Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Noi

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Zamjatin, Evgenij - Noi

  1. #1

    Predefinito Zamjatin, Evgenij - Noi

    Chi conosce questo meraviglioso libro di fantascienza????

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    ahimè mi sfugge dimmi qualcosa...

  3. #3

    Predefinito

    Già, dicci qualcosa! Vuoi farci morire di curiosità?
    Ultima modifica di elisa; 12-30-2009 alle 06:53 PM.

  4. #4

    Predefinito

    Zamjatin scrisse questo libro giovanissimo, in pieno regime comunista, dopo di che fu costretto a espatriare per avere salva la pelle. il libro, bellissimo, è un'anti-utopia ambientata in un mondo dove i personaggi non hanno un nome, ma una sigla numerica, e dove tutto è irreggimentato. per capirci meglio (e senza rovinarvi la lettura) un mix fra metropolis, gattaca e l'uomo che visse nel futuro.
    capolavoro assoluto!!!!! è stato appena ristampato!!!

  5. #5
    scrittore
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    1348
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mai sentito, lo confesso. Ma la tua recensione mi ha fatto venire voglia di leggerlo. Grazie!

  6. #6

    Predefinito

    ah, dimenticavo... considerate che Orwell scrisse 1984 ispirandosi a lui... e Huxley col Mondo nuovo fece più o meno lo stesso....

  7. #7
    Smiling member
    Data registrazione
    Mar 2008
    Località
    milano
    Messaggi
    91
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    l'ho letto durante un corso di cultura russa all'università..molto bello, davvero
    originale più che altro, un libro che vale la pena di essere letto e conosciuto
    Ultima modifica di elisa; 12-30-2009 alle 06:52 PM.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Ucraina Kiev
    Messaggi
    596
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    96
    Thanked in
    51 Posts

    Predefinito

    Noi di Zamiatin e' splendido, meraviglioso, straordinario... Sono pronta mettere tutti aggettivi di grado superlativo per questo libro eccellente. Lo leggo come una poesia, cosi perfetto linguaggio di un maesto della lingua, dello stile com'e Zamiatin.
    Anzitutto Noi e' satira, ma per me anche e' libro d'amore. Purtroppo abbiamo perso la capacita usare tutta la bellezza della lingua, delle parole e grazie a scrittori come era Zamiatin ricordiamo che esisteva letteratura d'arte.
    Fate un regalo per se stessi nell'anno nuovo - leggete Noi!

    P.S.Scusate per gli errori.
    Ultima modifica di shvets olga; 01-01-2010 alle 11:48 AM.

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Ucraina Kiev
    Messaggi
    596
    Thanks Thanks Given 
    51
    Thanks Thanks Received 
    96
    Thanked in
    51 Posts

    Predefinito

    FRANCO VOLPI PRESENTA "NOI" DI EVGENIJ ZAMIATIN
    [Dal quotidiano "La Repubblica" del 24 novembre 2007 col titolo "La
    fantascienza odiata dall'Urss" e il sommario "Noi, il romanzo scritto da
    Evgenij Zamjatin nel 1922, per anni proibito nell'Unione Sovietica"]

    Zamjatin, ingegnere navale di professione e maestro di fantascienza a tempo
    perduto, immagina che in un remoto ma inevitabile futuro l'intera umanita'
    cadra' sotto il governo totalitario dello Stato Mondiale Unico. Guidato da
    un Grande Benefattore e controllato da Guardiani che soffocano ogni
    dissidenza, esso trasforma gli individui in numeri e li priva
    dell'immaginazione per garantire l'"armonia quadrata", matematica,
    dell'insieme. La vita e' scandita dal "Libro delle Ore" che impone a tutti
    lo stesso identico ritmo e dunque la perfetta coincidenza di tutti i
    movimenti e tutte le azioni. Formato da individui che vivono come cifre,
    secondo le armoniose leggi della tavola pitagorica, lo Stato Unico e' un
    ingranaggio perfetto in cui regna la felicita'.
    Il protagonista, un matematico che si chiama D-503, progetta un gigantesco
    razzo di vetro e acciaio, l'Integrale, per diffondere nell'universo il
    modello politico dello Stato Unico. D-503 si lascia pero' infettare da un
    numero irrazionale, ovvero si invaghisce di I-330, giovane rivoluzionaria
    adepta di un gruppo segreto che cospira per impadronirsi dell'Integrale e
    sovvertire lo Stato. Grazie ai Guardiani, che neutralizzano il complotto, il
    Benefattore riafferma la sua sovranita' ed escogita un modo per garantire
    definitivamente la stabilita' dell'ordine: una Grande Operazione di
    lobotomia che recida in tutti gli individui la parte del cervello dove ha
    sede l'immaginazione. E' infatti l'imprevedibilita' di questa facolta' a
    produrre instabilita', disordine, disgregazione. Subita l'operazione, gli
    Uomini Nuovi sono finalmente adatti per inserirsi nell'ordine dello Stato
    Unico.
    Questo fulminante e pionieristico romanzo anti-utopico, scritto tra il 1920
    e il 1922, e proibito nell'Unione Sovietica fino al 1989, fu noto dapprima
    nella traduzione inglese (1924), poi in quella ceca (1927) e francese
    (1929), e solo nel 1952 fu pubblicato a New York il testo russo integrale.
    Su quest'ultimo e' basata la versione italiana di Ettore Lo Gatto del 1955,
    ora rivista da Barbara Delfino e curata da Stefano Moriggi. Ispirato ai
    racconti fantastici di Herbert G. Wells, esso e' stato a sua volta preso a
    modello da Aldous Huxley in Brave New World, da George Orwell in 1984, e
    soprattutto da Ferdinand Bordewijk nel racconto Blocchi, che sviluppa il
    motivo del "cubismo di Stato" in uno stile secco, ficcante, incisivo, molto
    simile a quello di Noi.
    Il romanzo fu subito letto come una corrosiva critica del sistema sovietico,
    allora appena sorto, e Zamjatin si salvo' solo grazie alla protezione di
    Gorkij emigrando a Parigi. Fu anche accusato di trotzkismo perche' accennava
    a "infinite rivoluzioni". In realta', esse non hanno nulla a che fare con la
    "rivoluzione permanente" di Trotzkij, ma sono il risultato della dialettica
    di due principi, come Zamjatin spiega in un saggio coevo Su letteratura,
    rivoluzione, entropia e altre cose: "Due forze governano il cosmo:
    l'entropia e l'energia. La prima produce la quiete pacifica e l'equilibrio
    beato, l'altra conduce alla rottura dell'equilibrio, all'inesausto e
    doloroso movimento". E aggiunge: "L'unica (amara) medicina contro l'entropia
    dell'esistenza umana e' l'eresia". Ma la vera speranza e' il fatto che il
    Dio creatore di questo mondo e' "il piu' grande degli scettici", e che
    percio' e' ragionevole supporre che anche sullo Stato Unico - che in verita'
    descrive una condizione che non e' mai stata, e che mai sara' - incomba un
    destino di transitorieta' in ragione del quale prima o poi esso implodera'.
    Alla fine si radica in noi un convincimento: l'immaginazione e' l'unico
    luogo di questo mondo in cui vale la pena abitare.


    P.S. In URSS libro era pubblicato nel 1988.

Ti potrebbero interessare:

 

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •