Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Dizionario delle cose perdute

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Guccini, Francesco - Dizionario delle cose perdute

  1. #1
    Tanny
    Data registrazione
    May 2014
    Località
    Al largo dei bastioni di Orione
    Messaggi
    735
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Guccini, Francesco - Dizionario delle cose perdute

    Descrizione (fonte ibs.it)
    Una volta, c'era la banana: non il frutto amato dai bambini, bensì l'acconciatura arrotolata che proprio i bimbi subivano e detestavano ma che veniva considerata imprescindibile dai loro genitori. I quali, per bere un buon espresso, dovevano entrare al bar e chiedere un "caffè caffè", altrimenti si sarebbero trovati a sorbire un caffè d'orzo. Una volta, per scrivere, non c'erano sms o e-mail, ma si doveva dichiarare guerra ai pennini e uscire da scuola imbrattati d'inchiostro da capo a piedi. Una volta, si poteva andare dal tabacchino, comprare una sigaretta - una sola - e fumarsela dove meglio pareva: non c'erano divieti, e i non fumatori erano una gran brutta razza. Una volta, i bambini non cambiavano guardaroba a ogni stagione, andavano in giro con le braghe corte anche d'inverno e - per assurdo contrappasso - col costume di lana d'estate. Una volta, la Playstation non c'era, si giocava tutto il giorno per strada e forse ci si divertiva anche di più. Una volta, al cinema pioveva... Con un poco di nostalgia, ma soprattutto con la poesia e l'ironia della sua prosa, Francesco Guccini posa il suo sguardo sornione su oggetti, situazioni, emozioni di un passato che è di ciascuno di noi, ma che rischia di andare perduto, sepolto nella soffitta del tempo insieme al telefono di bachelite e alla pompetta del Flit. Un viaggio nella vita di ieri che si legge come un romanzo: per scoprire che l'archeologia "vicina" di noi stessi ci commuove, ci diverte, parla di come siamo diventati.


    Questo libro a mio modestissimo parere è una suggestiva finestra prospicente sul nostro recente passato, a mio avviso dovrebbe essere letto soprattutto dai più giovani (come me, anche se non mi considero propriamente un giovane) che per ragioni anagrafiche non hanno ricordi di simili oggetti, ma anche dalle persone che certe cose le hanno vissute; durante la lettura quando fra le varie cose descritte mi si apriva un cassetto della memoria esclamavo fra me "questo lo conosco" oppure "ne avevo uno!", "l' ho usato!", viaggiando con la memoria ai temi della mia fanciullezza.
    E' un libro molto leggero e divertente, la cosa che mi ha affascinato maggiormente è la magistrale conoscenza della lingua italiana, ho dovuto ricorrere più volte all'utilizzo del dizionario; Guccini oltre ad aver composto delle canzoni con dei testi che possono essere definiti poesie, mi ha stupito anche come scrittore, non oso nemmeno paragonarlo con altri autori in quanto il libro un questione è un testo "leggero" che non ha nulla a che vedere con un opera letteraria, ma questo testo e mi ha ancor più convinto che Francesco Guccini è un artista a tutto tondo, non solo in campo musicale.
    Ultima modifica di Le porte di Tannhauser; 09-07-2014 alle 04:34 PM.

  2. #2
    Viôt di viodi
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Estremo Oriente
    Messaggi
    5729
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    81
    Thanked in
    52 Posts

    Predefinito

    Libricino nostalgico e divertente. Veramente leggendolo ricordi cose che hai visto e usato nel tuo passato di cui ti sei dimenticato.

Discussioni simili

  1. Guccini, Francesco
    Da elisa nel forum Musicando parlando discutendone
    Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 01-16-2015, 06:41 PM
  2. Patierno, Francesco - Cose dell'altro mondo
    Da Minerva6 nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-21-2012, 03:17 PM
  3. Guccini, Francesco - Vacca d'un cane
    Da Robby nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 08-21-2009, 05:15 PM
  4. Camilleri, Andrea - Il Corso delle Cose
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 05-13-2009, 02:56 PM
  5. Bergstrom, eLaine - L' arazzo delle anime perdute. Le nebbie di Raveloft. Vol. 3
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 04-22-2009, 12:13 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •