Credo che Tabucchi, con il suo stile narrativo, sia capace di rendere poetica anche la descrizione della caccia alle balene, argomento (per me) per niente interessante. Non ho mai letto Moby Dick né amo Conrad, però ad Antonio non ho saputo resistere.

Certo, qualche pagina l'ho saltata -lo ammetto- ma la storia finale (quella del titolo) ripaga di tutto quello che ho trovato un po' noioso.

Breve ma intenso, questo è il caso di dirlo.

Voglio proseguire con le sue opere, anche se mi sa che me ne sono rimaste ormai poche .