Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Felici senza ferrari

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Koike, Ryunosuke - Felici senza ferrari

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Koike, Ryunosuke - Felici senza ferrari

    Il concetto fondamentale del libro non è la promozione della povertà, ma di un'umiltà sostanziosa. Lo scrittore è un monaco giapponese che nella vita di tutti i giorni sperimenta quanto sia importante liberarsi dall'attaccamento al desiderio di comprare oggetti inutili. All'opposto, va compreso che anche il risparmiare, diventando avari, è un modo per rimanere attaccati al desiderio.
    Il libro è rivolto ai giapponesi, ma a mio parere è valido anche per tutti i paesi ricchi, europei compresi, ovvero quelli che si stanno vivendo un periodo di forte crisi ma che comunque hanno il maggior numero di persone che possono godere di una buona vita e comprare cose rispetto al resto del mondo. Secondo l'autore mentre gli abitanti delle nazioni emergenti, Cina in primis, sono ancora immersi nel desiderio di ricchezza, dunque nell'illusione, i giapponesi hanno l'opportunità, mai avuta prima, di abbandonare rapidamente queste fantasie e di riorganizzare la propria scala di valori. Il pregio di essere parte di un'economia ricca è la possibilità di accorgersi che i soldi non sembrano comunque renderci felici. Koike fa così il paragone con il Buddha, che a differenza di Gesù e di Maometto, si è trovato in una posizione privilegiata, perchè nato e vissuto da ricco, ma è stato capace di accorgersi nonostante tutto che i soldi e il desiderio non servivano per essere felici.
    Dunque, scrive Koike, se spaventati dalla crisi ci mettiamo a risparmiare su tutto e ci facciamo dominare dall'attaccamento al denaro, rischiamo di tornare all'illusione del desiderio e finiamo per sprecare questa preziosa opportunità che ci viene data ora. Ovvero quella di fare un inversione di marcia, smascherando i meccanismi che regolano il desiderio e superandoli, arrivando così ad un'umiltà sostanziosa. Ciò non significa diventare poveri, ma acquistare soltanto ciò che ci serve realmente, senza buttarsi su prodotti scadenti perchè costano poco, ma comprando solo le cose di cui si hanno realmente bisogno indipendentemente dal prezzo. Liberati dal desiderio (comprare cose inutili e all'opposto risparmiare), si punta soltanto sulla qualità e sulla necessità.
    Ultima modifica di Apart; 12-18-2014 alle 01:05 PM.

Discussioni simili

  1. Ormezzano, Gian Paolo - Pronto, qui Enzo Ferrari...
    Da alisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-13-2012, 09:09 AM
  2. Ferrari, Giorgio - Le cinque giornate di Radetzky
    Da maurizio mos nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-04-2012, 06:28 PM
  3. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-07-2011, 10:18 AM
  4. Risposte: 52
    Ultimo messaggio: 02-15-2010, 06:04 PM
  5. Ferrari, Pinuccia - Gattoterapia
    Da mìmir nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-28-2009, 09:40 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •