Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Catherine Pozzi - Amo colui che non sa

  1. #1
    giovaneholden
    Guest

    Predefinito Catherine Pozzi - Amo colui che non sa

    Amo colui che non sa
    dove condurre i suoi passi;
    destino, non fare
    che un vento lo porti ov'io non sono,
    ti supplico -
    Attribuisci fortuna e sfortuna
    a questo dormiente in egual misura,
    così che finisca sul cuore
    della sua amica.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner

  • #2
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1445
    Thanks Thanks Given 
    1027
    Thanks Thanks Received 
    855
    Thanked in
    592 Posts

    Predefinito

    Stupenda, non conoscevo questa poetessa.

  • #3
    Victorian lady
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    1445
    Thanks Thanks Given 
    1027
    Thanks Thanks Received 
    855
    Thanked in
    592 Posts

    Predefinito

    Di Catherine Pozzi, poetessa francese d’inizio Novecento, restano alcune poesie, ora raccolte in un piccolo libro Nyx e altre poesie, per la collana Acquamarina di Via del Vento Edizioni , con traduzione e cura di Maria Ciardi. Il piccolo libro include un estratto del saggio Pelle d'anima, pubblicato postumo e alcuni cenni critici e biografici. Postumo uscirà anche il Journal, diario che comincia a scrivere dal 1913 fino alla sua morte, nel 1934. In vita, Catherine aveva pubblicato una sola poesia e un solo racconto Agnés. Niente altro. Chi è Catherine Pozzi? Nata sul finire dell’Ottocento, Catherine discende da un’antica famiglia italiana e fa parte dell’alta borghesia parigina.
    A questa condizione di privilegio reagisce da subito in maniera riluttante. Giovane donna, si immerge con passione nelle lettere antiche e nei volumi di scienza che trova nella biblioteca del padre. Paul Valéry parlerà di lei come di «qualcosa che è capitato» nella vita. Qualcosa però di molto intimo, che durerà otto anni e da cui Valery uscirà, a suo dire, provato e sconvolto. Questo «qualcosa» di nome Catherine Pozzi è una poetessa altera e magra. Eterea e un po’ dentona ci sorride da vezzose foto d’epoca. Seduta al pianoforte, a lungo aveva intrattenuto gli amici che i suoi genitori adunavano nel salotto letterario di casa. Non amici comuni, s’intende, ma poeti parnassiani, artisti, letterati, personaggi come Proust, Lorrain, Colette. Catherine partecipa al salotto, osserva e giudica.
    Nel Sonetto per il diplomatico perché smetta di struggersi nella camera gialla , tratteggia un diplomatico «biondiccio quel tanto» che basta a disgustarla: il diplomatico parla forbito, tira in ballo Descartes e Spinoza, ma «è poca cosa il suo cuore su un cuscino arancione…» per Catherine cuore e conoscenza devono andare insieme. Oltre c’è il disgusto. Alla frattura tra cuore e conoscenza Catherine risponde con un tormento senza nome, un tratto visionario e misterico così forte da far paura. E ben presto una diagnosi impietosa completerà l’opera: tubercolosi. Catherine impara giovanissima ad avere a che fare con oppio, morfina ed etere. Malattia e morfina da un lato, chimica e antiche lettere dall’altro. Qualcosa di dotto e di arcaico governa la sua esistenza. Attrazione e isolamento. Amori e ritirate. Oppressa dai suoi fantasmi Catherine prenderà presto distanza da ogni mondanità. E nonostante gli amici influenti, alla fine, 56enne, morirà completamente sola nella sua stanza da bagno, logorata dalla tisi. Sarà tirata fuori da quella stanza dieci giorni dopo la morte, solo grazie all’insistenza d’un vicino sospettoso. Eppure aveva avuto un marito, un figlio, amorose frequentazioni. Aveva incontrato D’Annunzio, Rilke. Poteva contare sull’appoggio di Jean Paulhan, allora direttore della Nouvelle Revue Française . Perché allora quella solitudine? Perché quel negarsi alla scrittura? Perché pubblicare una sola poesia in vita e conservarne sei, soltanto sei, chiamate «le maggiori»?
    La poesia del 21 ottobre 1926 comincia così: «Non avendo assolutamente più alcuna speranza / Non più affidandomi alla comprensione / seduta senza respiro / lei freme / una rosa nel cuore». Ma come? Tutto quell’essere altolocata, tutto quel giovanile luccichìo…dov’era finito? Alle soglie degli anni Trenta Catherine è ritratta scavata, offuscata: ha il respiro debole, fatica a parlare. Nel cassetto conserva solo quelle sei poesie, altamente in bilico tra il formalismo dotto dei poeti parnassiani e la brutalità arcaica dei riti misterici. Dal titolo della sua ultima poesia, Nyx, traspare tutto il suo amore per la Grecia antica e per certe misteriose laminette orfiche , da lei amorosamente tradotte. Le laminette orfiche, risalenti al IV-III sec, sono sottili foglie d’oro che venivano sepolte addosso al defunto. Sulle laminette si trovano iscritte brevi formule oscure, utili al morto per trovare nell’Ade la felicità negata in terra. Foglie, fogli, attraverso i secoli… I pochi fogli che Catherine Pozzi voleva portare con sé si chiudono struggentemente con un «non so: non so di chi sono la preda / non so di chi sono l’amore».

    Articolo di Ida Travi (Il manifesto)
    Ultima modifica di Ondine; 04-26-2018 alle 12:38 AM.


  • Discussioni simili

    1. Bianchini, Luca - Io che amo solo te
      Da malafi nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 01-07-2016, 08:30 PM
    2. Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 05-03-2013, 04:04 PM
    3. Pessoa, Fernando - Amo tutto ciò che è stato
      Da Minerva6 nel forum Poesia
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 10-20-2010, 03:47 PM
    4. Risposte: 6
      Ultimo messaggio: 04-15-2010, 11:14 PM
    5. Amalia Rodrigues - A una terra che amo
      Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Albumeroteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-21-2009, 09:46 AM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •