Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Dimentica il mio nome

Mostra risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Zerocalcare - Dimentica il mio nome

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Zerocalcare - Dimentica il mio nome

    Quando l'ultimo pezzo della sua infanzia se ne va, Zerocalcare scopre cose sulla propria famiglia che non aveva mai neanche lontanamente sospettato. Diviso tra il rassicurante torpore dell'innocenza giovanile e l'incapacità di sfuggire al controllo sempre più opprimente della società, dovrà capire da dove viene veramente, prima di rendersi conto di dove sta andando.
    A metà tra fatti realmente accaduti e invenzione, Dimentica il mio nome è un piccolo gioiello narrativo, la conferma, se mai ce ne fosse bisogno, di un talento puro e innegabile.


    sono al quinto e ultimo, per il momento, libro e devo dire che sono lo stile dell'autore è in continua evoluzione: questo ha finalmente la struttura più complessa di un romanzo, interessante, forse meno ironico, ma comunque divertente!

  2. #2
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4270
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    135
    Thanked in
    63 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da velmez Vedi messaggio
    [COLOR="#006400"]Quando l'ultimo pezzo della sua infanzia se ne va, Zerocalcare scopre cose sulla propria famiglia che non aveva mai neanche lontanamente sospettato. Diviso tra il rassicurante torpore dell'innocenza giovanile e l'incapacità di sfuggire al controllo sempre più opprimente della società, dovrà capire da dove viene veramente, prima di rendersi conto di dove sta andando.
    è brutto scoprire che
    la serpentina era incrostata
    già da molto tempo

    e i lavaggi non erano delicati
    per impostazione
    ma per malfunzionamento ...

    ora subentra il timore
    di non essere pronto
    per le centrifughe

    e subire una precoce
    azione di scarico


  3. #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18790
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    E' stata una scoperta che mi ha entusiasmato. Questa graphic novel è una delle migliori che abbia letto, su un tema molto complesso come quello dell'elaborazione del lutto e del recupero della memoria storica. L'autore è un personaggio schivo, che h conosciuto al Festival della letteratura a Mantova ma che riesce a dare grande profondità a quello che fa dimostrando come un giovane autore lontano dalle logiche editoriali può regalare qualcosa di attuale e di estremamente interessante e stimolante.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    E' stato ospite alla Feltrinelli di Milano con Ortolani per l'uscita del nuovo libro: è rimasto fino alle 12.30 a firmare autografi (anche se la feltrinelli chiudeva alle 9!)
    ora grazie a zerocalcare, mi sto appassionando al genere!

  5. #5
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6794
    Thanks Thanks Given 
    36
    Thanks Thanks Received 
    70
    Thanked in
    53 Posts

    Predefinito

    Ce l'ho in lista da un po' ma non so se cominciare dalle prime opere o spararmi subito questa!
    avete consigli??

  6. #6
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18790
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    Posso dirti che questa è l'unica opera che ho letto di lui e ne è valsa la pena. Continuerò con le altre

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da isola74 Vedi messaggio
    Ce l'ho in lista da un po' ma non so se cominciare dalle prime opere o spararmi subito questa!
    avete consigli??
    La mia preferita rimane OGNI MALEDETTO LUNEDì SU DUE, certo i due seguenti (l'ultimo non l'ho ancora preso, spero arrivi a Natale!!) sono più interessanti dal punto di vista dell'evoluzione della storia, ma il terzo è quello che fa più ridere!! ...e rispecchia la mia generazione

  8. #8

    Predefinito

    Leggo sempre con molto piacere i lavori di Zerocalcare sul suo blog, e dopo aver affrontato una sua opera più completa, Kobane Calling, ero molto curiosa di recuperare anche altri suoi libri. Ebbene, ho aspettato diversi giorni per decidermi a scrivere questo commento, semplicemente perché non volevo ammettere di essere rimasta un po' delusa. Sia chiaro, “Dimentica il mio nome” mi è piaciuto, e anche tanto, però ci sono delle cose che hanno continuato ad opporre resistenza, e per quanto io avrei voluto davvero apprezzare in maniera incondizionata questo volume, preferisco essere sincera.*
    Il punto è che, per quanto non sia esattamente una sua lettrice accanita, a me Zerocalcare sta proprio simpatico. Non lo so, così a pelle, mi piace. Mi piace quello che disegna e come lo disegna, e insomma, le sue strisce sono una di quelle cose che vado a cercare quando voglio qualcosa che mi raddrizzi un pochino la giornata. E insomma, quando ho cominciato a capire che in questo volume non tutto mi stava convincendo nella maniera giusta ci sono rimasta un po' male, ma non tanto principalmente per il fatto che io non stessi leggendo qualcosa di straordinario (del resto, non ci ho né speso soldi - grazie, biblioteche - né ci ho buttato via troppo tempo, dal momento che un fumetto del genere di divora in qualche ora), ma proprio perché mi dispiace non apprezzare del tutto il lavoro di una persona che mi sta simpatica. Un po' come se si trattasse dell'opera di un amico. Il che è un po' assurdo, dal momento che si tratta semplicemente di un fumettista che leggo ogni tanto, non certo un amico né un pilastro del mio mondo letterario (non è certo come se scoprissi che l'ultimo romanzo di Marìas non mi piace, ecco), ma soprattutto non mi ha deluso poi così tanto.
    Lo so, questo commento si sta rivelando molto più confuso di quanto avrei voluto, ma del resto in questo periodo sono io ad essere estremamente confusa, su tutto, ma chissà che non riesca a mettere in ordine le cose.
    Mettiamola così: quello che mi è sempre piaciuto di Zerocalcare è il suo riuscire a parlare di argomenti molto seri, o anche solo moderatamente importante, in maniera intelligente ma leggera, giocando anche su tutto un immaginario che anche solo dopo poche strisce il lettore arriva a conoscere, e che ritrova piacevolmente, quasi fosse un angolo confortevole. E fin qui tutto bene, è una cosa che mi piace e che l'autore sa dosare molto bene, e che in più è diventato proprio un tratto distintivo. Insomma, se leggessi 300 pagine di Zerocalcare senza mai sentir nominare i Cavalieri dello Zodiaco o l'Uomo Tigre e via dicendo, molto probabilmente sentirei la mancanza di qualcosa. Al tempo stesso, ho apprezzato veramente tantissimo l'impianto molto più impegnativo e narrativo di questo fumetto: l'elaborazione del lutto, lo scavare nella storia della sua famiglia, il modo in cui ha deciso di rappresentare questo passato, davvero, mi è piaciuto molto. E mi ha commossa immensamente, perché piacerebbe anche a me saper raccontare così bene la mia nonna materna, e perché certi passaggi mi hanno riportata alla me sedicenne che per la prima volta provava a fare i conti con il lutto, e lo ha fatto con molta dolcezza e rispetto.*
    E in effetti, mentre leggevo e subito dopo aver concluso la lettura pensavco solamente a questo, e mi sembrava che tutto scorresse perfettamente, senza intoppi. E' stato solo a lettura conclusa, ripensandoci meglio, che qualcosa ha cominciato a non girare perfettamente. Il punto è che tutto quell'impianto di armadilli, personaggi di cartoni animati e battute hanno cominciato a diventare un po' una zavorra: va bene sdrammatizzare, va bene usare espedienti esterni per richiamare velocemente alla mente del lettore tutta una serie di scenari e sensazioni, ma ad un certo punto, insomma, bisogna anche imparare a dormire dove è necessario farlo, senza l'Orso Pisolone, ecco. Mi è come sembrato che Zerocalcare ad un certo punto cominciasse a disegnarsi addosso, quasi non avesse il coraggio di gettarsi completamente in una narrazione che invece avrebbe avuto una grandissima potenzialità, come se fosse un po' ingabbiato dal suo solito modo di fare fumetti.
    E lo so, l'ho detto proprio io poche righe fa, che probabilmente se leggessi Zerocalcare senza tutti i suoi personaggi sentirei la mancanza di qualche cosa, eppure qui li ho avvertiti come una zavorra. Li ho trovati spesso poco spontanei, forse.
    Non lo so, di certo si tratta comunque di una bella lettura, ma al tempo stesso mi rendo conto che proprio quello che di solito apprezzavo maggiormente in Zerocalcare qui mi ha un po' infastidita.
    Forse sto semplicemente invecchiando.*

Discussioni simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 02-28-2015, 07:09 PM
  2. Lehane, Dennis - La morte non dimentica (Mystic River)
    Da torejx nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 09-28-2014, 11:59 AM
  3. 76° Minigruppo - Il mio nome è Rosso di Orhan Pamuk
    Da velmez nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 05-12-2013, 09:47 AM
  4. Pamuk, Orhan - Il mio nome è Rosso
    Da Elena.90 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 05-10-2013, 11:27 AM
  5. Roversi, Paolo - Il mio nome è Bukowski
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-20-2008, 01:01 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •