Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il richiamo del cuculo

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Galbraith, Robert - Il richiamo del cuculo

  1. #1
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Galbraith, Robert - Il richiamo del cuculo

    Un reduce di guerra congedato perché ha perso una gamba diventa investigatore privato, ma l'attività non va molto bene.
    Dopo l'ennesimo litigio con la fidanzata, senza un quattrino, si istalla su una brandina nel suo ufficio, senza potersi nemmeno permettere una segretaria. Ma l'agenzia interinale le manda Robin, molto carina, intelligente ed efficiente, e il fratello di un suo vecchio amico di infanzia, morto molto giovane, lo ingaggia per indagare sulla morte della sua sorellastra. La ragazza era una famosissima modella e la sua morte era stata archiviata tempo prima come suicidio.

    Un giallo e basta, un giallo puro, e, secondo me, molto ben congegnato e scritto.
    Per la prima metà non mi ha entusiasmato per niente; l'avevo letto a fatica e mollato e ripreso molte volte. La settimana scorsa, l'ho ripreso dopo alcuni mesi e sono arrivata ad un punto dal quale le cose si fanno molto più interessanti, finendolo in un attimo.

    Dietro Galbraith, per chi non lo sapesse, si nasconde JK Rowling, la mamma di Harry Potter, che con la trama gialla credo sia una vera maestra. La sua scrittura mi piace moltissimo, è molto figurativa e ricca di dettagli, i dialoghi molto ben scritti.
    Però questo lo definirei un esercizio lineare, nel senso che è ben scritto ma non eccezionale, niente che ti fa scuotere davvero, freddino insomma.
    Se il libro fosse stato più corto di 1-2 centinaia di pagine credo sarebbe stato un ottimo giallo. Per essere un libro di oltre 500 pagine avrei voluto di più, qualcosa che andasse oltre la trama gialla. Il mio riferimento in questo genere è Fred Vargas, perché i suoi sono i miei gialli preferiti; se penso al numero di pagine mi viene in mente Nei boschi eterni, il mio preferito in assoluto. Se penso invece ai classici,la Christie o Conan Doyle, gialli puri, come questo, non vanno oltre le 200-300 pagine, come pure quelli di altri giallisti classici, Simenon, Rex Stout, che non mi piacciono, però non sono mai molto voluminosi. C'è una ragione secondo me, si deve dare la possibilità al lettore di ricordare.
    Nel libro di Galbraith, dopo 2-300 pagine di descrizioni di luoghi e persone e del detective che va qui e là a vedere luoghi e interrogare persone mi stavo annoiando e non memorizzavo nulla. Poi, dopo la metà, quando prende una certa svolta, allora comincia a farsi interessante.
    Ultima modifica di Dory; 06-26-2014 alle 01:34 PM.

  2. #2

    Predefinito Galbraith, Robert - Il richiamo del cuculo

    Appena letto, mi è piaciuto molto. Sono affezionato alla Rowling per una questione nostalgica e forse generazionale (i suoi Harry Potter mi hanno accompagnato nell'adolescenza, leggendo il primo a 11 e l'ultimo a 17 anni) ma questo non mi ha impedito di notare i molti limiti di una serie scritta in un inglese un po' povero e che a livello narrativo e logico fa acqua da tutte le parti. La struttura del giallo non estranea alla saga e al suo stile (in fondo un mistero, un'indagine, una verità da svelare è presente in ogni libro, con tanto di "spiegone" finale alla Poirot) non nutrivo molte aspettative per questo libro, dopo che anche l'altro libro apocrifo (il seggio vacante) mi aveva deluso. Mi sbagliavo.
    Lo stile è avvincente, scorrevole, travolgente. La trama è lineare, con una logica perfetta e senza ombre, degna della Christie migliore, con una buona dose di ironia e realismo. Delizioso il personaggio di Robin, originale e ben caratterizzato l'investigatore, Strike - un po' dannatamente sfortunato come molti ispettori dei gialli, ma realistico nel modo di essere e di fare. Promossa, insomma, per il primo libro di una serie con lo stesso protagonista che ne vede per ora altri due.
    Lo consiglio, anche a chi non abbia amato Harry Potter!

  3. #3
    dreamer member
    Data registrazione
    Dec 2014
    Località
    Provincia di Lecce
    Messaggi
    795
    Inserimenti nel blog
    44
    Thanks Thanks Given 
    236
    Thanks Thanks Received 
    161
    Thanked in
    107 Posts

    Predefinito

    Molto carino! Un giallo senza troppe pretese, con personaggi ben caratterizzati, ben scritto e ben pensato. Prova superata, libro assolutamente gradevole!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Forman, Milos - Qualcuno volò sul nido del cuculo
    Da Grantenca nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 01-04-2017, 08:17 PM
  2. Stevenson, Robert Louis - L'isola del tesoro
    Da Fly nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 07-09-2014, 08:39 AM
  3. Redford, Robert - La regola del silenzio
    Da Meri nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 12-27-2012, 02:13 PM
  4. Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 03-21-2009, 02:05 PM
  5. Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 03-04-2009, 07:44 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •