Meggie sa che può farlo, perché ha lo stesso prodigioso dono del padre Mo. Ma tornare indietro può diventare molto difficile, e lei sta per scoprirlo: per aiutare l'amico Farid a ritrovare il suo maestro Dita di Polvere, si è tuffata insieme a lui nel Mondo d'inchiostro, rimanendovi intrappolata. Amici, nemici, amori da perdere e ritrovare, fughe, incendi, scambi di persona e duelli: ecco cosa aspetta Meggie "dall'altra parte". Un libro di penna e spada, carta e fuoco, sangue e inchiostro: difficile non finirci dentro! Dopo Cuore d'inchiostro tornano Lingua di Fata, Resa e Fenoglio, perché "le storie non finiscono mai con l'ultima pagina".

Rispetto al primo libro, in questo lo scenario cambia completamente e la storia questa volta non è più ambientata nel nostro mondo, ma nel mondo d'inchiostro. Che dire... è stata una lettura appassionante ed avvincente dall'inizio alla fine!
Non solo vi è una trama ben sviluppata, con dei personaggi realistici e di spessore, ma i risvolti della storia sono imprevedibili e tutt'altro che banali e questo lo differenzia palesemente rispetto alla maggior parte dei romanzi per ragazzi dove di solito vi è una certa ingenuità dei contenuti e dei finali convenzionali e piatti.