Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Mappa del nuovo mondo

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Walcott, Derek - Mappa del nuovo mondo

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18915
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito Walcott, Derek - Mappa del nuovo mondo

    Sono nessuno o sono una nazione»: questo verso può valere come epigrafe per tutta l’opera di Walcott. Della quale si può dire, innanzitutto, che ci offre la forma più alta, oggi, della lingua inglese – forse anche perché proviene da quei luoghi dove «il sole, stanco dell’impero, tramonta», da una immensa periferia marina, i Caraibi, dove quel sole, tramontando, «porta all’incandescenza un crogiolo di razze e di culture» (Brodskij). «Io sono soltanto un negro rosso che ama il mare» dice un altro verso, ma (leggiamo altrove) uno i cui «occhi ardevano per la prosa cinerea di John Donne». Già questa congiunzione di elementi, questa somma di tribù divise nelle stesse vene, e insieme la stupefacente felicità verbale, la capacità di nominare le cose come in un remoto e scintillante «canto dei marinai» rendono unico Walcott e rimandano alla più sobria e precisa descrizione che a lui ha dedicato il suo critico, ma anche poeta, più congeniale, Iosif Brodskij: «Walcott non è un tradizionalista né un “modernista”. A lui non si adatta nessuno degli “ismi” disponibili e degli “isti” che ne conseguono. Non appartiene a nessuna “scuola”: non ce ne sono molte nei Caraibi, se si eccettuano quelle dei pesci. Si sarebbe tentati di chiamarlo un realista metafisico, ma il realismo è metafisico per definizione, così come vale l’inverso. E poi, è un’etichetta che saprebbe troppo di prosa. Walcott può essere naturalista, espressionista, surrealista, imagista, ermetico, confessionale – a scelta. Semplicemente, egli ha assorbito, al modo in cui le balene assorbono il plancton o un pennello assorbe la tavolozza, tutti gli idiomi stilistici che il Nord poteva offrire: adesso cammina con le sue gambe, e a grandi passi». (quarta di copertina)

    Poeta sublime capace di raccontare attraverso i suoi versi un'intero mondo, compreso il nostro.

    L'aspro sapore del mare

    Quella vela piegata dalla luce,
    stanca d'isole,
    una goletta che batte il Mar dei Caraibi

    per ritornare, potrebbe essere Odisseo
    diretto a casa attraverso l'Egeo:
    quel desiderio di padre e di marito,

    sotto l'aspro livore della vecchiezza,
    è come l'adultero che sente il nome di Nausicaa
    in ogni grido di gabbiano.

    E questo non assicura la pace. L'antica guerra
    tra ossessione e responsabilità
    non può finire ed è la stessa

    per il naufrago e per chi sul lido
    ora infila i piedi nei sandali per rientrare
    da quando Troia ha spirato l'ultima fiamma

    e il macigno del cieco ciclope ha alzato le acque
    dalle cui ondate i grandiosi esametri giungono
    alle conclusioni dell'esausta risacca.

    I classici possono consolare. Ma non abbastanza.


  2. #2

    Predefinito

    Grandissimo poeta. Fortuna che almeno di questo si sono ricordati a Stoccolma..

  3. #3
    giovaneholden
    Guest

    Predefinito

    Anni fa ho avuto il piacere di ascoltarlo dal vivo,uno dei maggiori intellettuali della nostra epoca,straordinario poeta che fonde cultura occidentale e caraibica,come nel suo capolavoro in versi Omeros,dove trasporta le vicende omeriche,assieme ad altri filoni narrativi,nei Caraibi,con un verso ispirato alla Commedia di Dante.

  4. #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da giovaneholden Vedi messaggio
    Anni fa ho avuto il piacere di ascoltarlo dal vivo,uno dei maggiori intellettuali della nostra epoca,straordinario poeta che fonde cultura occidentale e caraibica,come nel suo capolavoro in versi Omeros,dove trasporta le vicende omeriche,assieme ad altri filoni narrativi,nei Caraibi,con un verso ispirato alla Commedia di Dante.
    concordo e leggete anche "Isole-Poesie scelte" (Adelphi), 600 pagine di incredibile genio..

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Huxley, Aldous - Il mondo nuovo
    Da klosy nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 08-04-2017, 07:04 PM
  2. Cooper, Glenn - La mappa del destino
    Da Mary70 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-19-2012, 09:21 PM
  3. Walcott, Derek - Amore dopo amore
    Da elisa nel forum Poesia
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-25-2012, 11:56 PM
  4. una mappa del tesoro e un teschio
    Da haldol nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-16-2010, 08:46 PM
  5. Andersen, Kurt - Mondo Nuovo
    Da Silvana nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 09-20-2009, 01:43 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •