Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Le confessioni di Max Tivoli

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Greer, Andrew Sean - Le confessioni di Max Tivoli

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Nov 2007
    Località
    Catania
    Messaggi
    2828
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Greer, Andrew Sean - Le confessioni di Max Tivoli

    Apro questo topic senza aver letto il libro, allo scopo di saperne di più.
    Copio e incollo:
    Max Tivoli nasce nel 1871 a settant'anni, quindi sa che morirà nel 1941 - e ha sempre sotto gli occhi la fatidica scadenza, incisa su una catenella d'oro. Siamo di fronte a un personaggio quanto meno insolito, e indimenticabile - una volta tanto questi attributi vanno presi alla lettera -, come è indimenticabile la sua voce, che rapisce fin dalle prime parole di queste Confessioni. Chi è, o meglio che cos'è Max Tivoli? Difficile dirlo, perchè in realtà «non c'è nome per quello che è», per chi, come lui, viene al mondo «dalla fine della vita». Ma che razza di maledizione è diventare giovani, sempre più giovani, col passare del tempo? Scoprire, ad esempio, il sesso con il fisico di un cinquantatreenne e l'esperienza di un castissimo diciassettenne? Se si invecchia dentro e ringiovanisce fuori, la presunta simmetria della vita, l'ordine stesso delle cose risultano invertiti. E Max è destinato a quella cosa stupida, e stupenda, che è dissipare la vita per amore. Per ben tre volte e in tre modulazioni - paterna, romantica (intorno al 1906, per una breve stagione, l'età reale e quella apparente coincidono) e filiale - avrà modo di amare, sempre invano, la donna della sua vita, che non lo riconosce mai come persona nè, poichè rincorre un altro sogno, riconosce in lui la persona da amare. Come ogni grande mostro della letteratura - da Dracula a Dorian Gray -, Max Tivoli rispecchia quel «mostro segreto» che è in noi. E le sue Confessioni, ha scritto John Updike, «hanno il fulgore della poesia e il richiamo incantatorio del dolore».

    «Siamo tutti il grande amore di qualcuno. «Voglio scriverlo, in caso io venga scoperto e non riesca a terminare queste pagine, in caso le mie confessioni vi turbino al punto da gettarle nel fuoco prima che io arrivi a raccontarvi d'amore e di assassinio. E come biasimarvi? Tante cose possono impedire di ascoltare il mio racconto. C'è da spiegare un cadavere. Una donna amata tre volte. Un amico tradito. E un bambino cercato a lungo. Così comincerò dalla fine, dicendovi che siamo tutti il grande amore di qualcuno».


    Una mia amica, la cui fiducia sui suoi gusti letterari è indubbia, me ne ha parlato benissimo ed ero curiosa di sapere se qualcuno di voi l'ha letto.
    Pareri?
    Ultima modifica di Darkay; 07-09-2008 alle 06:35 PM.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    25
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    io ho letto questo libro nell'estate del 2005 e mi era piaciuto molto: lo trovai molto originale, anche se a tratti un pò noioso.
    ma oggi, alla luce delle 13 nomination agli oscar per il film "il curioso caso di benjamin button" con brad pitt, scopro che non è affatto una sceneggiatura originale! questo film, che racconta le vicende di un bambino che nasce vecchio e con il passare degli anni ringiovanisce, è tratto da un racconto breve del 1922 di francis scott fitzgerald!
    quindi il caro greer, fino a prova contraria, sembrerebbe proprio un copione!
    Voi che ne dite?

Discussioni simili

  1. Smith, Andrew - Polvere di Luna
    Da anjo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-08-2007, 07:53 PM
  2. Taylor, Andrew - Il ragazzo americano
    Da Chicca nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-22-2007, 02:46 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •