Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

 Tonio Kröger

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Mann, Thomas - Tonio Kröger

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14084
    Thanks Thanks Given 
    856
    Thanks Thanks Received 
    650
    Thanked in
    470 Posts

    Predefinito Mann, Thomas - Tonio Kröger

    Appena l'ho iniziato a leggere mi è subito venuto in mente il paragone col Torless di Musil che però è successivo di 3 anni (1906), ma in seguito la vicenda si evolve ed il protagonista cresce quindi non è più possibile ritrovarci delle somiglianze.
    E' stupenda la parte con Lisaveta, mi ha ricordato tanto i miei amati romanzi russi.
    Anche se Mann non è di certo inferiore a loro (ho amato molto i suoi due principali romanzi), credo che sia un po' più descrittivo che riflessivo, anche se qui ho trovato molte parti che mi hanno colpita e altre con le quali mi ci sono identificata.
    Dopo Tristano, questo è stato un altro splendido racconto che consiglio vivamente a chi ha letto solo La morte a Venezia e magari non è rimasto così colpito come me .

    - Chi più ama è il soccombente e deve soffrire: questa lezione semplice ma dura, la sua anima quattordicenne l'aveva già ricevuta dalla vita
    La felicità infatti, lui si diceva, non è l'essere amati; questa è una soddisfazione della vanità, mista a disgusto. La felicità è amare e forse ghermire piccoli illusori approcci all'oggetto amato. E s'annotò nell'intimo questo pensiero, maturandolo radicalmente e percependolo fino in fondo.

    - Poi, con il tormento e l'alterigia della conoscenza, venne la solitudine, perché non poteva vedersi nella cerchia degli ingenui dallo spirito lietamente astruso, e il marchio alla sua fronte li turbava. Ma sempre più si andava mitigando in lui anche la gioia alla parola e alla forma, in quanto usava dire (e l'aveva pure scritto) che la sol conoscenza dell'anima renderebbe senza fallo tetri, se non ci fossero a tenerci pronti e desti i piaceri dell'espressione.

    - Essere come te! Ricominciare daccapo, crescere simile a te, leale, allegro e semplice, secondo norma e regola, d'accordo con Dio e il mondo, essere amato da innocenti e felici, prendere in moglie te, Ingeborg Holm, e avere un figlio come te, Hans Hansen... e libero dalla maledizione della conoscenza e del tormento creativo, vivere, amare e lodare in beata mediocrità!... Ricominciare un'altra volta? Ma non servirebbe a niente. Sarebbe di nuovo tutto così... tutto avverrebbe di nuovo come è avvenuto. In quanto certuni son costretti a smarrirsi, perché una via giusta per essi non esiste affatto.

    - Io sto tra due mondi, in nessuno sono di casa, e per tale motivo mi trovo un po' in difficoltà. Voi artisti mi chiamate borghese, e i borghesi son tentati d'arrestarmi... non so quale delle due cose mi mortifichi più amaramente. I borghesi sono stupidi; voi adoratori della bellezza, invece, voi che mi chiamate flemmatico e senza ambizioni, dovreste pensare che esiste una vocazione artistica così profonda, dall'inizio e per destino, da non trovare ambizione più dolce e più delicata di quella per le delizie della mediocrità.

    - Li ammiro io i tipi orgogliosi e freddi che vanno in cerca d'avventure sul sentiero della bellezza grande e demoniaca e disprezzano l'uomo... ma non li invidio. In quanto se c'è un che, in grado di fare d'un letterato un poeta, quello è il mio amore borghese verso le cose umane, viventi e mediocri. Tutto il calore, tutta la bontà, tutto il brio vengono da quell'amore, e son quasi convinto sia lo stesso di cui sta scritto che può parlare con lingua umana e angelica, senza però essere solo un bronzo sonante o un campanello trillante.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4457
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    817
    Thanks Thanks Received 
    508
    Thanked in
    347 Posts

    Predefinito

    L'ho letto, ma onestamente non ricordo nulla.
    Lo metto nella pigna delle cose da riprendere

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Mann, Thomas
    Da fabiog nel forum Autori
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 12-13-2017, 09:13 PM
  2. Mann, Thomas - La montagna incantata
    Da fabiog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 08-04-2016, 11:17 AM
  3. Mann, Thomas - I Buddenbrook
    Da evelin nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 32
    Ultimo messaggio: 05-18-2016, 12:22 AM
  4. Mann, Thomas - Tristano
    Da white89 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-25-2014, 08:35 PM
  5. 75° Minigruppo - I Buddenbrook di Thomas Mann
    Da Minerva6 nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 164
    Ultimo messaggio: 06-18-2013, 05:56 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •