Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Revenant

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Inarritu, Alejandro Gonzales - Revenant-Redivivo

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2011
    Località
    Sconosciuta
    Messaggi
    2379
    Thanks Thanks Given 
    295
    Thanks Thanks Received 
    233
    Thanked in
    167 Posts

    Predefinito Inarritu, Alejandro Gonzales - Revenant-Redivivo

    Revenant - Redivivo (The Revenant) di Alejandro González Iñárritu.

    In altri tempi si sarebbe potuto definire un colossal, definizione che come si sa non è piu' di moda.
    Il cinema era pieno in ogni ordine di posti per questo western fine ottocento tra ghiacci e pellicce, incentrato sulle tecniche di sopravvivenza di uno scout che si scontra con l'aspetto deteriore delle cose, degli esseri umani, della natura ostile.
    Bella fotografia di stile paesaggistico.
    Brutto film, pesante e violento, violentissimo, di sangue, morte, squartamenti, violenze di ogni genere e gratuite, ripetute stragi e quanto di peggio.

    Volgere
    Ultima modifica di elisa; 02-11-2018 alle 01:06 PM. Motivo: edit titolo

  2. The Following User Says Thank You to Volgere Altrove For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3198
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    765
    Thanks Thanks Received 
    986
    Thanked in
    475 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Volgere Altrove Vedi messaggio
    Revenant - Redivivo (The Revenant) di Alejandro González Iñárritu.

    In altri tempi si sarebbe potuto definire un colossal, definizione che come si sa non è piu' di moda.
    Il cinema era pieno in ogni ordine di posti per questo western fine ottocento tra ghiacci e pellicce, incentrato sulle tecniche di sopravvivenza di uno scout che si scontra con l'aspetto deteriore delle cose, degli esseri umani, della natura ostile.
    Bella fotografia di stile paesaggistico.
    Brutto film, pesante e violento, violentissimo, di sangue, morte, squartamenti, violenze di ogni genere e gratuite, ripetute stragi e quanto di peggio.

    Volgere
    L ho visto anche io e per stasera avevo in programma di scrivere una piccola rece da pubblicare domani.

    Condivido la tua opinione in larga parte.

  • #3
    The black sheep member
    Data registrazione
    Oct 2014
    Località
    Frittole
    Messaggi
    3198
    Inserimenti nel blog
    2
    Thanks Thanks Given 
    765
    Thanks Thanks Received 
    986
    Thanked in
    475 Posts

    Predefinito

    La colpa è interamente mia, in quanto ero partito con aspettative forse troppo alte (adoro Innaritu e adoro Di Caprio), ma devo dire che questo film ha deluso anche me.

    Ne consiglio comunque la visione, perché è godibile e avventuroso, ma non aspettatevi riflessioni dell'altro mondo e nemmeno riflessioni su questo mondo.

    Stereotipato in ogni ambito, anche nella fotografia che è comunque di grande qualità, il film avanza in modo troppo lineare, ogni minuto è dannatamente scontato e gli episodi in cui il protagonista viene rambizzato sono stucchevoli e ridicole. La violenza è fine a sè stessa e non racconta per metafora quella tra uomo e natura e\o quella tra uomo e uomo, benchè attori e regista si siano dati un gran daffare a dire il contrario.

    Rimane la buona interpretazione di Di Caprio che però non è all’altezza di altri film, anche se credo che finalmente vincerà l’Oscar, più per i rumors degli ultimi tempi che per questa interpretazione.

    Il film si fa guardare, ma non è niente di più che un discreto "movie" di avventura e paesaggi che va a ingrossare la già stipata categoria dei film americani di quel genere.

  • The Following User Says Thank You to Zingaro di Macondo For This Useful Post:


  • #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    189
    Thanks Thanks Given 
    5
    Thanks Thanks Received 
    6
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito Monumento alla forza dell'animo umano

    Un altro magnifico film del mio regista e sceneggiatore preferito, con due dei miei attori preferiti. Spero questo non per questo di avere maturato troppi pregiudizi (positivi), ma mi pare si tratti di un autentico capolavoro cinematografico (che è il meno) e soprattutto di un’altra preziosa lezione di vita da parte di Alejandro Gonzales.
    Il titolo del film fin dalla prima volta che l’ho letto mi ha ricordato il celebre “The crow” con Brandon Lee, e forse qualche analogia la si potrebbe anche riscontrare, nonostante quello fosse un fantasy gotico mentre questo un film estremamente realistico immerso nella natura più selvaggia e incontaminata (non a caso ha vinto anche l’oscar per migliore fotografia). Inoltre entrambi i personaggi protagonisti dei due film si muovono mossi dal desiderio di vendetta. Niente altro però.
    La differenza fondamentale è che il vero primo motivo che spinge il personaggio di Leonardo Di Caprio all’azione è in realtà il puro e insopprimibile spirito di sopravvivenza. Non la vendetta. Le parole della moglie defunta che echeggiano nella testa dello scout fin dal primo minuto del film sono estremamente chiare: “finché riesci a respirare, combatti. Respira... Continua a respirare”.
    Non ci sono ragioni, nobili ideale, motivazioni eroiche o altro. C’è solo un comandamento, e come tale non necessita di giustificazioni: bisogna lottare per sopravvivere, e quando le cose vanno male, lottare ancora, se peggiorano ancora bisogna lottare per sopravvivere, e quando proprio la vita supera i limiti di qualunque umana sopportazione, continua a lottare.
    Nessun uomo o donna del ventunesimo secolo può doversi trovare ad affrontare le difficoltà che si trova ad affrontare ognuno dei personaggi del film: il freddo più impietoso in primis, la fame, gli animali predatori più pericolosi, le tribù indiane più crudeli, le cui indicibili sofferenze sono magnificamente rese dall’interpretazione di Di Caprio, ma proprio per questo, in qualunque situazione difficile, faticosa o assurda chiunque possa trovarsi, non può non riconoscere che un sottile filo rosso collega il dolore e le sofferenze di tutti gli uomini e donne di ogni tempo e di ogni luogo, e memori di questo legame che trascende tutto, una volta di più trovare la forza di volontà necessaria a rialzarsi e combattere, una volta di più, per nessun ideale che non sia “perché così deve essere”.
    Questa lotta per la sopravvivenza, scevra da qualunque ideale nobile o meno che sia, io trovo costituisca la seconda differenza col film del Corvo. Il personaggio di Eric Draven era una creatura sovrannaturale, una sorta di angelo della morte, chiamato a compiere una missione di vendetta divina. In Revenant invece è detto molto chiaramente “la vendetta appartiene a dio”. Niente di quanto facciamo o non facciamo può realmente riscattare la nostra condizione di mortali, o ripagarci del dolore o delle perdite subite. Non c’è alcuna offerta di senso per quello che viviamo, se non una che è l’obbedienza, indefinita e inspiegabile a una forza più grande di noi, che costituisce poi il grande mistero della vita nella sua accezione più ampia.

    Voto: 10/10

  • #5
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    19823
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    348
    Thanks Thanks Received 
    1043
    Thanked in
    669 Posts

    Predefinito

    Revenant è un film costruito per far man bassa di Oscar e di premi tout court. Lo è in senso positivo, non esclusivamente hollywodiano, anche se dentro ci sono tutti i temi dell'America come ideologia, gli enormi spazi, l'uomo che con la sua tenacia riesce a raggiungere l'obiettivo, lo spirito di frontiere, ma questa volta visti con gli occhi di un altro americano, che non è per forza del Nord, il regista Inarritu. Tutto si colora di passione, di emozione, di spiritualità, anche grazie alla meravigliosa fotografia che da sola riesce a comunicare la profondità dei sentimenti, nobili ed ignobili. Amore e morte, la loro inestinguibile lotta, questo è il grande regalo del regista messicano che fa di questo film qualcosa di ibrido e per questo molto interessante. Di Caprio conciato con barba e cicatrici riesce finalmente ad uscire dal suo ruolo solito e viene premiato proprio perché irriconoscibile. I premi li merita tutti e anche la visione in più riprese o ripetuta a distanza di tempo per cogliere tutto che c'è da cogliere in un film complesso come questo.

  • The Following User Says Thank You to elisa For This Useful Post:


  • #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    5000
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    1373
    Thanks Thanks Received 
    817
    Thanked in
    542 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zingaro di Macondo Vedi messaggio
    La colpa è interamente mia, in quanto ero partito con aspettative forse troppo alte (adoro Innaritu e adoro Di Caprio), ma devo dire che questo film ha deluso anche me.

    Ne consiglio comunque la visione, perché è godibile e avventuroso, ma non aspettatevi riflessioni dell'altro mondo e nemmeno riflessioni su questo mondo.

    Stereotipato in ogni ambito, anche nella fotografia che è comunque di grande qualità, il film avanza in modo troppo lineare, ogni minuto è dannatamente scontato e gli episodi in cui il protagonista viene rambizzato sono stucchevoli e ridicole. La violenza è fine a sè stessa e non racconta per metafora quella tra uomo e natura e\o quella tra uomo e uomo, benchè attori e regista si siano dati un gran daffare a dire il contrario.

    Rimane la buona interpretazione di Di Caprio che però non è all’altezza di altri film, anche se credo che finalmente vincerà l’Oscar, più per i rumors degli ultimi tempi che per questa interpretazione.

    Il film si fa guardare, ma non è niente di più che un discreto "movie" di avventura e paesaggi che va a ingrossare la già stipata categoria dei film americani di quel genere.
    Io sposo piuttosto questa recensione (e quella di Volgere). Con una modifica rispetto al "si fa guardare": personalmente, ho passato almeno 20 minuti con gli occhi chiusi, canticchiando tra me la canzone "Passerà" . Ero al cinema

    Ma apprezzo il commento positivo di Elisa, evidentemente ha visto cose che a me sono totalmente sfuggite


  • Discussioni simili

    1. Punke, Michael - Revenant
      Da c0c0timb0 nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 03-03-2016, 08:56 PM
    2. Inarritu, Alejandro Gonzalez- Biutiful
      Da Zingaro di Macondo nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 11-16-2015, 05:37 PM
    3. Iñárritu, Alejandro González - Babel
      Da Fabio nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 8
      Ultimo messaggio: 10-27-2015, 03:19 PM
    4. Amenábar, Alejandro - The others
      Da Ambra nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 17
      Ultimo messaggio: 07-28-2010, 09:30 PM
    5. Inarritu, Alejandro Gonzalez
      Da elisa nel forum Tutto cinema
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 09-16-2008, 07:35 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •