Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

- Hannah Arendt

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Von Trotta, Margarethe - Hannah Arendt

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1577
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    15
    Thanked in
    10 Posts

    Predefinito Von Trotta, Margarethe - Hannah Arendt

    Il film ripercorre gli anni della Arendt che vanno dal 1960 al 1964 e che la vedono come una donna appagata,tra suo marito,l'attività di scrittrice,l'insegnamento in una famosa università,la sua cerchia di amici intellettuali.Nel 1961 il servizio segreto Israeliano cattura Adolf Eichmann uno dei più feroci criminali nazisti,responsabile insieme ad altri della cosiddetta "soluzione finale"cioè della deportazione e dell'uccisione di 6 milioni di ebrei.
    Hannah decide di assistere al processo,che si tiene a Gerusalemme,in qualità di reporter del New Yorker.Quello che la scrittrice si trova davanti ,rinchiuso in una gabbia di vetro è un piccolo,insignificante burocrate che ripete di essere stato solo un esecutore di ordini.

    "Eichmann ist kein Mefisto" Eichmann non è un demonio!la voce di Barbara Sukova l'intensa protagonista del film,risuona davanti agli occhi stupiti dei suoi amici,immigrati tedeschi come lei,o americani come la scrittrice Mary Mc Carthy.Anche la comunità ebraica di tutto il mondo non riesce ad accettare questa tesi,esposta nei cinque articoli sul processo Eichmann. Più che da un intenzione malvagia e perversa,L'OLOCAUSTO E'NATO DALL'OBBEDIENZA INCONSAPEVOLE AD UN SISTEMA GERARCHICO al quale era difficilissimo resistere.
    Accusata di antisemitismo ed insensibilità di fronte all'immenso dramma della Shoah la vicenda Eichmann conferma quello che lei aveva scritto e scriverà fino all'anno della sua morte:
    IL MALE NON E' UN LUOGO INTERIORE ,METAFISICO,MA ESTERNO,SOCIALE,STRUTTURATO; NON ESISTONO BUONI O CATTIVI MA UNA ZONA GRIGIA DELLA COSCIENZA
    CHE ACQUISTA A POCO A POCO SPAZIO E POTERE:ACQUISTANDO POTERE, PRODUCE VIOLENZA
    Decisamente bel film con l'uso frequente di footage con immagini vere del processo.
    Ultima modifica di alessandra; 02-04-2015 alle 09:16 PM. Motivo: correzione titolo

  2. #2
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    133
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Monica Vedi messaggio
    Hannah Harendt - Hadolf Heichman
    Ti correggo i nomi! Hannah Arendt e Adolf Eichmann

    PS bene... mi sa proprio che non posso non vederlo, visto quanto mi è piaciuto il libro!

  3. #3
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10199
    Thanks Thanks Given 
    379
    Thanks Thanks Received 
    413
    Thanked in
    293 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Ti correggo i nomi! Hannah Arendt e Adolf Eichmann

    PS bene... mi sa proprio che non posso non vederlo, visto quanto mi è piaciuto il libro!
    Corretti
    Questo film ha suscitato in me una serie di riflessioni, che in effetti si riconducono ad una sola: che significa, in realtà, questa frase "L'Olocausto è nato dall'obbedienza inconsapevole ad un sistema gerarchico al quale era difficilissimo resistere?"
    Hannah Arendt considera Eichmann meno mostruoso per il fatto di essere solo un mediocre esecutore di ordini o è vero l'esatto contrario? Secondo lei, il fatto che Eichmann fosse tale sminuisce, in qualche modo, le sue azioni in quanto non frutto della sua volontà?
    Perché "obbedienza inconsapevole"?
    Per Hannah Arendt la "zona grigia della coscienza" esiste in tutti gli individui? Ossia, chiunque, secondo la sua teoria, potrebbe agire come Eichmann?

    Non esistono buoni e cattivi
    be', almeno Hitler sarà stato cattivo, visto che da lui è partita la mostruosità e la follia.
    E ancora: è davvero così difficile resistere ad un sistema gerarchico perverso? Se ci si pensa, tutto ciò è spaventosamente inquietante, ma lo è altrettanto il pensiero che si possa non dico giustificare ma, in qualche modo, sminuire l'atrocità di certe intenzioni (non dei risultati, certo!).
    Nonostante questa confusione, io ho guardato il film dal punto di vista di Hannah, poiché, dapprincipio, in me ha prevalso il pensiero che il suo intento fosse unicamente quello di sottolineare, appunto, "la banalità del male" e di mettere in guardia l'uomo contro di essa. Le perplessità sono venute dopo.



  4. #4
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18810
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    640
    Thanked in
    382 Posts

    Predefinito

    Prova superlativa della protagonista Barbara Sukova, il fulcro del film è la libertà di pensiero, pur scorretto, controcorrente, politically incorrect, Hannah Arendt è una donna che ha avuto il coraggio di andare controcorrente, accettare l'ostracismo di molti, l'allontanamento degli amici più cari, pur di ribadire il diritto di esporre il proprio pensiero da filosofa senza condizionamenti. Il film, pur nella sua costruzione poco propensa allo spettacolarismo, è appassionante.

Discussioni simili

  1. Von Trier, Lars - Melancholia
    Da El_tipo nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 01-12-2013, 05:59 PM
  2. Wright, Joe - Hanna
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-09-2012, 11:31 AM
  3. von Leitner, Karl - La crociata
    Da fabiog nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-17-2010, 10:53 PM
  4. Von Trier, Lars - Idioti
    Da elisa nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 10-08-2010, 04:12 PM
  5. Von Trier, Lars
    Da Darkay nel forum Tutto cinema
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 05-18-2009, 08:04 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •