Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Il paese dei ciechi

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Wells, Herbert George - Il paese dei ciechi

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2337
    Thanks Thanks Given 
    44
    Thanks Thanks Received 
    193
    Thanked in
    117 Posts

    Predefinito Wells, Herbert George - Il paese dei ciechi

    Questo breve racconto è stato scritto da Wells nel 1904, quando ancora era possibile immaginare che esistesse qualche luogo sperduto della Terra non ancora raggiunto dalla civilizzazione. In effetti il villaggio al centro del racconto, non era proprio estraneo alla civiltà, in quanto in un lontano passato aveva avuto contatto con gli spagnoli, ma poi a causa di un cataclisma naturale era rimasto completamente isolato e il "sapere" acquisito grazie a quei contatti si era perso.
    Con il passare delle generazioni si era verificata anche un'altra anomalia, gli abitanti del villaggio erano diventati ciechi, ed avevano imparato ad organizzare la propria vita facendo affidamento sugli altri sensi.
    Nunez, il protagonista del racconto, arriva in questa valle a causa di una caduta durante un'arrampicata. Egli resta all'inizio perplesso, perché pur avendo sentito parlare del "paese dei ciechi", come tutti pensava fosse solo una leggenda. Con la presunzione dell'uomo che vede e che pensa di avere qualcosa in più degli altri cerca all'inizio di spiegare ai ciechi cosa significa "vedere" e cosa sia la "vista", ma tutti i suoi tentativi vengono messi in ridicolo. Quando viene preso per pazzo, comincia a pensare di poter sfruttare il suo vantaggio - la vista - per dominare questa gente. "In terra di ciechi il monocolo è re" perciò non pensa di trovare ostacoli al suo tentativo. Ma le cose non sono così scontate.
    La lettura è scorrevole, ma si ha la costante sensazione che dietro quello che si legge vi sia qualcosa di ben più profondo. Cosa è davvero questo racconto? Una condanna dei danni compiuti dalla dominazione spagnola sulle popolazioni andine e in generale una condanna per ogni forma di dominazione/oppressione tra popoli? Una condanna della presunzione umana, visto la pochezza del nostro sapere? Una condanna dell'inutilità e della inconcludenza degli atteggiamenti da "partito preso"? Probabilmente tutto questo ed altro ancora.
    Ultima modifica di bouvard; 05-23-2014 alle 03:14 PM.

  2. The Following User Says Thank You to bouvard For This Useful Post:


Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Wells, H.G. - La guerra dei mondi
    Da Lucripeta nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 04-23-2017, 08:31 PM
  2. Martin, George - Il regno dei lupi
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 09-21-2015, 01:00 AM
  3. 106° minigruppo - La guerra dei mondi di Herbert George Wells
    Da Cold Deep nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 02-02-2014, 10:39 PM
  4. Calvino, Italo - Apologo sull’onestà nel paese dei corrotti
    Da elesupertramp nel forum Salotto letterario
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-24-2010, 08:25 PM
  5. Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 12-20-2007, 08:44 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •