Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Mendel dei libri

Mostra risultati da 1 a 15 di 15

Discussione: Zweig, Stefan - Mendel dei libri

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2300
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito Zweig, Stefan - Mendel dei libri

    “Trentatrè anni prima, ragazzetto piccolo e ingobbito, con le guance ancora coperte di morbida lanugine nera e fitti riccioletti sulla fronte, era arrivato a Vienna per studiare da rabbino; ma ben presto aveva abbandonato quel severo Dio unico che era Yahveh per consacrarsi al rutilante e sfaccettato politeismo dei libri”.

    Questo è Jacob Mendel, un uomo che nella vita ha una sola passione: i libri. Non gli interessa, però, leggerli, ma solo conoscere l’esistenza di ogni libro che viene stampato, sapere quante copie ne esistano, dove si trovano, in che stato sono, quanto costano, come reperirle. Insomma Mendel sarebbe un bibliotecario ideale. Ha una memoria prodigiosa e non esiste libro di cui lui non conosca l’esistenza. Perciò nel suo “ufficio”, il caffè Gluck di Vienna, riceve studiosi, appassionati, collezionisti, uomini le cui richieste presso tutti i bibliotecari “ufficiali” sono rimaste senza risposte e che in pochi minuti da lui la ricevono. Questo alimenta l’unico peccato di cui Mendel sembra soffrire: la vanità.
    La passione di Mendel per i libri è una passione totalizzante, esclusiva, che lo assorbe completamente, tanto da farlo vivere fuori dal tempo e dalla realtà, infatti neppure si accorge che intorno a lui è scoppiata la prima guerra mondiale. Mendel continua, perciò, a scrivere le sue lettere per ricevere informazioni su libri ai suoi amici francesi ed inglesi, senza sapere che quegli amici adesso sono dei nemici e lui non dovrebbe avere alcun rapporto con loro.
    Quest’uomo pacifico, tranquillo, che vive solo per i libri e non conosce alcun limite geografico, perché i libri non conoscono questi limiti, che non conosce la parola “nemico” perché nel suo mondo non c’è posto per una simile parola, quando si trova di fronte alle brutture che gli uomini sono capaci di compiere in guerra ne viene psicologicamente annientato.
    Considerato che sono solo 53 pagine e che si trova facilmente anche in ebook, consiglio a tutti quelli che amano i libri di leggersi questo racconto, perché in fondo in Jacob Mendel c’è un po’ di tutti noi.

  2. #2
    giovaneholden
    Guest

    Predefinito

    Bellissimo questo racconto di Zweig. Mendel gran personaggio.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Località
    fa lo stesso
    Messaggi
    573
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Conosco Zweig: è una meraviglia.
    Ma non conoscevo Mendel: grazie, so già a chi regalarlo per poi scroccarglielo.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    850
    Thanks Thanks Given 
    155
    Thanks Thanks Received 
    43
    Thanked in
    30 Posts

    Predefinito

    Aggiunto alla mia wishlist!!

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1573
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    11
    Thanked in
    8 Posts

    Predefinito

    Ho appena terminato di leggerlo per la sfida "allarga orizzonti" e ne sono rimasta commossa.Con quanto amore e nostalgia Zweig parla di un mondo che le guerre del 900 hanno spazzato via.Sembra di vederlo,Jakob Mendel,questo piccolo uomo con una memoria prodigiosa,chino sul suo tavolo al caffè Gluk,immerso nel suo fantastico mondo dei libri

    "Solo adesso(dice il protagonista),anch'io più in là con gli anni,capivo quale grande perdita sia la scomparsa di uomini simili.Innanzitutto perché l'unicità diventa ogni giorno più preziosa in questo nostro mondo che irrimediabilmente va facendosi sempre più uniforme.E poi perché grazie a lui mi ero avvicinato per la prima volta al grande mistero,cioè al fatto che,se mai nella nostra esistenza riusciamo ad attingere qualcosa di speciale ciò accade solo al prezzo di una particolare concentrazione"


    Un libro che è una dichiarazione d'amore alla letteratura, attraverso Mendel, che con la sua incredibile memoria ,vuole mettere in salvo i libri dalla follia umana della guerra che di lì a poco avrebbe travolto anche lui.

  6. #6
    Scimmia ballerina
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3071
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    19 Posts

    Predefinito

    Se devo essere sincera, questo libro non mi è piaciuto.

    Si merita la sufficienza solo perchè è scritto con una bella prosa. Per il resto mi ha lasciata un po' perplessa: è troppo corto, finisce subito, gli mancava qualcosa, probabilmente qualche pagina in più! Peccato!

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11874
    Thanks Thanks Given 
    505
    Thanks Thanks Received 
    541
    Thanked in
    265 Posts

    Predefinito

    Bello e infinitamente triste, bello perchè come ha scritto qualcuno più sopra in ognuno di noi c'è un po' di Mendel e triste perchè ti fa riflettere su quanto la guerra e tutti gli orrori che che ne conseguono si portino via in termini di "potenziale umano" e di genialità. Quanti Jacob Mendel hanno fatto fuori due guerre Mondiali? Non lo sapremo mai ma è tristissimo pensarci.
    Splendido personaggio anche la custode dei bagni del caffé Gluck, persona "semplice" ma di un'umanità straordinaria.
    E' il mio secondo approccio con Zweig che non mi ha delusa, proseguo con Amok.

  8. #8
    Junior Member
    Data registrazione
    Aug 2014
    Località
    Italia
    Messaggi
    5
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Interessante

    Ne parlate tutti così bene, mi sa tanto che gli darò un occhiata.
    Ultima modifica di elisa; 08-11-2014 alle 02:25 PM. Motivo: no promozione surrettizia

  9. #9
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18790
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dwayne Vedi messaggio
    Ne parlate tutti così bene, mi sa tanto che gli darò un occhiata. Dalla mia invece recentemente ho trovato un ebook di racconti molto interessante; il libro lo trovate su Amazon kindle store dovete scrivere Racconti l'autore è Francesco Capozzi costa 3.99 Euro. Dategli un occhio l'autore è emergente e chissà se riuscirà a sorprenderci
    ti avverto di non usare più i post per promozioni di altri libri, sono costretta a cancellare il post per la parte promozionale

  10. #10
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18790
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    Racconto, assurto alla dignità di romanzo breve per motivi editoriali, anche il formato è minimo, mentre lo leggi pensi quanto sia piccolo quel libriccino che parla di una persona che conosce la pubblicazione di tutti i libri del mondo, un computer ante littteram, un Pico della Mirandola, forse una persona affetta da Sindrome da Asperger. Io non amo particolarmente la scrittura degli autori della mitteleuropa, forse perché faccio parte di questo mondo e lo comparo a volte ad una sorte di accettazione del proprio stato "particulare" da rasentare il fatalismo. Lo scrittore austriaco ha una bellissima prosa, attento al particolare, maniacale come il suo personaggio. Mendel pottrebbe essere uno dei tantissimi anziani colti a dismisura che popolano questa ia terra, ma soli, per volere loro e non del destino, perché talmente presi da se stessi e dalle proprie passioni da dimenticarsi che esistono gli altri.

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4325
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    718
    Thanks Thanks Received 
    442
    Thanked in
    298 Posts

    Predefinito

    Racconto bellissimo, molto curato nella scrittura, evocativo e struggente.
    Tuttavia un po' sono d'accordo con Betty: sembra uno stralcio, più che un testo compiuto; se avessi avuto in mano il libro (anziché l'ereader...) me lo sarei rigirato tra le emani per cercare il seguito
    Zweig è un nuovo incontro per me, una conoscenza che sono felicissima d'aver fatto. Chi scrive così, merita di essere letto

  12. #12
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13814
    Thanks Thanks Given 
    766
    Thanks Thanks Received 
    536
    Thanked in
    395 Posts

    Predefinito

    Bouvard ci ha aperto la strada per conoscere questo indimenticabile personaggio che resterà nel cuore di noi amanti dei libri... lo abbiamo invidiato con affetto per la sua memoria e abbiamo sofferto con lui per la tragica fine che la guerra gli riserverà. Infatti nonostante lui si sia isolato in un mondo a parte, fatto solo di libri, non riesce ad evitare che il destino lo travolga e lo renda una pedina manipolabile da chi non ha il rispetto per il suo prossimo.
    Ho sentito molto vicina la parte inziale sulla memoria e sui ricordi del personaggio che rievoca la storia di Mendel.
    La sua brevità a me non è dispiaciuta affatto, lo stile intenso con cui è narrato mi è bastato .

  13. #13

    Predefinito

    Una piccolissima perla. È una definizione banale, d'accordo, ma non saprei come altro definire questo brevissimo racconto.
    Non avevo mai letto Zweig, e credo non avrei potuto iniziare a farlo con un'opera migliore: è il racconto perfetto per restare completamente affascinati da un nuovo autore. La scrittura di Zweig è estremamente fluida e ricca, coinvolge tanto da far dimenticare la parola scritta e dipingere nella mente del lettore immagini vividissime. Mi sono veramente bastate pochissime righe per ritrovarmi a fissare incuriosita il tavolino di marmo del Caffé Gluck, rapita dal ricordo del protagonista e dalla figura di Mendel. Sicuramente Mendel, piccolo rigattiere di Vienna, con la sua straordinaria memoria per tutto ciò che rguarda i libri e il suo modo di leggere assoluto, totale, dondolando davanti alle pagine dei libri, entrerà nel cuore di qualsiasi appassionato lettore. Ma accanto alla simpatia per questo buffo omino che conosce a memoria il catalogo di qualsiasi libreria e biblioteca si fa strada una tenerezza per la sua ingenuità che si fa via via struggente mano a mano che la Storia si apre un varco nella vita di Mendel.
    Sul finire, il racconto della "signora della Toilette" non può che stringere un nodo nella gola del lettore.
    Un racconto particolarissimo, un protagonista particolarissimo, maniacale, con qualche tratto che, chissà, sembra quasi ricordare l'autismo, ma che finisce per emozionare immensamente.

  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    850
    Thanks Thanks Given 
    155
    Thanks Thanks Received 
    43
    Thanked in
    30 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Jessamine Vedi messaggio
    Una piccolissima perla. È una definizione banale, d'accordo, ma non saprei come altro definire questo brevissimo racconto.
    Non avevo mai letto Zweig, e credo non avrei potuto iniziare a farlo con un'opera migliore: è il racconto perfetto per restare completamente affascinati da un nuovo autore. La scrittura di Zweig è estremamente fluida e ricca, coinvolge tanto da far dimenticare la parola scritta e dipingere nella mente del lettore immagini vividissime. Mi sono veramente bastate pochissime righe per ritrovarmi a fissare incuriosita il tavolino di marmo del Caffé Gluck, rapita dal ricordo del protagonista e dalla figura di Mendel. Sicuramente Mendel, piccolo rigattiere di Vienna, con la sua straordinaria memoria per tutto ciò che rguarda i libri e il suo modo di leggere assoluto, totale, dondolando davanti alle pagine dei libri, entrerà nel cuore di qualsiasi appassionato lettore. Ma accanto alla simpatia per questo buffo omino che conosce a memoria il catalogo di qualsiasi libreria e biblioteca si fa strada una tenerezza per la sua ingenuità che si fa via via struggente mano a mano che la Storia si apre un varco nella vita di Mendel.
    Sul finire, il racconto della "signora della Toilette" non può che stringere un nodo nella gola del lettore.
    Un racconto particolarissimo, un protagonista particolarissimo, maniacale, con qualche tratto che, chissà, sembra quasi ricordare l'autismo, ma che finisce per emozionare immensamente.


    Ho appena terminato questo racconto, non avevo mai letto nulla di Zweig e devo dire che nella recensione di Jessamine ho ritrovato tutte le sensazioni che mi ha suscitato. Condivido in pieno il suo pensiero

  15. #15
    Together for ever
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    zanzaratown
    Messaggi
    2231
    Thanks Thanks Given 
    344
    Thanks Thanks Received 
    222
    Thanked in
    143 Posts

    Predefinito

    preso per caso con altri due racconti di Zweigh. Carino!

Discussioni simili

  1. Zweig, Stefan - Lettera di una sconosciuta
    Da bouvard nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 10-09-2016, 04:20 PM
  2. Zweig, Stefan - Amok
    Da risus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 08-05-2016, 07:16 PM
  3. Zweig, Stefan - Bruciante segreto
    Da risus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 01-05-2016, 11:07 AM
  4. Zweig, Stefan - Maria Antonietta
    Da ila78 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-24-2013, 06:03 PM
  5. Pagina dei libri preferiti e pagina dei libri non apprezzati
    Da Fabio nel forum Pagine di servizio
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 08-17-2008, 10:03 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •