Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La breve favolosa vita di Oscar Wao

Mostra risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Diaz, Junot - La breve favolosa vita di Oscar Wao

  1. #1
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Díaz, Junot - La breve favolosa vita di Oscar Wao

    In sintesi
    "La breve e favolosa vita di Oscar Wao": già dal titolo si capisce che il romanzo non avrà un lieto fine classico. Ma non importa. Perché la vita di Oscar - ribattezzato Wao da un amico dominicano che storpia il nome di Wilde è davvero favolosa. Da favola. Da favola letteraria, magica e realistica al tempo stesso. Nasce e cresce nel New Jersey, il grasso, poco attraente, intelligente e parecchio eccitato Oscar. Sua madre Belicia è una ex reginetta di bellezza scappata da Santo Domingo perché perseguitata dal clan del dittatore Trujillo, la sorella, Lola, è una ragazza dolce, assennata e insieme spericolata come tutte le dominicane di Diaz. L'intero albero genealogico di Oscar, come quello di altre migliaia di dominicani, è composto da figure torturate, espropriate, martirizzate.

    Veramente una piacevole sorpresa.
    L'ho acquistato un po' scettica, ma conferma tutto il buono che le recensioni ( e il premio pulitzer ) promettevano. Mi è piaciuto molto.
    Consigliatissimo! Esempio di scrittura veramente creativa

  2. #2
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10077
    Thanks Thanks Given 
    302
    Thanks Thanks Received 
    357
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    Oscar è un nerd con la fissa del fantasy e dei giochi di ruolo, ma soprattutto delle ragazze. Peccato però che loro non la pensino allo stesso modo: l'aspetto poco attraente, i gusti un po' anomali e l'esuberanza negli approcci, condita da un linguaggio estroso e un po' bizzarro, le fanno scappare a gambe levate. L'obiettivo di Oscar è diventare uno scrittore famoso, ma soprattutto trovare l'amore o perdere la verginità, o entrambe le cose. Sembrerebbe la solita storiella adolescenziale con tanto di "e vissero felici e contenti", ma non è proprio così. Sullo sfondo della Repubblica Dominicana dominata dal dittatore Trujillo - del quale viene fornito un efficace ritratto tragicomico - e, in buona parte, delle periferie statunitensi, ci viene raccontata, con passione e ironia e a partire dai differenti punti di vista dei vari personaggi, la storia di Oscar e dei suoi familiari, a ciascuno dei quali viene dedicata una parte del romanzo: il nonno, la madre Belicia, la sorella Lola.
    Ho riconosciuto questo libro dall'odore , sentivo che era "mio"...l'ho acquistato senza sapere niente e siamo entrati subito in simbiosi. Acuto e originale, diretto quasi fino alla crudezza, apparentemente leggero ma in realtà - come confermato dallo stesso autore - scritto con uno stile ben studiato, realista e fantasioso al tempo stesso; l'autore, passando attraverso la descrizione di uno sfondo storico interessante e inquietante di cui non conoscevo gran che, si addentra nella vita e nell'interiorità dei vari personaggi con tenerezza empatica e insieme con finto distacco condito da una sagace ironia. Vero protagonista è il fukù, ovvero la "maledizione" che grava sui Cabral... I personaggi sono perfettamente tratteggiati, reali nei pregi e altrettanto nei difetti, tanto che più volte mi è venuta voglia di prenderne qualcuno a schiaffi e altre volte di consolarli e proteggerli. Difficile non provare tenerezza per Oscar e non "adottarlo" fin dalle prime pagine. Amore, odio e indifferenza, fortuna (poca) e sfortuna, tenerezza e crudeltà, realismo e fantasia, malattia, riscatto, storia collettiva e individuale: ci ho trovato tutto ciò, nonostante la parvenza di leggerezza.
    Al termine del libro sono riportati due glossari: il primo per i non-esperti di linguaggio fantasy e il secondo (a mio parere incompleto) spagnolo-dominicano.
    Mi è piaciuto perchè è un libro vivo dotato di corpo e anima

  3. #3
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mi hai convinto Ale...questo va dritto dritto nella mia lista dei prossimi acquisti!

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    783
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mia sorella lo ha acquistato poco tempo fa ma non mi attirava molto titolo e copertina. Dopo aver letto la recensione di Alessandra però ho cambiato idea.

  5. #5
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10077
    Thanks Thanks Given 
    302
    Thanks Thanks Received 
    357
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    Grazie per la fiducia, Ayla e Go, ma se poi non vi piacerà io non c'entro niente
    Diciamo che rientra pienamente nei miei gusti personali, anche se forse ho trovato il finale un po' affrettato.

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6009
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    214
    Thanked in
    122 Posts

    Predefinito

    anch'io do fiducia ad alessandra... se poi il romanzo non mi piace: botte!

    questo libro e' in camera di mio figlio a prendere la polvere da un po'...lui non lo legge, aspetta che prima lo legga io, quante responsabilita' my dear ale

  7. #7
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10077
    Thanks Thanks Given 
    302
    Thanks Thanks Received 
    357
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da darida Vedi messaggio
    anch'io do fiducia ad alessandra... se poi il romanzo non mi piace: botte!

    questo libro e' in camera di mio figlio a prendere la polvere da un po'...lui non lo legge, aspetta che prima lo legga io, quante responsabilita' my dear ale
    Mi dovrò cercare un bravo avvocato
    Be', però se non altro vi ho incuriosito...buona lettura!

  8. #8
    Balivo di Averoigne
    Data registrazione
    Nov 2011
    Località
    Kahora
    Messaggi
    3777
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    64
    Thanked in
    48 Posts

    Predefinito Diaz, Junot - La breve favolosa vita di Oscar Wao

    Oscar Wao, ancora infante, s'è trasferito dalla Repubblica Domenicana sino negli States. Il suo problema più grosso? L'amore! Oscar, da bravo domenicano era colmo d'amore pronto ad essere donato a qualsiai bella "flaca" peccato che poco prima dell'inizio del college il suo corpo crebbe inusitatamente più in larghezza che in altezza, consentendogli di sfondare il tetto dei 100 Kg. Si unisca a questo un portamento poco regale, nerditudine ai massimi livelli, con picchi di spropositato amore per Signore degli Anelli, fantascienza e film Low - fi e si avrà un giovane ragazzo deriso dal mondo intero e, soprattutto, senza amore! Questo romanzo narra la storia della sua vita, dal punto di vista dell'amico Yunior..

    Che dire, Diaz imbastisce un piatto gustoso, colorito, invitante! Dolore, verità, passione, semplicità sono gli strumenti che corredano l'operazione. Nel primo capitolo ci viene fatta subito una premessa: la storia che verrà raccontata è una vita sotto il segno del fukù, ovvero di una maledizione. Il fukù è intrinseco alla Repubblica Domenicana e la sua manifestazione è stata il tremendo dittatore Trujillo, detto El Jefe (e alcuni altri epiteti meno carini). Infatti il romanzo s'incrocia con la storia della Repubblica (che proprio Repubblica non è) e ci racconta più e più volte le malefatte di Trujillo che ormai appartengono al grande libro della Storia. Oscar non ne è toccato, ma i suoi famigliari lo furono, come ci viene narrato in due dei capitoli, dedicati rispettivamente alla madre Belicia e al nonno. Oscar è solo un discendende, anche lui colpito dall'onda lunga del fukù.
    Non appassionarsi alle vicende di Oscar è impossibile, il suo candore e la sua semplicità, non possono non instillare simpatia. I suoi sfortunati e grandi amori, la sorella Lola, Yunior, l'abuela, Belicia, la "puta" Ybon, si imprimeranno indelebillmente nelle menti di chi li avrà incontrati. Immergersi in questo romanzo è come fare un tuffo nella cultura pop anni '80-'90, numerosissimi sono i riferimenti (credo che molti lettori non li abbiano colti tutti). Le pagine scorrono meravigliosamente, si sorride, si è partecipi, si ha voglia di conoscere l'evoluzione della vita di Oscar. Un problema potrebbe esser rappresentato dal fatto che un paio di capitoli (i due più lunghi!!) sono interamente dedicati alla madre di Oscar e al nonno; capisco la voglia di approfondire il contesto storico, ma il libro si intitola "La breve vita di OSCAR WAO", non "la storia della sua famiglia". Questi lunghi capitoli sono comunque interessanti, piacevoli da leggere, ma implacabilmente avulsi dalla trama principale, mero apparato storico-sociale, o quasi.
    Forse Diaz era indeciso su quale strada prendere ed ha prefetiro "prenderle tutte"
    I capitoli finali in cui è protagonista la caparbietà di Oscar conquistano e portano ad un finale che potrà commuovere diversi. Nota negativa: al termine del volume sono presenti due utili dizionari, uno per i termini di fantascienza/fantasy/fumettistica e l'altro per le parole ispanico-domenicane: peccato che quest'ultimo non copra la marea di espressioni presenti nel testo!! Avrei preferito sapere il significato di "asqueroso" piuttosto che quello dei comuni (anche ad un pubblico non ispanico) "flaca" o "maricon"..
    In definitiva credo valga la pena fare la conoscenza con Oscar e il suo mondo, mi sento di consigliarlo..

    PS: è in uscito un nuovo romanzo (uno spin-off) di Diaz con protagonista il dissoluto Yunior

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2899
    Thanks Thanks Given 
    25
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Non mi appassionato molto la lettura di questo libro.
    Pur riconoscendo il talento dello scrittore ed il suo stile molto originale, l'ho trovato molto confusionario.
    Per nulla interessata alla vita del protagonista - secondo me molto noiosa- sono stata invece affascinata dalla storia della madre, dei nonni e delle vicende storiche di Santo Domingo e del suo sanguinoso dittatore.

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6009
    Thanks Thanks Given 
    135
    Thanks Thanks Received 
    214
    Thanked in
    122 Posts

    Predefinito

    una lettura frizzante e abbastanza originale, a tratti confusionaria anche grazie ad un glossario insufficiente per i tanti -secondo me fin troppi-termini spagnoli.Inoltre ho trovato piu' interesse per i parenti-amici-conoscenti di Oscar che per Oscar stesso...tant'e' che avevo dimenticato di commentarlo

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2222
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Diaz, Junot - La breve favolosa vita di Oscar Wao

    "La breve e favolosa vita di Oscar Wao": già dal titolo si capisce che il romanzo non avrà un lieto fine classico. Ma non importa. Perché la vita di Oscar - ribattezzato Wao da un amico dominicano che storpia il nome di Wilde è davvero favolosa. Da favola. Da favola letteraria, magica e realistica al tempo stesso. Nasce e cresce nel New Jersey, il grasso, poco attraente, intelligente e parecchio eccitato Oscar. Sua madre Belicia è una ex reginetta di bellezza scappata da Santo Domingo perché perseguitata dal clan del dittatore Trujillo, la sorella, Lola, è una ragazza dolce, assennata e insieme spericolata come tutte le dominicane di Diaz. L'intero albero genealogico di Oscar, come quello di altre migliaia di dominicani, è composto da figure torturate, espropriate, martirizzate.

    Non condivido l'eccessivo entusiasmo che ho trovato nelle recensioni di questo libro, che rientra nella classifica del Times e viene spesso citato come capolavoro della letteratura contemporanea.
    Mi ha molto ricordato "I figli della mezzanotte" di Rushdie...

    Oscar è un personaggio odioso, un nerd insopportabile che non fa nulla per migliorare la sua situazione, la sua vita è piuttosto banale e priva di attrattiva (forse sarebbe stato più interessante un libro sulla sorella), l'autore parla in prima persona, ma non è chiaro se sia esistito un vero Oscar Wao...
    Ho trovato, invece, molto affascinanti le storie sulla cultura dominicana e la storia della sua dittatura (di cui non sapevo nulla!!)
    Ecco, potrei consigliarlo per questo!

  12. #12
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10077
    Thanks Thanks Given 
    302
    Thanks Thanks Received 
    357
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    Sposto il post perché la discussione c'è già

  13. #13
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18703
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    207
    Thanks Thanks Received 
    570
    Thanked in
    338 Posts

    Predefinito

    Oscar è un ragazzo che per fisico e mentalità non corrisponde al cliché del maschio dominicano. E' grasso, ama i giochi di ruolo, scrive romanzi e non riesce ad avere una donna tanto da essere sicuro che sarà l'unico dominicano a morire vergine. Sulla diversità di Oscar e sulla sua ossessione per le donne che non ha si basa la trama sottile del libro che descrive attraverso la vita dei parenti passati e presenti la crudele dittatura di Trujillo e la realtà dell'inserimento dei caraibici negli Stati Uniti. La voce narrante è quella di Yunior, amico di Oscar e innamorato della sorella Lola, questa tecnica porta il lettore a diventare un osservatore e quindi a distaccarsi un po' dal coinvolgimento che il racconto con la sua implicita crudeltà avrebbe su chi legge. Si raccontano quindi tutte storie tristissime ma con distacco. Consigliato.

Discussioni simili

  1. Díaz, Junot - E' così che la perdi
    Da alessandra nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 10-21-2013, 05:07 PM
  2. Díaz, Junot - La breve favolosa vita di Oscar Wao
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 08-05-2013, 05:57 PM
  3. Diaz, Junot - La breve favolosa vita di Oscar Wao
    Da Des Esseintes nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-22-2013, 08:18 PM
  4. Meyer Stephanie - La breve seconda vita di Bree Tanner
    Da gisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-14-2010, 10:29 AM
  5. McQueen, Holly - La favolosa (doppia) vita di Isabel Bookbinder
    Da Mrs. Rog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-04-2008, 12:52 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •