Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Un'idea di destino

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Terzani, Tiziano - Un'idea di destino

  1. #1
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5729
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    82
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito Terzani, Tiziano - Un'idea di destino

    Questo libro è una raccolta di tutti i diari e delle lettere scritte dall'autore tra il 1981 e il 2003. Sono appunti dei suoi viaggi, racconti di esperienze vissute, ma soprattutto stati d'animo e riflessioni sul mondo e sul senso della vita.

    Il Terzani di questo volume è un Terzani diverso. Non troviamo solo le storie dei suoi viaggi, ma soprattutto l'uomo. Scopriamo che l'autore era sempre alla ricerca, inquieto e insoddisfatto. Spesso i suoi viaggi erano delle fughe dal mondo moderno e caotico. In certi punti diventa angosciante perchè respiri la sua irrequietezza.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    187
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito Le luci e le ombre dietro la straordinaria vita del giornalista

    Dopo aver letto diversi suoi libri, la lettura di questa raccolta di estratti dal suo diario personale, è l'imprescindibile compimento della conoscenza di un uomo del secolo scorso, che ha vissuto il suo tempo con intensità e passione come pochissimi altri.
    Tiziano Terzani non era un uomo perfetto, nessuno lo è, anche volendo badare solo alle sue considerazioni morali, religiose o politiche, io personalmente non condivido il suo pensiero in maniera integrale. Ma ciò è irrilevante, perché questo libro va oltre tutto questo e non racconta delle lotte intraprese contro i regimi o i governi con cui si è confrontato nel corso della sua carriera professionale. Parla invece della lotta contro i suoi demoni.
    Un uomo nato da una famiglia povera, in una comunità che già da ragazzo considerava non all'altezza dei propri orizzonti. Che solo diciannovenne, alla fidanzata e futura moglie dedicava "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi" di Pavese, che pure dopo un avvio di carriera dirigenziale che chiunque avrebbe comunemente detto sfolgorante, ancora non era pago, ancora non trovava risposta ai suoi tormenti interiori, e quindi la pace interiore che continuava a sfuggirgli e per la quale aveva deciso di mettersi in viaggio, perennemente.
    La dovizia di particolari con cui nel suo diario ha affrontato la depressione cronica di cui era vittima, scevra di qualunque sentimentalismo o facile retorica, la "belva oscura" come la chiamava lui, la franchezza con cui parla del disagio che questa gli causava nel relazionarsi con gli altri, anche con i suoi familiari a cui pure incessantemente dichiara il suo amore e devozione, offrono a chi lo legge un pure modesto, ma franco e saldo conforto, che deriva dal sapere che anche nella solitudine di questo immenso vuoto in cui il Mistero ci pone, non siamo soli.
    Lo si legge come un romanzo d'avventura, divorando le pagine una dopo l'altra, lasciandosi colpire dallo stile inevitabilmente asciutto e diretto, e almeno personalmente sempre affiancato da un dubbio: se pure quest'uomo di innegabile intelligenza e straordinaria sensibilità, che dalla vita ha avuto non solo la carriera professionale che desiderava ma anche una moglie e dei figli che amava e da cui era ricambiato, che ha attraversato il Vecchio Mondo in lungo e in largo e ricambiando la generosità di cui ha beneficiato con un impegno sociale da cui gli è derivata proprio la sua fama internazionale di giornalista e per le cui vicende avventurose non poteva fare a meno di scrivere a sua moglie "quando saremo vecchi ne avremo di cose da raccontare" pure era tormentato da un'inestinguibile tristezza e male di vivere, dove è allora incontrabile la pace?
    Credo questo sia infine proprio il pregio di questo libro, restituire a ognuno dei suoi lettori un impareggiabile compagno di viaggio, senza nessuna risposta confezionata, ma instancabile nella ricerca di domande.
    Ultima modifica di MadLuke; 09-14-2014 alle 11:06 PM.

Discussioni simili

  1. Terzani, Tiziano - La porta proibita
    Da mado84 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 08-28-2017, 11:26 AM
  2. Terzani, Tiziano - Un indovino mi disse
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 05-07-2017, 11:26 PM
  3. Terzani, Tiziano - Viaggi e cultura
    Da elisa nel forum Autori
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 11-30-2016, 10:52 AM
  4. Terzani, Tiziano - In Asia
    Da ayuthaya nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 04-24-2013, 06:43 PM
  5. Terzani, Tiziano - Fantasmi
    Da Dory nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 04-18-2011, 06:13 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •