TRAMA:

Quando Buckingham Palace annuncia che gli animali esotici verranno trasferiti dallo zoo alla Torre di Londra, alla guardia Balthazar Jones, proprietario della tartaruga più vecchia del mondo, viene conferito il prestigioso incarico di occuparsi della faccenda. Ma la Torre di Londra è già abitata, in verità, da altri esotici individui, fra cui il reverendo Septimus Drew, scrittore nottetempo di romanzi erotici, il guardiano dei corvi, che sorveglia i maestosi pennuti senza i quali la Corona britannica è destinata a cadere, Ruby Dore, la cameriera dell'amena locanda Rack & Ruin;, per non parlare dello stesso Mr Jones e della moglie greca Hebe, impiegata all'ufficio oggetti smarriti della metropolitana. Una volta era la casa anche del figlio Milo, ma poi arrivò quel giorno terribile il cui ricordo ancora opprime entrambi. Forse le nuove incombenze e l'afflusso di pubblico riusciranno a salvare Balthazar Jones dal peso del passato... ma lui riuscirà a salvare il suo matrimonio e a tenere insieme la sempre più rissosa comunità della Torre? Tenero, divertente, commovente, "Mr Jones e lo zoo della Torre di Londra" racconta di luoghi e personaggi tanto eccentrici e particolari quanto sono universali le passioni e i sentimenti che li animano.

COMMENTO:

Iniziando a leggerlo si rimane un po' sconcertati; il racconto è stravagante e irreale. Poi emerge il "vero" racconto, fatto di sentimenti e rapporti umani. Il dolore che sostenuto in solitudine anzichè condiviso è insopportabile. Strani personaggi, ma sentimenti autentici.