Non uno dei capolavori di Camilleri, non nascondo che ho faticato a leggerlo. Narra la storia di un amore malato, quello tra la bellissima Alma Mahler, vedova di Gustav e il pittore Oskar Kokoschka. La storia non durerà molto, ma entrerà talmente nel sangue di Oskar che costui non potendo fare a meno di Alma incarica la più grande fabbricante di bambole dell'epoca di costruirgli una bambola simile ad Alma. Ci dorme insieme, la porterà a teatro e nella bella società, organizzerà feste per lei, e ci farà anche l'amore grazie all'aiuto di un'affascinante governante.
Infine anche la bambola lo tradirà ed Oskar la butterà nel giardino di casa, allarmando la polizia, che allertati per un cadavere in giardino, esclameranno: E' solo una bambola.
Era solo una bambola Oskar, Alma è già tra le braccia del fondatore del Bahaus Walter Gropius.