Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

I pascoli del cielo

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Steinbeck, John - I pascoli del cielo

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2510
    Thanks Thanks Given 
    122
    Thanks Thanks Received 
    385
    Thanked in
    215 Posts

    Predefinito Steinbeck, John - I pascoli del cielo

    Una ricca e fertile valle californiana - “I pascoli del cielo” - è la protagonista incontrastata di questo romanzo di Steinbeck, ambientato agli inizi del novecento. L’amore per questa terra florida e rigogliosa, l’attrazione per il suo paesaggio incantevole e sereno, quasi fuori dal tempo, la vita pacifica e bucolica che vi si conduce basata sul proprio duro lavoro, sono il filo rosso che unisce le diverse storie del libro.
    Il libro, infatti, non dipana lungo le sue pagine un’unica storia, quanto piuttosto undici micro-storie. Perché Steinbeck non vuole narrarci semplicemente le vicende di alcune delle famiglie che vivono nella valle, quanto piuttosto descriverci una varia umanità, fatta di caratteri diversi, diversi modi di affrontare la vita e soprattutto di “adattarsi” al dolore che questa comporta.
    Inizio spoiler. Così conosciamo Bert Munroe un uomo che è sempre stato perseguitato dalla sfortuna, fino a quando non compra, senza saperlo, l’unica casa “maledetta” della valle, ma a quanto pare due sfortune quando si incontrano si annullano a vicenda, perché la sua è l’unica storia positiva di tutto il libro. E cosa dire di Edward Wicks un uomo che compra titoli a basso prezzo per rivenderli poi con lauti guadagni, capendo sempre in anticipo quando il loro prezzo sta per crollare? Decisamente un genio degli affari, peccato però che i suoi acquisti e le sue vendite siano solo delle cifre riportate su un quaderno e che le sue ricchezze siano tutte fittizie. Come dimenticarsi poi di Tularecito (Ranocchietto) un bambino che trova, grazie alla fantasia, una spiegazione alla sua diversità; o Robbie che vive in una fattoria in completo stato di abbandono, pensando di essere ricco perché suo padre gli legge libri e inventa nuovi giochi per lui, e scopre, invece, di essere povero perché qualcuno gli vuole regalare dei vestiti, e poi le storie delle sorelle Maria e Rosa Lopez o di Pat Humbert … Fine Spoiler.
    La bravura di Steinbeck sta nel creare dei personaggi indimenticabili, uomini e donne non esenti da difetti o colpe, di cui si limita a raccontarci le vicende, senza dare giudizi morali, e lasciando al lettore la possibilità di formarsi un proprio giudizio e decidere da quale storia lasciarsi affascinare maggiormente.
    Se proprio fossi costretta a muovere un rimprovero a Steinbeck gli rimprovererei il fatto di aver raccontato le storie solo di undici famiglie, visto che nella valle ce n’erano venti, con la sua scrittura scorrevole e affascinante avrebbe potuto permettersi di raccontare anche le altre nove storie senza paura di annoiare il lettore.
    Ultima modifica di bouvard; 04-14-2014 alle 01:23 PM.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2273
    Thanks Thanks Given 
    352
    Thanks Thanks Received 
    380
    Thanked in
    220 Posts

    Predefinito

    Questa valle 'incantata' è solo uno sfondo per le storie che ci racconta Steinbeck. Non ce la descrive tanto, perchè in realtà gli interessa descriverci i personaggi e le loro famiglie. Con grande abilità, devo dire, seppur con una prosa misurata e rilassante, per quanto precisa.

    Leggendolo a volte ho avuto l'impressione quasi di essere a Macondo: lo so, non c'entra nulla, ma a me più volte ha fatto quell'impressione. Storie strane e bizzarre, in un posto un po' fuori dalla realtà dove realtà e credenze popolari si mischiano senza che quasi te ne accorgi.

    Un po' anche di Forrest Gump, con personaggi improbabili che assurgono ad un certo punto ad idolo delle folle.

    E un po' Antologia di Spoon River, negli affreschi che fa delle varie famiglie.

    Un bel libro, con qualche alto e basso, ma da gustare con calma, non da divorare.

  • #3
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1676
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    190
    Thanks Thanks Received 
    249
    Thanked in
    148 Posts

    Predefinito

    Ottimo romanzo. Steinbeck raramente sbaglia, se mai l'ha fatto...
    Intervengo solo per suggerire, oltre ai soliti capolavori come "La valle dell'Eden" e "Furore", anche "Al Dio sconosciuto" uno dei miei preferiti e "La battaglia", che pochi nominano e, forse non conoscendolo, non lo considerano come una delle sue opere più belle. È una specie di fratellino minore di "Furore"; beh, almeno il tema ha delle similitudini, secondo me.

  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    916
    Thanks Thanks Given 
    1763
    Thanks Thanks Received 
    765
    Thanked in
    466 Posts

    Predefinito

    I pascoli del cielo è un affresco di umanità varia, approdata in questa bellissima vallata ai primi del Novecento.
    Steinbeck è bravissimo a tratteggiare i vari caratteri, la psicologia delle persone, i vari pezzi di vita. Ogni capitolo una persona e una famiglia, e le loro vite spesso si intersecano.
    Mi è piaciuto molto, anche se ritengo che i suoi capolavori siano Uomini e topi e Furore. Ma scrive talmente bene, che si può leggere con piacere di qualsiasi argomento parli.

    P.S. In uno dei racconti parla di uno che veniva invitato ad assistere alle esecuzioni da un suo amico carceriere. Ho percepito l'orrore di Steinbeck per chi va ad assistere per curiosità.
    Ora comprendo meglio la reazione del figlio di Steinbeck, quando il Texas ha usato Lenny come il prototipo del ritardato mentale.

  • #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5112
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1456
    Thanks Thanks Received 
    854
    Thanked in
    571 Posts

    Predefinito

    Ho letto questa raccolta moltissimi anni fa, per cui non ricordo molto se non che mi aveva incantato.
    Alcune immagini comunque mi si sono impresse indelebilmente nella memoria, la penna di Steinbeck è unica.

  • The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Steinbeck, John - La corriera stravagante
      Da Bianca nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 7
      Ultimo messaggio: 08-25-2018, 06:54 PM
    2. Steinbeck, John - La Valle dell'Eden
      Da Ira nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 8
      Ultimo messaggio: 08-25-2018, 06:47 PM
    3. Steinbeck, John - Furore
      Da alessandra nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 39
      Ultimo messaggio: 01-07-2018, 04:46 PM
    4. Steinbeck, John - La Santa Rossa
      Da Kafka nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 12-27-2017, 10:23 PM
    5. Steinbeck, John - L'inverno del nostro scontento
      Da francesca nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 05-06-2017, 11:48 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •