La narrazione.
Il narratore della vicenda ci racconta come da bambino non amasse molto i libri e ciò che fece cambiare le cose fu la lettura ad alta voce da parte di suo padre del romanzo The princess bride di Morgestern. Il padre, un barbiere semianalfabeta per la lingua inglese, glielo lesse interpretandolo e tenendo le cose più essenziali, che maggiormente potessero attirare l'interesse di un ragazzo.
Il libro quindi è la narrazione dello stesso Morgenstern epurata dalle parti da adulti... ciò che ne deriva è un guazzabuglio di fantasia, esilarante e avvincente.
Si intrecciano infatti:
1) Il testo originale di Morgestern, con le sue riflessioni demenziali sulla storia dei personaggi.
2) Le digressioni del narratore sulla propria famiglia e le proprie esperienze.
3) I tagli e l'impostazione data dal padre e trasmessa dal narratore.

SPOILER
L'intreccio narrativo trova il suo apice nel finale, dove si sovrappongono tre finali differenti che lasciano di fatto il lettore libero di scegliere quello che desidera.

Contenuti.
La fabula del romanzo è la seguente: La bella Buttercup si innamora del suo stalliere,al contempo vittima e suo ideale erotico, ma per troppo amore egli decide di andarsene a veleggiare nei mari su navi pirati... a questo punto Buttercup subisce la corte spietata del Principe di Florin, cedendogli per vuotezza e struggimento dell'assenza dello stalliere. Ella verrà rapita da un comico trio di assassini e verrà salvata da un misterioso uomo in maschera, che...

Commento
Testo divertentissimo, ironico e spensierato... al termine della lettura si ha l'impressione di essere vittima di una giarda o di essere stati giulebbati, consigliatissimo per unire il disincanto dell'adulto al fascino che sempre il bambino subisce.

Voto: 10
Consigliato

P.s. da questo libro è stato tratta un film di breve successo, piacevole.