Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 4 di 54 PrimoPrimo 1234567891011121314 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 46 a 60 di 809

Discussione: 121° MG - Novelle per un anno di Luigi Pirandello

  1. #46
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6111
    Thanks Thanks Given 
    232
    Thanks Thanks Received 
    346
    Thanked in
    175 Posts

    Predefinito Spilla?

    noi siamo con te, ma tu, sei ancora con noi?

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #47

    Predefinito

    Io non ho capito una cosa di quel racconto: perchè si reca dal padre per sposarsi con lui e poi immediatamente dopo lo respinge con sdegno? Mi sa che in quella scena mi è sfuggito qualcosa...

    Comunque...

    La Michelina: protagonista femminile eccessivamente rigoroso... Pirandello sembra quasi voler esaltare la sua virtù in modo eccezionale per poi renderla un oggetto di ironia (vedi il finale, in cui il suo suicidio di fatto viene potentemente sminuito dallo scetticismo dei compaesani).
    Voto: 6

    Professor Terremoto:
    Crudele e amara ironia sull'eroismo e le sue conseguenze... bella l'analisi dell'atto eroico svolto dal professore come momentanea messa tra parentesi del quotidiano per elevarsi nelle regioni dell'ineffabile.
    Voto: 8

    La veste lunga:
    Stupendo racconto dove l'autore riesce a evitare in parte il suo onnipresente riso sardonico, per raccontarci la triste presa di coscienza della durezza e della prosaicità della vita da parte di un'adolescente che saprà però riscattarsi in un suicidio che dice "no" alle regole sociali e alla condanna della Natura... da quel che ricordo è uno dei pochissimi racconti in cui un personaggio si salva dalla soggezione alla società, al sesso e alla maternità.
    Voto: 10

  • #48
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14603
    Thanks Thanks Given 
    1170
    Thanks Thanks Received 
    941
    Thanked in
    655 Posts

    Predefinito Zia Michelina

    Citazione Originariamente scritto da Dallolio Vedi messaggio
    Io non ho capito una cosa di quel racconto: perchè si reca dal padre per sposarsi con lui e poi immediatamente dopo lo respinge con sdegno? Mi sa che in quella scena mi è sfuggito qualcosa..
    Credo che lo faccia soprattutto perché in realtà non lo vuole sposare e poi perché si rende conto che il padre di Marruchino invece ne avrebbe avuto piacere e non ha davvero a cuore solo gli interessi del figlio, ma anche i suoi (così avrebbe condiviso con lei l'usufrutto della casa, il furbetto). Perciò Michelina s'infuria e va via.

  • #49
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6111
    Thanks Thanks Given 
    232
    Thanks Thanks Received 
    346
    Thanked in
    175 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Credo che lo faccia soprattutto perché in realtà non lo vuole sposare e poi perché si rende conto che il padre di Marruchino invece ne avrebbe avuto piacere e non ha davvero a cuore solo gli interessi del figlio, ma anche i suoi (così avrebbe condiviso con lei l'usufrutto della casa, il furbetto). Perciò Michelina s'infuria e va via.
    ...e comunque l'autore ci anticipa che il compare-cognato-padre spiega con un "faticoso garbuglio di parole" le sue ragioni che in effetti risultano poco chiare anche al lettore
    cupidigia laida intuì nel compare la bella Michelina...ahimè, prima di risolversi al triste finale, che spreco

  • #50

    Predefinito

    Vado avanti, ancora mi mancano tre racconti della Rallegrata, li leggo nei prossimi giorni.

    I nostri ricordi: racconto che ricorda il contenuto di Uno, Nessuno e Centomila, laddove il personaggio si rende conto della propria pluralità e disaggregazione, disperdendosi nelle varie percezioni altrui. Indubbiamente più piacevole e meno teorico del romanzo.
    Voto: 8

    Di guardia: racconto comico, sull'ossessione del tradimento... anche quando a tradire è la propria cognata... non imperdibile.
    Voto: 6

    Dono della vergine Maria: racconto su una fede viscerale e sui drammatici esiti che essa comporta, con la morte di tutte le figlie del protagonista e della rottura dell'unico legame che egli ancora aveva con il mondo. La materia del racconto è vulcanica e mi rammarico molto che non sia stato reso un romanzo.
    Voto: 10

    La verità: novella da cui è tratto "Il berretto a sonagli", sebbene declinato in altra forma e con un altro finale... è un interessante "what if" rispetto alla vicenda di Ciampa.
    Voto: 9

  • #51

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Zia Michelina: secondo voi sul finale Pirandello è d'accordo con quello che pensano le vicine della zia oppure è dalla parte della zia? Che se si sente madre, non può fare la moglie dello stesso uomo ... non mi sembra così difficile da capire . Potrebbe strappare una risata, ma a me ha fatto più rabbia . Cmq l'ho apprezzato lo stesso.

    Il professor Terremoto: bel dilemma morale sulla figura dell'eroe si/ci pone Pirandello . Terremoto perpetuo è rimasta la mia vita
    Secondo me Pirandello è d'accordo con quello che pensano le donnine del finale... egli con i suoi personaggi è sadico e diabolico e ama distruggerli specialmente quando sono virtuosi (vedi l'Uomo Solo, in cui il protagonista aveva solo la "colpa" di amare sua moglie e di non sopportare il suo abbandono)... finora ho visto che ha avuto pietà solo della teen ager de La veste lunga!

  • #52
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14603
    Thanks Thanks Given 
    1170
    Thanks Thanks Received 
    941
    Thanked in
    655 Posts

    Predefinito

    @ Dallolio

    Toglimi una curiosità personale:
    ma perché stai leggendo così random ?
    C'è un motivo particolare per quest'opera oppure fai sempre così con le raccolte di racconti?

    Io non ci riuscirei , ma tu cmq fai pure come preferisci.
    Qui siamo per la libertà di lettura .

    Io e darida abbiamo iniziato con La rallegrata perché Spilla era già avanti, ma in futuro vorrei recuperare anche con le precedenti 2 raccolte, almeno per finire tutto il 1° volume (che a me appunto finisce con la raccolta in corso, L'uomo solo).
    Non so se proseguirò con la prossima raccolta perché sono indecisa sulla sfida, se parteciperò dovrò sospendere (a malincuore) qui.

  • #53

    Predefinito

    Perchè tanto le novelle non hanno nessuna parentela reciprocamente, quindi vado a ispirazione... io penso di continuare anche perchè finalmente utilizzo questo Mammuth comprato quando ero un ragazzo!
    Non abbandonarci Minerva, con un libro di queste ciclopiche dimensioni bisogna farsi coraggio a vicenda =)

  • #54
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5009
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1376
    Thanks Thanks Received 
    821
    Thanked in
    545 Posts

    Predefinito

    Eccomi, Daria, ci sono! Scusate, ho avuto un po' di vicissitudini familiari. Adesso ho qualche giorno di ferie, forse riesco a mettermi in pari.

    Sopra e sotto: un po' come dire: bello fare i filosofi e gli idealisti, ma poi di fronte alla cruda realtà come vi comportereste voi? Pirandello mette a nudo la stupidità di tanti benpensanti
    Un «goj»: chi tace e acconsente sempre non solo non viene preso sul serio, ma nemmeno viene apprezzato per la sua bontà. Va bene il realismo, ma l'idea del presepe disseminato di truppe in assetti da guerra mi ha stretto lo stomaco...
    La patente: che bello, questo racconto! mi son piaciuti i vari giudici e avvocati che girano con amuleti di foggia e dimensione varia appesi al panciotto
    Notte: mi è piaciuto molto, l'ho trovato delicato e vero. Tutti noi a volte la notte fantastichiamo su invenzioni e soluzioni apparentemente perfette che alle prime luci dell'alba si rivelano prive di fattibilità... o no? ;
    O di uno o di nessuno: sull'egoismo umano. Ma la povera madre alla fine è quella che ci rimette per tutti.
    Nenia: non l'ho capito bene, forse sonnecchiavo mentre l'ho letto. Credo di aver pensato che si parlasse di una pena d'amore (forse di un abbandono), ma non ci sono stata troppo su a pensare
    Nené e Ninì: ecco, la patente a questi due pargoletti qui no? più porta-jella di così...
    «Requiem aeternam dona eis, Domine!» non mi ha detto granché. Mi ha ricordato il Pirandello de "I vecchi e i giovani", che tenta di esaminare i motivi dello scontento popolare. M non è questo ciò che sa fare di meglio, secondo me (prof. so che tu la pensi diversamente )

    L'uomo solo: bellissima la prima parte, dove si descrive il vedovo e il suo rapporto con lo scapolo. Poi si perde un po' ed è eccessiva la scena finale del suicidio
    La cassa riposta: quasi un piccolo romanzo. Bellissima la figura dell'avaraccio che "ricicla" la bara della moglie Un ecologista ante-litteram
    Il treno ha fischiato... : questo me lo ricordavo. E' Pirandello puro. L'uomo che finalmente vede e comprende e può scrollarsi di dosso le convenzioni e le regole del vivere civile. Bello!
    Zia Michelina: anche questo è articolatissimo! non mi pare che Pirandello condanni il comportamento di Michelina, anzi! E' l'unica che non pensa al proprio tornaconto, che vive i quoi sentimenti in maniera autentica. Ovviamente il mondo la schiaccia proprio per questo, succede anche ne
    Il professor Terremoto, dove l'eroe di un giorno è destinato al sacrificio perpetuo

  • #55
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5009
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1376
    Thanks Thanks Received 
    821
    Thanked in
    545 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dallolio Vedi messaggio
    Secondo me Pirandello è d'accordo con quello che pensano le donnine del finale... egli con i suoi personaggi è sadico e diabolico e ama distruggerli specialmente quando sono virtuosi (vedi l'Uomo Solo, in cui il protagonista aveva solo la "colpa" di amare sua moglie e di non sopportare il suo abbandono)... finora ho visto che ha avuto pietà solo della teen ager de La veste lunga!
    Ma sei sicuro? Io ho sempre pensato il contrario, cioè che Pirandello provi una pietà infinita (magari un po' stizzosa e amara, ma sempre pietà) per i suoi personaggi, specie per gli "incolpevoli". Ritiene che la realtà stessa dell'uomo sia quella di non poter "avere forma", perciò chi è rigido e autodefinitorio viene sempre sconfitto dai fatti. Ma chi non accetta di modificarsi per bontà o per coerenza viene guardato con indulgenza estrema (come ne "L'esclusa", lo conosci?). E' chi è tronfio e pieno di sé a finire sotto le spire della sua implacabile ironia: come Bobbio, o il suocero del "goj".

  • #56
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5009
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1376
    Thanks Thanks Received 
    821
    Thanked in
    545 Posts

    Predefinito

    @Minerva: per me potremmo interrompere dopo questa raccolta e poi darci un nuovo appuntamento per leggere altre due-tre raccolte (magari a fine agosto). Anche io ne approfitterei per completare le prime due raccolte e leggere anche qualcos'altro.

    Sentiamo cosa ne pensano Daria e il prof.

  • #57

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Spilla Vedi messaggio
    Ma sei sicuro? Io ho sempre pensato il contrario, cioè che Pirandello provi una pietà infinita (magari un po' stizzosa e amara, ma sempre pietà) per i suoi personaggi, specie per gli "incolpevoli". Ritiene che la realtà stessa dell'uomo sia quella di non poter "avere forma", perciò chi è rigido e autodefinitorio viene sempre sconfitto dai fatti. Ma chi non accetta di modificarsi per bontà o per coerenza viene guardato con indulgenza estrema (come ne "L'esclusa", lo conosci?). E' chi è tronfio e pieno di sé a finire sotto le spire della sua implacabile ironia: come Bobbio, o il suocero del "goj".
    Io la pietà l'ho intravista in lui, però in certi casi è sadico ed eccessivo, come ne l'Uomo Solo, la novella più triste dell'intera raccolta, mentre in altri magari mostra una maggiore comprensione anche se non esplicitata... anche se forse è la mia impressione la mia è sempre stata che nel teatro e nei romanzi il sadismo si attenuasse perchè tutti i personaggi ottengono una sorte di riscatto, anche solo data dal titanismo dell'affermazione del loro sè... penso a Leone Gala, a Serafino Gubbio, a Mattia Pascal, sicuramente all'Esclusa.
    Insomma io vedo l'atteggiamento Pirandelliano sintetizzabile nella novella Maestro di Musica: prima ci viene delineato un personaggio coerente, per cui non si può non provare tenerezza, e poi lo si fa morire preso in giro e beffato... Aspettiamo Darida, mi vanno bene entrambi le opzioni, sia quella di proseguire con le altre novelle che quella di interrompere dopo alla fine de l'Uomo Solo.

  • #58
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6111
    Thanks Thanks Given 
    232
    Thanks Thanks Received 
    346
    Thanked in
    175 Posts

    Predefinito spoiler

    Il professor Terremoto - sulle conseguenze del gesto eroico-piaciucchiato...

    La veste lunga - bella novella breve e completa. oddio, il suicidio finale della giovinetta casuale quanto basta per reggere la storia di una analisi-percezione del futuro tanto profonda quanto priva di esperienza....ce la poteva risparmiare, o deve sempre finire in tragedia? io non ci vedo salvezza in questo
    (comunque, preferisco l'autore in mod." riso sardonico" )

    ...

    1- continuerei a leggere anche dopo la fine di questa raccolta, ma vorrei farlo con voi...quindi mi adatto ai vostri impegni librosi
    2- sono d'accordo sul fatto che le novelle possano anche essere lette a caso, tuttavia il sistema di Dallolio mi turba non poco ma mi adatto anche a questo

  • #59

    Predefinito

    Ti spiego il mio metodo nella sua interezza: ho letto la Rallegrata non in fila perchè alcuni titoli mi ispiravano più di altri, poi a un certo punto sono passato all'Uomo solo perchè mi attirava il titolo, ma quando chiuderemo le avrò finite entrambe... è il destino che mi guida!
    Io mi prostro ai vostri desideri sulla prosecuzione delle novelle o no, io proseguirei anche volentieri, per ora non ho altri impegni librari (ho già finito Il viaggio e La Giara prima del Gdl)...

  • #60
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5009
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1376
    Thanks Thanks Received 
    821
    Thanked in
    545 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dallolio Vedi messaggio
    Io la pietà l'ho intravista in lui, però in certi casi è sadico ed eccessivo, come ne l'Uomo Solo, la novella più triste dell'intera raccolta, mentre in altri magari mostra una maggiore comprensione anche se non esplicitata... anche se forse è la mia impressione la mia è sempre stata che nel teatro e nei romanzi il sadismo si attenuasse perchè tutti i personaggi ottengono una sorte di riscatto, anche solo data dal titanismo dell'affermazione del loro sè... penso a Leone Gala, a Serafino Gubbio, a Mattia Pascal, sicuramente all'Esclusa.
    Insomma io vedo l'atteggiamento Pirandelliano sintetizzabile nella novella Maestro di Musica: prima ci viene delineato un personaggio coerente, per cui non si può non provare tenerezza, e poi lo si fa morire preso in giro e beffato... Aspettiamo Darida, mi vanno bene entrambi le opzioni, sia quella di proseguire con le altre novelle che quella di interrompere dopo alla fine de l'Uomo Solo.
    Sì, sul fatto che sia spesso eccessivo sono d'accordo. Magari è un modo per "svegliare" il lettore (dell'epoca) e far passare prima il messaggio? Forse nel teatro i personaggi sono un po' più sfaccettati, non saprei dirlo bene perché non amo leggere testi teatrali (nemmeno quelli del mio amato Pirandello :mrgreen ) e le tre o quattro opere che ho letto non le ricordo bene. Credo si possano vedere entrambe le cose (sadismo e pietà) a seconda di come lo si legge. Io continuo a sentire profondamente la seconda. Però, a ben pensarci, nella Veste lunga ci sono entrambe: pietà per la ragazza e un acidissimo sfottò a padre e fratello che la sacrificano ai propri interessi economici

    I nostri ricordi... eccessivo, anche stavolta, ma vero: i nostri ricordi ci ingannano spesso, ce ne accorgiamo solo quando li affrontiamo. Triste.

  • Pagina 4 di 54 PrimoPrimo 1234567891011121314 ... UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Pirandello, Luigi- La Giara ed altre novelle
      Da elesupertramp nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 09-17-2016, 07:53 PM
    2. Pirandello Luigi
      Da alessandra nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 06-03-2013, 12:24 PM
    3. Pirandello, Luigi - La giara
      Da Masetto nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 9
      Ultimo messaggio: 05-30-2013, 10:45 PM
    4. Pirandello, Luigi - L'esclusa
      Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 15
      Ultimo messaggio: 06-01-2012, 06:55 PM
    5. Pirandello, Luigi - L'umorismo
      Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 07-20-2008, 08:23 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •