Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Di notte sotto il ponte di pietra

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Perutz, Leo - Di notte sotto il ponte di pietra

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2300
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito Perutz, Leo - Di notte sotto il ponte di pietra

    Inizio questo commento ammettendo subito che non conoscevo Leo Perutz, autore praghese contemporaneo di F. Kafka, è stato solo un puro caso a farmi imbattere in questo autore, anzi visto quanto mi è piaciuto il libro dico che è stato un fortunato caso a farmici imbattere.
    Originale innanzitutto il modo in cui questo libro è scritto, una serie di racconti autonomi fra loro, ma nello stesso tempo legati - gli stessi personaggi presenti in più racconti, vicende che ritornano per ampliarsi e chiarirsi – tanto da far intravedere una sottile trama. Ma soprattutto a legare tutti i racconti – ancor più dei personaggi – è la città di Praga che potremmo considerare la vera protagonista del libro. Una Praga magica, esoterica, misteriosa, in cui realtà e “fantastico” si mescolano e coesistono, tanto che alla fine il “fantastico” sembra altrettanto reale e plausibile.
    La città è flagellata da una moria di bambini, e la causa sembra essere un incantesimo fatto dal rabbino Low per consentire l’amore tra l’Imperatore Rodolfo II e la bella Esther moglie dell’ebreo Mordechai Meisl, uomo estremamente ricco e legato all’Imperatore da misteriosi interessi economici, e a questa storia se ne intrecciano altre: quella di un nobile boemo che non avrebbe mai dovuto pranzare alla tavola dell’Imperatore, o quella di un ebreo condannato a morte che ascoltando la conversazione tra due cani fa una sconvolgente scoperta, o la storia del matrimonio del nobile Waldstein nato sotto una strana stella e tante altre.
    Lo stile di Perutz è raffinato, elegante, poetico in alcuni racconti, ironico in altri. Già solo per le bellissime pagine dell’amore tra il “rosmarino” e la “rosa rossa” varrebbe la pena leggere questo libro, ma sarebbe fare un torto a Perutz, alla sua fantasia e alla sua scrittura, leggerlo solo per questo racconto perché sono tutti i racconti a meritare di esser letti.
    Io ho già messo in wish altri due libri di Perutz, meno male che ogni tanto capitano dei casi fortuiti così felici.
    Ultima modifica di bouvard; 11-19-2015 alle 09:24 PM.

  2. #2

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bouvard Vedi messaggio
    Inizio questo commento ammettendo subito che non conoscevo Leo Perutz, autore praghese contemporaneo di F. Kafka, è stato solo un puro caso a farmi imbattere in questo autore, anzi visto quanto mi è piaciuto il libro dico che è stato un fortunato caso a farmici imbattere.
    Originale innanzitutto il modo in cui questo libro è scritto, una serie di racconti autonomi fra loro, ma nello stesso tempo legati - gli stessi personaggi presenti in più racconti, vicende che ritornano per ampliarsi e chiarirsi – tanto da far intravedere una sottile trama. Ma soprattutto a legare tutti i racconti – ancor più dei personaggi – è la città di Praga che potremmo considerare la vera protagonista del libro. Una Praga magica, esoterica, misteriosa, in cui realtà e “fantastico” si mescolano e coesistono, tanto che alla fine il “fantastico” sembra altrettanto reale e plausibile.
    La città è flagellata da una moria di bambini, e la causa sembra essere un incantesimo fatto dal rabbino Low per consentire l’amore tra l’Imperatore Rodolfo II e la bella Esther moglie dell’ebreo Mordechai Meisl, uomo estremamente ricco e legato all’Imperatore da misteriosi interessi economici, e a questa storia se ne intrecciano altre: quella di un nobile boemo che non avrebbe mai dovuto pranzare alla tavola dell’Imperatore, o quella di un ebreo condannato a morte che ascoltando la conversazione tra due cani fa una sconvolgente scoperta, o la storia del matrimonio del nobile Waldstein nato sotto una strana stella e tante altre.
    Lo stile di Perutz è raffinato, elegante, poetico in alcuni racconti, ironico in altri. Già solo per le bellissime pagine dell’amore tra il “rosmarino” e la “rosa rossa” varrebbe la pena leggere questo libro, ma sarebbe fare un torto a Perutz, alla sua fantasia e alla sua scrittura, leggerlo solo per questo racconto perché sono tutti i racconti a meritare di esser letti.
    Io ho già messo in wish altri due libri di Perutz e meno male che ogni tanto capitano dei casi fortuiti così felici.
    Bouv,posso consigliarti anche il grande Bruno Shultz e il suo meraviglioso Le botteghe color cannella?

  3. #3
    Pensatore silenzioso
    Data registrazione
    Apr 2014
    Località
    Ovunque... basta che ci sia il mio cane accanto.
    Messaggi
    1644
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    169
    Thanks Thanks Received 
    209
    Thanked in
    128 Posts

    Predefinito

    Ciao cara. Che bella recensione! Non conosco l'autore ma interventi così fanno venir voglia di intraprendere nuove letture e L. Perutz, da come ne parli, merita un approfondimento.
    Grazie.

Discussioni simili

  1. Paterson, Katherine - Un ponte per Terabithia
    Da Lois Lane nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 11-21-2014, 12:23 AM
  2. Ponte, Giorgio - Io sto con Marta
    Da GermanoDalcielo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 04-27-2014, 02:40 PM
  3. Andric, Ivo - Il ponte sulla Drina
    Da fernycip nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 03-01-2013, 05:51 PM
  4. Csupo, Gabor - Un ponte per Terabithia
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 07-26-2009, 04:38 PM
  5. Malet, Leo - Nebbia sul ponte di Tolbiac
    Da fabiog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-25-2009, 10:14 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •