Parigi è la città dell'eleganza, dell'amore, dell'arte e della rivoluzione. Rutherfurd apre questa storia romantica della capitale francese durante la Belle Époque, età dorata di pace e joie de vivre, muovendo la narrazione attraverso i secoli dal Medioevo all'età moderna degli ideali di libertà, fraternità e uguaglianza della rivoluzione. Da Montmartre alla cattedrale gotica di Notre-Dame, ai grandi boulevards, alla costruzione della Tour Eiffel, dal Moulin Rouge a Pigalle, allo storico caffè Les Deux Magots, tutti i luoghi simbolo della Ville Lumière fanno da sfondo alla storia epica di quattro famiglie, nobili e rivoluzionari, idealisti ed eruditi legati tra loro da amori proibiti, matrimoni di convenienza, vendette e segreti pericolosi, divisi dal milieu sociale e dalla fede religiosa, ma che trovano le loro vite riunite dalla storia tumultuosa della loro città. Giovanna D'Arco, il Cardinale Richelieu, il conflitto tra Cattolici e Ugonotti, la Corte di Versailles e il terrore della rivoluzione francese, gli Impressionisti, l'Affaire Dreyfus, le due guerre mondiali, l'occupazione nazista e la Resistenza vengono riportati in vita nelle vivide pagine di questo romanzo storico
Da Amazon

[I][/Non conoscevo questo autore e devo ammettere di essere stata attratta dal libro solo per la bellissima copertina in stile "liberty", devo dire però che non mi ha delusa. E' un bel romanzone storico di quelli che piacciono a me la cui vera protagonista è la citta di Parigi in tutte le sue epoche storiche, le vicende delle quattro famiglie che si intrecciano nella trama sono un "pretesto" ben riuscito per farci visitare la città nei suoi momenti storici salienti: la costruzione di Notre Dame, le ghigliottine del Terrore, Monsieur Eiffell e la sua Tour (bellissima quella parte!) e anche e per farci conoscere alcuni dei suoi protagonisti più noti; ci sono "cammei" di Monet, di Hemingway e persino di Coco Chanel . Nonostante la mole scorre bene e, anche se all'inizio si puo' essere infastiditi dai continui salti temporali avanti e indietro, piano piano, si riescono a "concatenare" le vicende dei vari personaggi (ammetto di aver consultato un paio di volte l'albero genealogico saggiamente piazzato nelle prime pagine) e allora la storia non puo' che appassionare. Molto bello, consigliato agli amanti di Parigi e non solo. I]