Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 2 di 13 PrimoPrimo 123456789101112 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 16 a 30 di 183

Discussione: I(r)reali del non-sense

  1. #16
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    Correzioni, in casa e fuori. In casa è una galera. Fuori è al limite un caffè. Astrofisiche-chimiche-psichiche-logiche-nomiche… astronzi! Ritmi ostici, sambe, reggae, mambo italiano. Fra santi e navigatori. Ne detti tante, ma tante ne preti. C’est la vie. Le perdizioni caustiche mi piacciono se sode. Bello perdere il controllo con senno, meglio con un bel seno. O con due uova. Corroso corrotto. Mi sono rotto. Esco dal guscio. Pulsa il sangue in arterie capillari e vasi. Va’ sì, mentivo con dizioni alte e basse, condimenti senza sugo, dei contadini i saperi di quanto buono è il cacio coi peri, sapori dolori, menti bazze guance da porgere… ekkekkazz.
    Rari cispari cisalpini cisti, estinti e colorati, puliti senza scopa, scopano col mocio. Raffreddore, sesso triste, lacrime e sangue: hai visto churchill? No, ma c’era benni hill in chiesa. Accendo la cappa per cucinare il pesce spada e assaporare terga di manzi, che davanti latitano. Titanic iceberg, mondi sottomarini salati. Draghi e bce. Manzi e bse. Pazzo per le vacche. Ma loro mi muoiono dietro davanti e in gelatina. Malattia? Sì mmentale. Montana. Ringo. Glionito. Carosello. Bambini negli ani… dopo l’oratorio sono cresciuto. Non è fantasia, il prete era reale. Lo smog ha raggiunto i pascoli e la valle degli orchi. Parmalat e tango argentino, come i bonus.
    Malus, mi scade pure l’assicurazione. Non convincente. Casco. Ma che polizza. Volavo con l’olandesina verso amsterdam per un paio di canne e una troia, quando ho incontrato ulisse che mi ha detto son finite. E solepiatti mi ha sciolto lo sporco sulle ali, facendomi cadere senza lines. Tanto sudore, ma più sudavo e più sapevo di fresco, come te mio buon Deep. arbeit macht frei. freddo. E non il potere, ma l’odore conta.
    Perché l’amore non è nel cuore ma riconoscersi dall’odore. Del potere siete senza. Essenza è comunque olezzo. Oil of olez, per ammorbidire la cute. Cute copy incolla, inculla, governo ladro. Militari laici clandestini ustici figlio di falegname comete… come te non c’è nessuno. Nessuno è il mio nome, e prima dei proci froci ucciderò monocolo, già mezzo cieco (lo avevo avvertito di non masturbarsi). Monocolore è il governo. Governo ladro. Piove.
    Alluvioni diluvio universale.. no, èh. Noe fa l’arca. arco coseno seno latte nutrice. Dammela a bere. Vado in bianco. Bianco latte. Vino bianco. Più bianco non si può. Tu sbagli candeggio: c’è ace. Grazie, ben gentile. Ma è un succo. Suca.
    In una delle mille notti troverò la lampada, e sfregandola forte la farò diventare un faro. Che genio. Ne diverrò il guardiano, e finalmente suonerò la mia solitudine.
    Tutti segni, disegni, ma anche leone e gazzelle, saragat saracan… già so cosa accadrà il prossimo settennato. Settimini si nasce, e io modestamente
    lo nacqui
    State bonus se potete, o arriverà il malus. Quante volte i nostri monastici guardiani ci interdivano alle nostre piacevoli attività con questo anatema imperioso? Chissà se il malus è così brutto, non avrei alcun dubbio di sorta una volta appurata la vera entità della malasorte umana. Carapaci smarriti, vuoti del proprio essere che abbandona i natali lidi in favore di tenebrose novità; a che pro? Amare e a mare, porte sbattute in faccia al bene più grande solo perchè non si viene ritenuti all'altezza, chi siete voi per giudicare altre entità che vogliono solo starvi a fianco. Monoculare di interesse, monotematica di proprietà fisiche, monocolore come il cielo al tramonto. Ci siamo immersi in vasche con ippopotami lessati, galleggianti nella loro fissità mortale ed eterna. Cortesie svelate e relate ad un interesse più grande, marcate a peculato impenitente e non colpevole, grazie a chi ha reso servigi al regio monarca del contessino monvecchi: c'è chi può e chi non può, io può. Controllare accuratamente il verso del timbro prima di firmare, non sia mai si imprimesse al contrario portando al capovolgimento dell'ntero mondo, retini conciliatori e coacerbanti fiamme di inferi infermi con inferriate poco invasive. Automobili, portatrici di persone felici che vanno in direzione dell'acqua, dove loro non possono seguirci e colpire, così dicevano le profezie e profenonne; donne che cantano inni alla vita, alla gioia, alla veneranda età di tredici anni, conferiti a poteri altissimi ed impressionanti. Non avvicinatevi fiduciosi come con l'arrotino, arroti il punteruolo del mondo tra le costole di povere persone che, infedelmente, seguono a capo chino leader invisibili che li portano al macello, al macero dei loro certificati di libertà a favore di certificati di falsa felicità. Televisioni inondanti i nostri cervelli di messaggi di facile armonia, semplicità nell'ottenere tutto ciò che i nostri cuori desiderano, solamente con il componimento del numero in sovraimpressione. Fameliche iene che ci accerchiano in attesa di una nostra caduta, anche del più piccolo cedimento mentre interviste per imprese statistiche ci affollano di domande inutile su quanta carta igienica consumiano ogni venti anni, distraendoci dai veri problemi della vita: il parcheggio in doppia fila. La pulizia delle terre nostrane, inondate di frasi inutili e futili. Pensiamo a chi di dovere e non a chi di diritto. A quello ci penseranno i pugili professionisti. Bella la favola della volpe e dei ribes incandescenti, morale lietissima con un finale programmatico all'astensionismo palcoscenico, di terrore da teatro vuoto, come un Dario Fo che recitasse in italiano. Perchè tutto questo dolore? Chiedetelo a chi ha prodotto per la prima volta il cioccolato alla menta. Oppio delle menti. Sono le menti e menti.

  2. #17
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4271
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    142
    Thanked in
    65 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Cold Deep Vedi messaggio
    State bonus se potete, o arriverà il malus. Quante volte i nostri monastici guardiani ci interdivano alle nostre piacevoli attività con questo anatema imperioso? Chissà se il malus è così brutto, non avrei alcun dubbio di sorta una volta appurata la vera entità della malasorte umana. Carapaci smarriti, vuoti del proprio essere che abbandona i natali lidi in favore di tenebrose novità; a che pro? Amare e a mare, porte sbattute in faccia al bene più grande solo perchè non si viene ritenuti all'altezza, chi siete voi per giudicare altre entità che vogliono solo starvi a fianco. Monoculare di interesse, monotematica di proprietà fisiche, monocolore come il cielo al tramonto. Ci siamo immersi in vasche con ippopotami lessati, galleggianti nella loro fissità mortale ed eterna. Cortesie svelate e relate ad un interesse più grande, marcate a peculato impenitente e non colpevole, grazie a chi ha reso servigi al regio monarca del contessino monvecchi: c'è chi può e chi non può, io può. Controllare accuratamente il verso del timbro prima di firmare, non sia mai si imprimesse al contrario portando al capovolgimento dell'ntero mondo, retini conciliatori e coacerbanti fiamme di inferi infermi con inferriate poco invasive. Automobili, portatrici di persone felici che vanno in direzione dell'acqua, dove loro non possono seguirci e colpire, così dicevano le profezie e profenonne; donne che cantano inni alla vita, alla gioia, alla veneranda età di tredici anni, conferiti a poteri altissimi ed impressionanti. Non avvicinatevi fiduciosi come con l'arrotino, arroti il punteruolo del mondo tra le costole di povere persone che, infedelmente, seguono a capo chino leader invisibili che li portano al macello, al macero dei loro certificati di libertà a favore di certificati di falsa felicità. Televisioni inondanti i nostri cervelli di messaggi di facile armonia, semplicità nell'ottenere tutto ciò che i nostri cuori desiderano, solamente con il componimento del numero in sovraimpressione. Fameliche iene che ci accerchiano in attesa di una nostra caduta, anche del più piccolo cedimento mentre interviste per imprese statistiche ci affollano di domande inutile su quanta carta igienica consumiano ogni venti anni, distraendoci dai veri problemi della vita: il parcheggio in doppia fila. La pulizia delle terre nostrane, inondate di frasi inutili e futili. Pensiamo a chi di dovere e non a chi di diritto. A quello ci penseranno i pugili professionisti. Bella la favola della volpe e dei ribes incandescenti, morale lietissima con un finale programmatico all'astensionismo palcoscenico, di terrore da teatro vuoto, come un Dario Fo che recitasse in italiano. Perchè tutto questo dolore? Chiedetelo a chi ha prodotto per la prima volta il cioccolato alla menta. Oppio delle menti. Sono le menti e menti.
    State of vaticane. Bonus, malus, indulgenze. Potere temporale pioggia grandine alluvione inondazione diluvio universale. Tutto inutile. L’arca è solo un’alleanza, con la politica. Disobbedienti in terra, dannati dopo. Da sempre ribellarsi alla dittatura del potere è eroismo. Con dio è peccato. Peccato! Avrei potuto farmelo amico su facebook. Virtuale, spirituale. Invece non lo vedo. Che avessero ragione che si perde la vista a disperdere il seme? E si diventa interdetti. Dalla chiesa, ma anche di testa. All’anatema ho copiato dal vicino di banco. Ma mi hanno promosso. Molla l’osso, amico mio. Quando vado al lido gli addominali a carapace rimorchiano assai, soprattutto al mare. E queste sì che sono proprietà fisiche. Mens sana in corpore sano. Di mente vado ok, di corpo alle volte mi serve l’euchessina. E chi sa, ma almeno è dolce questo purgatorio. Paradiso per paraculi. Così è se vi pare. Essere, non essere, avere, apparire sparire. Sparare. Caxxate, ma meglio un kalashnikov. E le guardie? Svizzere? No. Novi. Nessuna novità. Arrivano puntuali. Hanno l’acceleratore di particelle, si sa. Porte sbattute, ma quando mi ha aperto aveva pronte le uova sbattute. Piacevoli attività. Forse ho confuso il piacere e l’amore, ma non ho creato dolore. Ippopotami, ipotalami. Ipovedenti. Autoerotismo. Seguo la rotta in auto col tomtom. Anche lui col nome doppio perché trovatello. Suo padre aveva preso una sbandata. Forse era orientale. Ha accettato tutto in blocco. Per vederlo ci è andato in pellegrinaggio. Sembra una pietra nera caduta dal cielo. Cielo mio marito. Amante nero duro come pietra. Tu sei sette settanta volte pietra e su di te costruirò il mio regno. Fu il primo ad essere inglobato in una colata di cemento. il resto è cosa nostra. Padre, padrino. Ecchemmenghia.
    Leader di un mondo boia. Boia di un mond leder. boia chi molla: senti che puzza. Il loro ruolo è puntare alle nostre costole, per moltiplicarci da ermafroditi. Cloni c*glioni. Togline una oggi, una domani, restano invertebrati molluschi. Sudditi e norditi sottomessi privi di carapaci. Messi sotto mettendogliela dietro. Messa da sopra. Comunque messa. Parigi ne val bene una. Chiamate roma treunotreuno. Domani si vota. Vo a votar l’imondizia. Il cassonetto sotto è della casa. Il monsignore vuole insegnarci l’educazione. Educande. Verginelle. Mignotte. Mignon. Un sorso di liquore. Liquame. L’informazione dei mass media. Ci ammass. Hamas. Israele. Non dimenticare. Infatti hanno imparato bene.
    Vogliono sapere quanta carta consumiamo, non per produrla, ma per misurare la nostra sopportazione alla merda con cui ci sommergono. 10 piani di volo fino a terra. Non finirà: andrai all’inferno. Ma con morbidezza. Cultura emorroidaria. Cul-tura. Turati il naso, amico mio.
    I tennisti vanno di rovescio. In origine erano allora itsinnet? La volpe disprezza l’uva che non può raggiungere: tantalo va la gatta al lardo che si becca il supplizio e forse anche il supplinonno. Dario ha preso il premio nobel. Poco nobile accettare i soldi di chi li ha guadagnati con gli esplosivi. Tutto teatro, recitazione. Pensare che avendo accanto rame poteva diventare conduttore. C’è anche benigni. Lui recita la costituzione, ma si vede lontano un miglio che ne è di debole. Sarà freudiano? Per me recita da cani. A sentirlo mi scaldo, e come dice Deep divento un hot-dog. Poi lo senti il fegato. Ma se non ne hai non rosichi. Come un criceto. Ma li hai visti come corrono nella loro ruota? Siamo tutti criceti. Meglio farsi una cioccolata alla menta. Menta fredda. Cold. Deep ice. Oppio. Fahrenheit. 451. Diamo i numeri. Cose dell’altro mondo. Ha detto orson per radio che arrivavano. Era una bufala. E mentre ci mangiavamo la mozzarella, quelli arrivavano davvero. Eravamo alla stazione, sì, ma dormivamo tutti.
    E le parole che dico non han più forma né accento, in questo osceno gioco. La nutella ci farà scordare il buco con la menta intorno? Sui poster l’ardua sentenza.
    Ultima modifica di HOTWIRELESS; 04-24-2015 alle 11:38 AM.

  3. #18
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    133
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    State of vaticane. Bonus, malus, indulgenze. Potere temporale pioggia grandine alluvione inondazione diluvio universale. Tutto inutile. L’arca è solo un’alleanza, con la politica. Disobbedienti in terra, dannati dopo. Da sempre ribellarsi alla dittatura del potere è eroismo. Con dio è peccato. Peccato! Avrei potuto farmelo amico su facebook. Virtuale, spirituale. Invece non lo vedo. Che avessero ragione che si perde la vista a disperdere il seme? E si diventa interdetti. Dalla chiesa, ma anche di testa. All’anatema ho copiato dal vicino di banco. Ma mi hanno promosso. Molla l’osso, amico mio. Quando vado al lido gli addominali a carapace rimorchiano assai, soprattutto al mare. E queste sì che sono proprietà fisiche. Mens sana in corpore sano. Di mente vado ok, di corpo alle volte mi serve l’euchessina. E chi sa, ma almeno è dolce questo purgatorio. Paradiso per paraculi. Così è se vi pare. Essere, non essere, avere, apparire sparire. Sparare. Caxxate, ma meglio un kalashnikov. E le guardie? Svizzere? No. Novi. Nessuna novità. Arrivano puntuali. Hanno l’acceleratore di particelle, si sa. Porte sbattute, ma quando mi ha aperto aveva pronte le uova sbattute. Piacevoli attività. Forse ho confuso il piacere e l’amore, ma non ho creato dolore. Ippopotami, ipotalami. Ipovedenti. Autoerotismo. Seguo la rotta in auto col tomtom. Anche lui col nome doppio perché trovatello. Suo padre aveva preso una sbandata. Forse era orientale. Ha accettato tutto in blocco. Per vederlo ci è andato in pellegrinaggio. Sembra una pietra nera caduta dal cielo. Cielo mio marito. Amante nero duro come pietra. Tu sei sette settanta volte pietra e su di te costruirò il mio regno. Fu il primo ad essere inglobato in una colata di cemento. il resto è cosa nostra. Padre, padrino. Ecchemmenghia.
    Leader di un mondo boia. Boia di un mond leder. Il loro ruolo è puntare alle nostre costole, per moltiplicarci da ermafroditi. Cloni c*glioni. Togline una oggi, una domani, restano invertebrati molluschi. Sudditi e norditi sottomessi privi di carapaci. Messi sotto mettendogliela dietro. Messa da sopra. Comunque messa. Parigi ne val bene una. Chiamate roma treunotreuno. Domani si vota. Vo a votar l’imondizia. Il cassonetto sotto è della casa. Il monsignore vuole insegnarci l’educazione. Educande. Verginelle. Mignotte. Mignon. Un sorso di liquore. Liquame. L’informazione dei mass media. Ci ammass. Hamas. Israele. Non dimenticare. Infatti hanno imparato bene.
    Vogliono sapere quanta carta consumiamo, non per produrla, ma per misurare la nostra sopportazione alla merda con cui ci sommergono. 10 piani di volo fino a terra. Non finirà: andrai all’inferno. Ma con morbidezza. Cultura emorroidaria. Cul-tura. Turati il naso, amico mio.
    I tennisti vanno di rovescio. In origine erano allora itsinnet? La volpe disprezza l’uva che non può raggiungere: tantalo va la gatta al lardo che si becca il supplizio e forse anche il supplinonno. Dario ha preso il premio nobel. Poco nobile accettare i soldi di chi gli ha guadagnati con gli esplosivi. Tutto teatro, recitazione. Pensare che avendo accanto rame poteva diventare conduttore. C’è anche benigni. Lui recita la costituzione, ma si vede lontano un miglio che ne è di debole. Sarà freudiano? Per me recita da cani. A sentirlo mi scaldo, e come dice Deep divento un hot-dog. Poi lo senti il fegato. Ma se non ne hai non rosichi. Come un criceto. Ma li hai visti come corrono nella loro ruota? Siamo tutti criceti. Meglio farsi una cioccolata alla menta. Menta fredda. Cold. Deep ice. Oppio. Fahrenheit. 451. Diamo i numeri. Cose dell’altro mondo. Ha detto orson per radio che arrivavano. Era una bufala. E mentre ci mangiavamo la mozzarella, quelli arrivavano davvero. Eravamo alla stazione, sì, ma dormivamo tutti.
    E le parole che dico non han più forma né accento, in questo osceno gioco. La nutella ci farà scordare il buco con la menta intorno? Sui poster l’ardua sentenza.
    Non l'ho letto tutto, ma... ma.... sei per caso imparentato con Joyce???

  4. #19
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    State of vaticane. Bonus, malus, indulgenze. Potere temporale pioggia grandine alluvione inondazione diluvio universale. Tutto inutile. L’arca è solo un’alleanza, con la politica. Disobbedienti in terra, dannati dopo. Da sempre ribellarsi alla dittatura del potere è eroismo. Con dio è peccato. Peccato! Avrei potuto farmelo amico su facebook. Virtuale, spirituale. Invece non lo vedo. Che avessero ragione che si perde la vista a disperdere il seme? E si diventa interdetti. Dalla chiesa, ma anche di testa. All’anatema ho copiato dal vicino di banco. Ma mi hanno promosso. Molla l’osso, amico mio. Quando vado al lido gli addominali a carapace rimorchiano assai, soprattutto al mare. E queste sì che sono proprietà fisiche. Mens sana in corpore sano. Di mente vado ok, di corpo alle volte mi serve l’euchessina. E chi sa, ma almeno è dolce questo purgatorio. Paradiso per paraculi. Così è se vi pare. Essere, non essere, avere, apparire sparire. Sparare. Caxxate, ma meglio un kalashnikov. E le guardie? Svizzere? No. Novi. Nessuna novità. Arrivano puntuali. Hanno l’acceleratore di particelle, si sa. Porte sbattute, ma quando mi ha aperto aveva pronte le uova sbattute. Piacevoli attività. Forse ho confuso il piacere e l’amore, ma non ho creato dolore. Ippopotami, ipotalami. Ipovedenti. Autoerotismo. Seguo la rotta in auto col tomtom. Anche lui col nome doppio perché trovatello. Suo padre aveva preso una sbandata. Forse era orientale. Ha accettato tutto in blocco. Per vederlo ci è andato in pellegrinaggio. Sembra una pietra nera caduta dal cielo. Cielo mio marito. Amante nero duro come pietra. Tu sei sette settanta volte pietra e su di te costruirò il mio regno. Fu il primo ad essere inglobato in una colata di cemento. il resto è cosa nostra. Padre, padrino. Ecchemmenghia.
    Leader di un mondo boia. Boia di un mond leder. boia chi molla: senti che puzza. Il loro ruolo è puntare alle nostre costole, per moltiplicarci da ermafroditi. Cloni c*glioni. Togline una oggi, una domani, restano invertebrati molluschi. Sudditi e norditi sottomessi privi di carapaci. Messi sotto mettendogliela dietro. Messa da sopra. Comunque messa. Parigi ne val bene una. Chiamate roma treunotreuno. Domani si vota. Vo a votar l’imondizia. Il cassonetto sotto è della casa. Il monsignore vuole insegnarci l’educazione. Educande. Verginelle. Mignotte. Mignon. Un sorso di liquore. Liquame. L’informazione dei mass media. Ci ammass. Hamas. Israele. Non dimenticare. Infatti hanno imparato bene.
    Vogliono sapere quanta carta consumiamo, non per produrla, ma per misurare la nostra sopportazione alla merda con cui ci sommergono. 10 piani di volo fino a terra. Non finirà: andrai all’inferno. Ma con morbidezza. Cultura emorroidaria. Cul-tura. Turati il naso, amico mio.
    I tennisti vanno di rovescio. In origine erano allora itsinnet? La volpe disprezza l’uva che non può raggiungere: tantalo va la gatta al lardo che si becca il supplizio e forse anche il supplinonno. Dario ha preso il premio nobel. Poco nobile accettare i soldi di chi li ha guadagnati con gli esplosivi. Tutto teatro, recitazione. Pensare che avendo accanto rame poteva diventare conduttore. C’è anche benigni. Lui recita la costituzione, ma si vede lontano un miglio che ne è di debole. Sarà freudiano? Per me recita da cani. A sentirlo mi scaldo, e come dice Deep divento un hot-dog. Poi lo senti il fegato. Ma se non ne hai non rosichi. Come un criceto. Ma li hai visti come corrono nella loro ruota? Siamo tutti criceti. Meglio farsi una cioccolata alla menta. Menta fredda. Cold. Deep ice. Oppio. Fahrenheit. 451. Diamo i numeri. Cose dell’altro mondo. Ha detto orson per radio che arrivavano. Era una bufala. E mentre ci mangiavamo la mozzarella, quelli arrivavano davvero. Eravamo alla stazione, sì, ma dormivamo tutti.
    E le parole che dico non han più forma né accento, in questo osceno gioco. La nutella ci farà scordare il buco con la menta intorno? Sui poster l’ardua sentenza.
    Mi torna sovente il ricordo del primo viaggio in Olanda di Mr Sparks, per gli amici Sharks per le sue qualità divoratrici di ogni cosa mobile ed immobile sul mondo. Egli era attratto in modo sfuggente dall'aria orange e lime che si respirava nei paesi bassi, massimi esperti di ninne nane. Il volo non fu proprio dei migliori, così scoprì che il low cost non si applicava bene ai voli coast to coast: turbolenze turbo dei motori ad olio di gomito, gli scossoni dovuti all'attraversamento dei confini politici delle varie nazioni sottostanti e dagli assalti dei pirati dell'aria che insistevano nel far accostare il velivolo. Arrivato alla capitale, si rese conto di aver sbagliato volo pindarico, corse ai ripari per evitari stormi impazziti di uccelli pericolosamente sovrappeso. Scelse un paio di occhiali con diottrie cattoliche fuori norma, scherzi da prete per turisti, tonache appese che prendevano polvere in scantinati lontani milioni di miglia da li. Trovato il volo giusto per la destinazione voluta, tentò un timido tentativo di approccio con chi era con lui nell'enorme sala d'attesa del porto aeronautico: dapprima i risultati furono scarsi, vuoi per la poca proprietà di linguaggio di Sparks, vuoi per la sua ottusità acuta o per quegli strani occhiali che ne ingrandivano a dismisura lo sguardo. In seguito trovò un metodo infallibile per attaccare bottone con gli altri: ago e filo. Passarono lentamente in fretta le quindici ore che mancavano all'imbarco, stavolta non dovette attendere molto e si trovò a bordo di una nave. Capito l'arcano, Sparks scese al volo in acqua non bagnandosi e prese l'aereo. In alto, fra le nuvole ovattate di materia sognante, iniziò a genoflettersi rimanendo seduto tra lo stupore e la mangeria dei presenti a bordo. Mentre ringraziava l'area circostante, il cielo, per aver ricordato di portare tutto, gli squillò il cellulare impropriamente lasciato in funzione. Rispose e dall'altra parte trovò la figlia, che l'attendeva ormai da due giorni in quel dell'aeroporto olandese. Scusandosi che non c'era campo ma solo aria, chiuse la conversazione e mirò fuori il finestrino della fila avanti, per farlo però dovette scavalcare la fila di poltrone e si ritrovò di fianco ad una donna bellissima, molto mascolina: i suoi baffi cangianti risplendevano della luce esterna che filtrava dal triplo vetro con gas. Gas esilarante. Per risultare simpatico, chiese alla damigella chi fosse il suo barbiere e se rimanesse aperto il lunedì. Però lei, ingrata a questi segni di affetto, si alterò e chiamò a gran voce lo staff di bordo. Questi, compresa la situazione nel prezzo, diedero a Sparks uno zaino senza paracadute ed un paracadute in comode ginocchiere e gomitiere. Gli diedero il tempo di prendere la sua valigia e con molta gentilezza lo lanciarono fuori dall'aereo. Sparks ringraziò per la cortesia e si adoperò per precipitare come gli aveva insegnato il suo maestro buddhista che veniva da Aprilia: a candela. Dopo molti tentativi infruttuosi di accendersi i capelli per scendere a candela, Sparks fu intercettato da un ufo, un grosso gufo non ancora identificato, che lo portò a terra su una catena montuosa. Di certo quelli non erano i paesi bassi tanto agognati. Appurato che quella non era la sua destinazione, si tolse le ginoccchiere e gomitiere, con cui fabbricò una talpa da galleria e iniziò a scavare nella roccia. Dopo pochi metri trovò una spada, ci saltò sopra e questa si spezzò. Ah, non ci sono più le spade di una volta. Decise allora di rotolare per il fianco della montagna verso quella che dall'alto sembrava la zona più bassa. Proprio mentre stava per tuffarsi nel vuoto, sentì come un frusciare d'ali: era la bellissima donna baffuta che gli sedeva accanto sull'aereo che scendeva angelica usando i suoi baffi come ali. Sparks, abbagliato da un cane e da cotanta vista, si chiese se fosse solo una visione. Quando atterrò, lui si avvicinò con fiducia e le disse di volare insieme verso la valle. La sua risata argentina tipicamente brasiliana squarciò il silenzio della montagna, dandogli dello sciocco gli disse che per scendere bastava mettersi a testa in giù e la valle sarebbe salita fin da loro. Sparks e la bella baffuta fecero come detto e si trovarono in riva al mare. Con gioia e sopraffazione, lui capì che erano arrivati alla meta e che il viaggio volgeva ormai al termine. Intono un panegirico pagano ed insieme festeggiarono l'avvenuto miracolo. Ormai erano divenuti inseparabili, come due pappagalli carnivori di pollame. Che fortuna che ebbe Mr Sparks, trovare i paesi bassi e l'amore in un'unica botta. Ancora oggi li possiamo ammirare mentre volano sull'oceano e si guardano con amore e con gli occhi. Chissà dove vivranno ora. Forse a casa o dal barbiere?

  5. #20
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2301
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    164
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    @ Cold e Hot: perché non spostate questo "racconto a due mani e mezzo cervello fumato" in un bel post apposta? così da seguirvi più facilmente? a differenza di Ayu io trovo che siate meglio, decisamente meglio di Joyce peccato che il "ragazzo" (Joyce) abbia avuto fretta di morire altrimenti avreste potuto dargli qualche dritta su come scrivere meglio

  6. #21
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13824
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    546
    Thanked in
    403 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bouvard Vedi messaggio
    @ Cold e Hot: perché non spostate questo "racconto a due mani e mezzo cervello fumato" in un bel post apposta? così da seguirvi più facilmente? a differenza di Ayu io trovo che siate meglio, decisamente meglio di Joyce peccato che il "ragazzo" (Joyce) abbia avuto fretta di morire altrimenti avreste potuto dargli qualche dritta su come scrivere meglio
    Ci avevo pensato anche io e mi era pure venuto in mente un bel titolo, che però ora non ricordo più .

  7. #22
    d'ya think i'm stupid?
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    4271
    Thanks Thanks Given 
    52
    Thanks Thanks Received 
    142
    Thanked in
    65 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bouvard Vedi messaggio
    @ Cold e Hot: perché non spostate questo "racconto a due mani e mezzo cervello fumato" in un bel post apposta? così da seguirvi più facilmente? a differenza di Ayu io trovo che siate meglio, decisamente meglio di Joyce peccato che il "ragazzo" (Joyce) abbia avuto fretta di morire altrimenti avreste potuto dargli qualche dritta su come scrivere meglio
    personalmente credo molto difficile
    proseguire più di tanto la forma
    di racconto a due mani (come l'hai definito).

    già noto p.es. che l'ultimo di Cold è
    un racconto che mi suona autonomo
    nel senso che non vi riscontro più
    a mio modo di vedere
    riagganci coi precedenti.

    quindi se aprite un 3D, credo che
    dovrebbe riferirsi a racconti liberi
    senza vincolo del tipo
    racconto a più mani
    già sperimentato sul forum
    non molto tempo fa.

    ps) credo che la lettura del vero joyce
    sia molto castrata dalle traduzioni.
    mi sono infatti domandato: ma come accidenti
    potrebbero rendere gli scritti miei e di Cold
    in altre lingue? semplicemente impossibile.
    quindi gli eventuali paragoni andrebbero fatti
    ad armi pari, per ciascuno nella rispettiva lingua.
    ma quanti ne sarebbero in grado?

    pps) mi piace la cosa del mezzo cervello.
    trattasi dell'emisfero creativo che altri tendono
    a snobbare, preferendo la razionalità?

  8. #23
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    quello di oggi era una parantesi tra un delittuoso delirio e l'altro

    per spostarlo in un altro thread sono d'accordo, proponete un titolo alternativo, purchè non sia Arkham

  9. #24
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2654
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da HOTWIRELESS Vedi messaggio
    personalmente credo molto difficile
    proseguire più di tanto la forma
    di racconto a due mani (come l'hai definito).

    già noto p.es. che l'ultimo di Cold è
    un racconto che mi suona autonomo
    nel senso che non vi riscontro più
    a mio modo di vedere
    riagganci coi precedenti.

    quindi se aprite un 3D, credo che
    dovrebbe riferirsi a racconti liberi
    senza vincolo del tipo
    racconto a più mani
    già sperimentato sul forum
    non molto tempo fa.

    ps) credo che la lettura del vero joyce
    sia molto castrata dalle traduzioni.
    mi sono infatti domandato: ma come accidenti
    potrebbero rendere gli scritti miei e di Cold
    in altre lingue? semplicemente impossibile.
    quindi gli eventuali paragoni andrebbero fatti
    ad armi pari, per ciascuno nella rispettiva lingua.
    ma quanti ne sarebbero in grado?

    pps) mi piace la cosa del mezzo cervello.
    trattasi dell'emisfero creativo che altri tendono
    a snobbare, preferendo la razionalità?
    State tranquilli ogni "episodio" può essere completamente indipendente dagli altri. In Ulisse ogni episodio è scritto in "geroglifici" e stili completamente differenti!

    Provate per capire meglio a leggere questa pagina, è l'inizio di un episodio:

  10. #25
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    133
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bonadext Vedi messaggio
    State tranquilli ogni "episodio" può essere completamente indipendente dagli altri. In Ulisse ogni episodio è scritto in "geroglifici" e stili completamente differenti!

    Provate per capire meglio a leggere questa pagina, è l'inizio di un episodio:
    Dai, non vale, sei stato cattivissimo!!! Hai preso uno degli inizi peggiori (oddio...a parte il terzo è il quattordicesimo) ), perché è una summa di flash estrapolati da tutto l'episodio che messi così non hanno alcun senso...

  11. #26
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11875
    Thanks Thanks Given 
    506
    Thanks Thanks Received 
    545
    Thanked in
    267 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Dai, non vale, sei stato cattivissimo!!! Hai preso uno degli inizi peggiori (oddio...a parte il terzo è il quattordicesimo) ), perché è una summa di flash estrapolati da tutto l'episodio che messi così non hanno alcun senso...
    Se mai mi fosse passato per l'anticamera del cervello di leggerlo (e NON mi è passato) questo estratto basterebbe a farmi passare ogni istinto, voglia, ispirazione.

    In pratica è la versione letteraria dell'effetto del calzino bianco alla caviglia che spunta dalla scarpa a un primo appuntamento con l'uomo dei tuoi sogni.

  12. #27
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2654
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Dai, non vale, sei stato cattivissimo!!! Hai preso uno degli inizi peggiori (oddio...a parte il terzo è il quattordicesimo) ), perché è una summa di flash estrapolati da tutto l'episodio che messi così non hanno alcun senso...
    E' l'inizio di "Sirene".. beh non è vero che non si capisce, questa pagina è una delle più facili, poi si capisce lo stile joyciano

    Edit: in realtà sono 700 pagine di parole buttate a caso, io ho fatto l'esempio più semplice per capire

  13. #28
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    133
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ila78 Vedi messaggio
    Se mai mi fosse passato per l'anticamera del cervello di leggerlo (e NON mi è passato) questo estratto basterebbe a farmi passare ogni istinto, voglia, ispirazione.

    In pratica è la versione letteraria dell'effetto del calzino bianco alla caviglia che spunta dalla scarpa a un primo appuntamento con l'uomo dei tuoi sogni.
    Ahahahahah!!! Questo almeno ha una giustificazione...
    Altri incipit di episodi non hanno nemmeno quello!!!? Li devi prendere così come sono e basta!!!

  14. #29
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11875
    Thanks Thanks Given 
    506
    Thanks Thanks Received 
    545
    Thanked in
    267 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Ahahahahah!!! Questo almeno ha una giustificazione... Alti incipit di episodi non hanno nemmeno quello!!!? Li devi prendere così come sono e basta!!!
    Ah bene....quindi al calzino bianco si aggiunge anche lo slip bianco che spunta dai pantaloni?

    No, non ce la posso fare.

  15. #30
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bonadext Vedi messaggio
    State tranquilli ogni "episodio" può essere completamente indipendente dagli altri. In Ulisse ogni episodio è scritto in "geroglifici" e stili completamente differenti!

    Provate per capire meglio a leggere questa pagina, è l'inizio di un episodio:
    ma questo esempio di letteratura di Joyce è tradotto con Google Translate?
    così sembra di leggere un testo di Bergonzoni

Discussioni simili

  1. Libri su disagio mentale con casi realistici o reali?
    Da Dallolio nel forum Salotto letterario
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 10-04-2013, 08:06 PM
  2. Risposte: 49
    Ultimo messaggio: 11-07-2011, 08:55 PM
  3. Reali, Walter - Nightfall - Oltre è dove Appartengo.
    Da Schuldiner reborn nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 01-07-2011, 12:53 PM
  4. Classifica del Corriere della Sera del 17 ottobre 2010
    Da Baldassarre Embriaco nel forum Salotto letterario
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 10-23-2010, 10:14 AM
  5. Smith, Lisa J. - L' ombra del male. Il diario del vampiro
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-11-2010, 09:33 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •