Da IBS:
"La paternità non è un fatto di sangue. Per come la vedo io, la paternità è qualcosa d'altro: è un susseguirsi di domande e voglia di esserci. Non esiste un manuale di istruzioni sulla paternità buono per tutte le occasioni. Esiste soltanto una risma di fogli bianchi che i tuoi figli ti aiutano a riempire. Fogli pieni di inevitabili errori, poesie improvvisate, arrabbiature ricorrenti, dolci sorprese. Fogli dove giorno dopo giorno annoti i tuoi goffi tentativi di regalare loro il dono più prezioso: quello di essere liberi e di non rinunciare mai a essere se stessi. Dei miei tre figli, uno è disabile. Moreno non vede, non parla e non può capire quasi nulla di quello che gli succede intorno. Moreno non sarà mai un uomo libero, anche se io fossi il padre migliore del mondo. Perché Moreno non può scegliere. Con Jacopo e Cosimo, posso provare a mettere nelle loro tasche un gettone di libertà. Magari minuscolo e un po' ammaccato. Ma posso sperare di riuscirci. Con Moreno, invece, so che non sarà mai possibile. Insomma, ho imparato presto che alcune partite non si potranno mai vincere. (In questo, essere interisti aiuta...) E col tempo ho anche imparato che, in ogni caso, non è soltanto la tua responsabilità di padre a importi di giocarle."

Libro amaro, aspro e incongruo anche nella scrittura, spesso non lineare e apparentemente "istintiva", fatta di frasi smozzicate e ragionamenti abbozzati poi interrotti.
Massimo rispetto per l'autore e la sua non facile esperienza. Sono ammirata anche dal tentativo di voler trasmettere senza abbellimenti letterari un'esperienza che difficilmente risulta comunicabile.
Ho poco apprezzato invece la scrittura così poco curata, avrei preferito la scelta di uno stile più descrittivo e "razionale".
E così naturalmente mi contraddico, ma tant'è