Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Tra un atto e l'altro

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Woolf, Virginia - Tra un atto e l'altro

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5738
    Thanks Thanks Given 
    1118
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito Woolf, Virginia - Tra un atto e l'altro

    Dalla quarta di copertina :

    Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia.


    Questo libro non l'ho trovato di facile lettura, inoltre, sapendo che era il suo ultimo romanzo, pubblicato postumo....e, sbocconcellando qua e la, pare che la Woolf si fosse divertita a scriverlo, ma non voleva pubblicarlo, l'ho letto con una maggiore curiosità e voglia di capire il " dietro le quinte", vi ho visto il caos, un ordinato caos....si segue un filo... teatro (arte)-vita, realtà-finzione, cosa è vero? niente, è tutto una bugia, solo la fine è vera, è tutto sospeso...sono sospesi i rapporti dei personaggi, i tentativi di parlare, di spiegarsi dei personaggi...il tutto si svolge in una giornata, in un bucolico paesaggio inglese, gli abitanti sembrano non voler sapere che la guerra, la devastazione, sta arrivando, e continuano a fare la vita di sempre, abitudine confermata è mettere in scena una recita teatrale ogni primavera.
    Questa volta il tema è l'Inghilterra, la sua storia, fino ad arrivare al presente....qui gli attori prendono degli specchi,qualsiasi cosa rifletta e saltando e correndo rimbalzano davanti agli spettatori, offrendo loro la propria immagine frammentata, impazzita ...angosciante come immagine, facendo si che l'unica cosa desiderata sia di nuovo l'armonia, la pace .
    Era un un presente carico di tragedia, quello in cui la Woolf scrisse questo romanzo, era il 1939 e venti di guerra soffiavano in tutta Europa. Un presente che la Woolf rende con una cupa e dolorosa sospensione della vita.

  2. #2
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5053
    Thanks Thanks Given 
    128
    Thanks Thanks Received 
    156
    Thanked in
    100 Posts

    Predefinito

    Aggiunto! Grazie, Sally... mi pare che tu abbia adottato la tua figlioccia in modo ineccepibile!!!!
    Se ho intuito bene, questo libri potrebbe piacermi molto...

  3. #3

    Predefinito

    no, fidati è atroce almeno per me, ho amato tutto della Woolf ma questo proprio no

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5738
    Thanks Thanks Given 
    1118
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Aggiunto! Grazie, Sally... mi pare che tu abbia adottato la tua figlioccia in modo ineccepibile!!!!
    Se ho intuito bene, questo libri potrebbe piacermi molto...
    Non saprei Ayu, la Woolf mi è piaciuta in Mrs. Dalloway, in Flush, nella Stanza tutta per se...questo mi è sembrato più ostico degli altri...ho avuto subito l'impressione che fosse un libro "difficile", o almeno, che aveva bisogno di una lettura più attenta...non so se definirlo "atroce", come dice Harry...sicuramente diverso.
    Però, leggilo....mi piacerebbe sentire le tue impressioni su questo libro.

  5. #5
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13812
    Thanks Thanks Given 
    766
    Thanks Thanks Received 
    534
    Thanked in
    394 Posts

    Predefinito

    L'ho potuto apprezzare solo per quello che ha significato per l'autrice. Si tratta dell'ultima opera, scritta prima del suicidio di una donna tormentata che non sapeva più affrontare la vita (almeno credo che si sentisse così). La prefazione mai come in questo caso mi è stata molto utile perchè mi ha permesso di comprendere ciò che voleva creare, altrimenti da sola non si sarei riuscita. Il mio rapporto con Virginia non è mai stato lineare, però questa è davvero la prima volta che non sono riuscita a superare il mio solito blocco iniziale; mi era già successo infatti di dover abbandonare un suo romanzo per poi riprenderlo nel momento giusto per apprezzarlo e comprenderlo, ma stavolta è stata davvero un'impresa ardua. Di certo sarà perché unisce la prosa al teatro e il suo stile, già non sempre scorrevole, qui è ancora più confuso.
    Anche io sono davvero curiosa di leggere la recensione di ayu per scoprire se l'effetto è davvero così "atroce" (come ha detto Harry, io non avrei esagerato tanto) oppure se lei riuscirà a trovarvi qualcosa di positivo (senza però basarsi, come me, sui riferimenti alla vita/morte dell'autrice).

Discussioni simili

  1. Woolf, Virginia - Gita al faro
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 08-17-2016, 02:04 PM
  2. Woolf, Virginia - Le onde
    Da ayuthaya nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 06-12-2016, 02:11 PM
  3. Woolf, Virginia
    Da Darkay nel forum Autori
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 06-01-2016, 02:51 PM
  4. Woolf, Virginia - Orlando
    Da novella76 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-22-2015, 07:37 PM
  5. Woolf, Virginia - Mrs. Dalloway
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 02-20-2015, 02:38 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •