Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Stanza, letto, armadio, specchio

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Donoghue, Emma - Stanza, letto, armadio, specchio

  1. #1

    Predefinito Donoghue, Emma - Stanza, letto, armadio, specchio

    Room (2010)

    Mamma e figlio sono costretti a vivere dentro una stanza.
    Il bambino ci è nato nella stanza e non conosce nulla del mondo esterno.
    Una volta a settimana un uomo porta il cibo e fa sesso con la donna, mentre il bimbo è chiuso nell'armadio.
    La fantasia della madre le permette di crescere suo figlio in una situazione altrimenti insostenibile.


    E' un horror a suo modo.
    Non eccezionale, ma l'idea di base ottima, le trovate originali e la sua scorrevolezza lo hanno reso un bestseller internazionale.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2015
    Località
    surana city
    Messaggi
    903
    Thanks Thanks Given 
    44
    Thanks Thanks Received 
    59
    Thanked in
    39 Posts

    Predefinito

    Jack ha 5 anni,e vive nella stanza,conosce solo la stanza,letto,armadio,cassettone,vasca ecc conosce solo le cose che può toccare,questo è tutto il suo mondo,tutto quello che conosce,tutto quello in cui crede eè racchiuso in questa stanza.
    Jack conosce solo un altra persona,la sua mamma,che chiama Ma',lei ha 27 anni,ed è stata rapita a 19 anni e portata in questa stanza,in un capanno e ha subito e subisce tuttora violenze fisiche e psicologiche,Jack è biologicamente figlio dell'uomo che l'ha rapita,che loro chiamano Old Nick,ma in realtà è figlio di Ma',che lo protegge e inventa giochi per lui,con molta fantasia lei riesce a traformare tutto in un gioco,e cosi i gusci delle uova diventano un lungo serpente e i rotoli della carta igenica un fortino con cui Jack può giocare e anche la stanza,squallida e minuscola è un intero mondo per Jack,e solo la sera il bimbo si deve nascondere nell 'amadio,perchè arriva lui,il mostro,dal quale la madre lo protegge,arriva per abusare della sua mamma,anche se Jack è troppo piccolo per capirlo,fino a quando Old Nick arrabbiato toglie loro anche il riscaldamento e Ma' decide che è il momento,devono scappare,deve proteggere Jack,deve riuscire a salvare almeno lui.
    Un romanzo toccante,che commuove,ben scritto e scorrevole,difficile da abbandonare ti costringe a leggerlo tutto d'un fiato.
    I personaggi sono veramente "umani",impossibile non provare empatia per questa ragazza,di cui non scopriremo neppure il nome,ma che riesce ad amare in maniera immensa il suo bambino,frutto di un esperienza dolorosa e reiteratamente continuata nel tempo.
    L'ho trovato davvero molto bello,devo dire che ho visto anche il film e merita.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    241
    Thanks Thanks Given 
    372
    Thanks Thanks Received 
    149
    Thanked in
    108 Posts

    Predefinito

    Jack ha cinque anni e la Stanza è l'unico mondo che conosce. È il posto dove è nato, cresciuto, e dove vive con Ma': con lei impara, legge, mangia, dorme e gioca. Di notte Ma' chiude al sicuro nel Guardaroba, e spera che lui dorma quando il Vecchio Nick va a fare loro visita. La Stanza è la casa di Jack, ma per Ma' è la prigione dove il Vecchio Nick li tiene rinchiusi da sette anni. Grazie alla determinazione, all'ingegnosità, e al suo intenso amore, Ma' ha creato per Jack una possibilità di vita. Però sa che questo non è abbastanza, né per lei né per lui. Escogita un piano per fuggire, contando sul coraggio di Jack e su una buona dose di fortuna, ma non sa quanto potrà essere difficile il passaggio da quell'universo chiuso al mondo là fuori... Il romanzo che ha ispirato il film "Room".

    E' un romanzo che si legge d'un fiato, sconvolgente, raccontato attraverso gli occhi innocenti del bambino, per il quale la Stanza rappresenta il suo mondo, e il Fuori non esiste.
    Il rapporto madre figlio è simbiotico, e per Jack, che ignora che al di là delle sue quattro mura esiste un mondo vastissimo, vivere nella Stanza non è una sofferenza: è il mondo là fuori che lo terrorizza letteralmente, quando finalmente scopre che ne esiste uno.

    Credo che la scelta di Emma Donoghue di far interamente raccontare questa vicenda claustrofobica a un bimbo di cinque anni abbia prodotto un risultato sorprendente, da un lato, ma anche un po' superficiale dall'altro: il linguaggio e i ragionamenti di un bimbo di 5 anni non possono essere sufficienti a rendere una situazione così complessa, la sofferenza della madre arriva solo a tratti.


    "Abbiamo migliaia di cose da fare ogni mattina, per esempio dare una tazza d’acqua a Pianta dentro Lavandino, per non bagnare in giro, e poi dobbiamo rimetterla sopra Cassettone sul suo piattino. Pianta viveva sopra Tavolo, ma la faccia gialla di Dio le ha bruciato una foglia. Quella foglia è caduta, ma ne sono rimaste nove, grandi come la mia mano e tutte pelose, come un cane, dice Ma’. Però i cani ci sono solo in Tv. Non mi piace il numero nove. Trovo una fogliolina che sta spuntando, e allora il totale fa dieci."


    “Noi non apparteniamo a lui”.
    “Giusto.”
    Il dottor Clay sorride. “Sai a chi appartieni, Jack?”
    “Sì-ì.”
    “A te stesso.”
    "Si sbaglia, io appartengo a Ma'."

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4455
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    812
    Thanks Thanks Received 
    501
    Thanked in
    343 Posts

    Predefinito

    Ho trovato questo libro bellissimo, e se qualche pecca rimane (specie nel finale), la si perdona all'autrice, perché il tentativo di filtrare la realtà attraverso lo sguardo ed i pensieri di un bambino di 5 anni è complesso e coraggioso (e qui piuttosto riuscito, a mio parere).
    Il dramma dell'essere "fuori" è trattato in modo troppo sbrigativo, ma ciò non toglie che il libro faccia riflettere su vari temi, tutti difficili.

  5. The Following User Says Thank You to Spilla For This Useful Post:


Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Austen, Jane - Emma
    Da ~ Briseide nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 03-05-2016, 06:01 PM
  2. Dante, Emma - Via Castellana Bandiera
    Da giovaneholden nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 10-04-2013, 03:52 PM
  3. McGrath, Douglas - Emma
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 02-21-2013, 11:06 AM
  4. Locatelli, Emma - Maleficus
    Da kikko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-13-2010, 07:35 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •