Delizioso gioiellino, scoperto per caso. Frequentando poco gli autori di oggi, e ancor meno la letteratura per ragazzi, questo romanzo è stato ancor di più, una graditissima sorpresa. Lo stile è elegante e leggero, e l'impianto teatrale gli conferisce un piglio originale e vivace. La storia, però, è classica che di più non si può, con le ambientazioni, i personaggi, il bon ton e le immancabili proposte di matrimonio che ci riportano alle atmosfere di Jane Austen, e più apertamente della Beatrix Potter immortalata nella pellicola di alcuni anni fa, Miss Potter.
Certo, la modernità di alcune riflessioni della protagonista, e l'audacia (si fa per dir) dell'autrice nello sfiorare temi allora tabù, ci ricordano che il romanzo è stato scritto ai giorni nostri; non si tratta però di un limite, anzi!
Bello anche il finale, forse non così scontato, e un filino anticonvenzionale.
L'unico appunto che mi sento di fare, è per l'editore: il libro è infatti adattissimo ai giovani lettori, certo, ma resto dell'opinione che ad apprezzarlo maggiormente siano le lettrici adulte già sufficientemente avvezze ai grandi romanzi del passato.