dalle riflessioni che si potrebbero fare prendendo spunto daalcuni temi trattati. Questo romanzo mi ha colpito a livello emozionale e personale. Mi è sembrato di avvertire in questo coro di voci un tentativo di sviscerare l'intimità: intimità dei protagonisti, dell'autrice e del lettore. E io, forse anche perché si tratta di un periodo particolare della mia vita, in cui sono particolarmente propensa ad esperienze del genere, ho lasciato che la lettura di questo romanzo di trasformasse in un'esperienza spiazzante, sconvolgente, estremamente personale e intima. E, per quanto questa lettura mi abbia lasciato tantissimo, non sarebbe questo il modo né soprattutto il luogo adatto per parlarne.
    Resta comunque il fatto che questo romanzo mi sia piaciuto tantissimo, nonostante abbia richiesto molta attenzione e molte "energie". Io non credo di aver mai letto nulla si simile, dove una prosa che non può essere definita tale va a dipingere sei personaggi, sei animi diversi eppure estremamente simili, sei facce di una stessa medaglia. È un gioco di contorni e definizioni, i diversi caratteri emergono dal continuo confronto, come se il vuoto fra di loro non esistesse: sono personalità contigue, dai confini talmente combacianti da rendere quasi impossibile definire cosa sia l'identità personale e cosa la collettività. Leggere era immergersi in una dimensione completamente diversa, altra, che non credevo nemmeno possibile. E credo che questo sia uno di quei romanzi da leggere e rileggere, periodicamente, perché una così grande parte la fa la sensibilità del lettore, dunque ogni lettura potrebbe essere un'esperienza a sé stante.
    Sono infine grata a Virginia Woolf per avermi finalmente offerto la prova di qualcosa di cui sono sempre stata assolutamente, fermamente convinta: la poesia non risiede nella verticalità dei versi.

    Chiedo scusa per la confusione e l'inconcludenza di questo commento, ma ho preferito scriverlo di getto, seguendo solo il fluire dei pensieri e delle sensazioni che mi sono rimaste dentro.

    P.S ovviamente la recensione di cui parlo è quella di Ayu, non l'ho citata facendo un riferimento diretto perché di solito copio-incollo le mie recensioni su Anobii, e se facessi diretto riferimento a quello che c'è scritto qui non si capirebbe nulla .

  15. #15
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    134
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    sarò concisa: ti ringrazio ancora una volta per i tuoi complimenti, ti faccio i miei perchè hai scritto un commento meraviglioso nel quale esprimi tutto ciò che hai provato (ancora più di me che avevo un po' la preoccupazione di non farmi capire bene...) e lo hai fatto in modo sincero, sentito ed efficace.
    E, non da ultimo, sono davvero felice che questo libro ti sia arrivato in questo modo... non perchè te l'ho consigliato io, ma perchè è stupendo (almeno per me) vedere condivise delle sensazioni così intime e profonde con qualcuno che neanche conosco... questo è il potere e il valore della "grande" letteratura. Complimenti Jess, e grazie.

Discussioni simili

  1. Woolf, Virginia - Gita al faro
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 08-17-2016, 02:04 PM
  2. Woolf, Virginia
    Da Darkay nel forum Autori
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 06-01-2016, 02:51 PM
  3. Woolf, Virginia - Orlando
    Da novella76 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-22-2015, 07:37 PM
  4. Woolf, Virginia - Mrs. Dalloway
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 02-20-2015, 02:38 PM
  5. Woolf, Virginia - Notte e giorno
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-30-2014, 02:57 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •