Ecco la trama:
"Alice è una ventenne figlia di genitori separati. Si veste secondo la moda punk, è daltonica, ha sette tatuaggi, il settimo con la scritta "per sempre". Lavora in un call center, ha un ex fidanzato, la malattia del sonno e fa strani sogni in cui folle umane disperate chiedono il suo aiuto per essere salvate. Alice è una medium? Qualcosa di più. Questa ragazzina sventata ma dall'animo innocente è stata forse investita di una missione epocale dallo stesso Gesù, che lei vede in sogno e che sembra volere qualcosa da lei. E la sua vita improvvisamente cambia, così come cambiano le persone intorno a lei: amici, parenti, estranei, tutti coinvolti in una ragnatela di segni inquietanti."

Forse sono partito con troppe aspettative. Il libro però sembra non decollare mai. Alcune parti sono incantevoli ed emozionanti (ad esempio, la dichiarazione di Felice ad Alice), ma la storia si spegne. Alcuni temi, come la presenza di Gesù, l'amore per Edo sono solo accennati. Altri personaggi (come Debora e Romano, i neri della Cayenna, ...) entrano ed escono. L'idea è notevole......ma alla fine sembra che Alice viva solo allucinata tra psicofarmaci e cocaina. Delusione.