Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Diario di inverno

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Auster, Paul - Diario di inverno

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Firenze
    Messaggi
    885
    Thanks Thanks Given 
    20
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    31 Posts

    Predefinito Auster, Paul - Diario di inverno

    Di Paul Auster avevo letto solo La musica del caso, un libro che avevo trovato stupendo, per lo stile, piano, asciutto, per la tensione narrativa, la descrizione dei luoghi, la caratterizzazione psicologica dei personaggi.
    Mi sono quindi avvicinata a questo Diario di inverno piena di aspettative.
    Ma fino a più della metà del libro ho avvertito un senso di estraneità e di fastidio, di mancanza di un reale coinvolgimento.
    Ho ritrovato lo stile che mi aspettavo, ma non sono riuscita a farmi prendere veramente dalla narrazione.
    Mi ha allontanato molto la scelta del tu. Il diario infatti è scritto in II persona, l’autore si rivolge a se stesso dandosi del tu, e quindi gioca con questa ambiguità fra il tu che è lui e il tu che sei appunto tu che leggi.
    Tutto ciò mi ha creato una grande fatica nell’entrare veramente nel libro, perché paradossalmente in ogni momento mi veniva da dire: no, io no e da porre una distanza fra me e l’autore.
    Però da metà del libro in poi, probabilmente perché Auster ha iniziato a raccontare cose che ho sentito più vicine al mio vissuto, mi è risultato tutto più facile.
    Ho trovato meravigliose le pagine dedicate alla sua seconda e attuale moglie, dichiarazioni di amore come mai ne avevo lette prima, fatte di quotidianità condivisa, di sincera ammirazione e riconoscenza per questa compagna di viaggio che ammette Auster, non meritava, ma anche meritava.
    Bellissime poi le ultime pagine, in cui ci si avvicina al tempo presente in cui l’autore scrive, all’inverno in cui è nato questo diario.
    Bellissima la frase finale, che non svelo per non togliere ad eventuali lettori l’incanto di questa chiusura.
    Letta l’ultima frase, chiuso il libro, non ho potuto fare a meno di soffermarmi a guardare la foto dell’autore sulla copertina. E mi sono resa conto, che sì, quel bel volto dai capelli grigi un po’ lo conosco e quel poco che so di lui mi ha fatto venir voglia di saperne di più e di continuare il cammino con lui insieme ai suoi libri.

    Francesca
    Ultima modifica di Minerva6; 11-20-2015 alle 09:45 PM.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Auster, Paul - Sunset Park
    Da Frundsberg nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-29-2017, 03:34 PM
  2. Auster, Paul - Mr Vertigo
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-26-2016, 07:26 PM
  3. Auster, Paul - Moon Palace
    Da zaratia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 03-25-2016, 03:35 PM
  4. Auster,Paul - Follie di Brooklyn
    Da alexyr nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 01-15-2013, 03:03 PM
  5. Auster, Paul - Timbuctù
    Da zaratia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 05-13-2010, 05:37 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •